Pisa Pia


Utente dal
7/2/2014


Totale commenti
3

  • Asilo “L’Ancora”,
    38 bambini in mezzo alla strada
    Staffolani: “Perdiamo 50 mila euro l’anno”

    1 - Feb 11, 2014 - 9:47 Vai al commento »
    Quante belle parole sulla Costituzione! Quanto interesse sui conti della cooperativa e gli appalti! Ma i bambini? Chi si preoccupa di capire che fine faranno? Qui o li che importa, no? Tanto sono piccoli, non capiscono.... ma il loro diritto alla continuità educativa chi lo tutela? il disagio che si impone cambiando scuola per due volte di seguito in due anni (i bambini di 4 anni a settembre 2014 faranno l'ultimo anno di materna con maestre diverse  metodi diversi e compagni diversi poi a settembre 2015 cambieranno di nuovo facce e metodi!!!)  una struttura che si impegna nel sociale - vedi statuto-, e fortemente caratterizzata dal punto di vista religioso come prima qualcuno accennava, non si preoccupa affatto di questo?
  • La scuola dell’infanzia L’Ancora chiude
    Genitori sul piede di guerra

    2 - Feb 7, 2014 - 17:16 Vai al commento »
    Inoltre, quando la scuola pubblica sarà in grado di offrire i servizi, non ultimo quello della flessibilità di orario che va incontro alle esigenze di chi lavora l'intera giornata - a volte fino alle 20,00-,  che spesso  e volentieri offrono le strutture private, allora le potremo definire superflue!!! 
    3 - Feb 7, 2014 - 15:44 Vai al commento »
    che c'entrano le scuole elementari pubbliche????? qui si parla di scuola d'infanzia, cioè l'asilo, cioè la scuola materna!!!! che non ha preso fondi dal comune per buona informazione! per cui chi ha frequentato questa scuola e ha pagato le rette mensili, non solo non ha usufruito di servizi pubblici (gli asili comunali per capirsi) che pure gli spettavano di diritto (e quindi non è costato un solo euro al comune), ma con le proprie tasse, pagate o estorte che dir si voglia, ha pagato il servizio pubblico pure per gli altri che invece ne hanno, per scelta diversa e parimenti rispettabile e libera, usufruito!  
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy