Pierpaolo Tartabini

Pierpaolo Tartabini


Utente dal
30/11/2009


Totale commenti
5

  • La Giunta Carancini torna sotto esame
    La verifica è già iniziata

    1 - Nov 8, 2012 - 14:44 Vai al commento »
    @davoli: mi scuso in anticipo di non essere riuscito in passato, e certamente lo sarà anche in futuro, a rispondere a domande e richiami diretti. I miei problemi lavorativi, che spesso mi portano in giro per l'Italia, non mi danno la possibilità di seguire in modo costante il presente strumento di comunicazione e quindi poter intervenire quando interpellato.  Vista però l'occasione, rispondo subito al perché non sono stato presente al consiglio sulla delibera dell'IMU.  In data 25 ottobre ho comunicato per iscritto due richieste al presidente Mari Romano: di non convocare nel giorno successivo la seduta straordinaria di consiglio nella data del 30 novembre, perchè già impegnato per motivi di lavoro in Emilia Romagna; di non aggiungere la seduta straordinaria di consiglio a quelle già programmate per gli evidenti vantaggi economici, ma semplicemente di rimodulare una delle date già definite.  Per la prima il risultato lo conosce, per la seconda sto ancora attendendo.
  • Consiglio sospeso
    Manca il numero legale
    Giorgini a rischio

    2 - Set 21, 2010 - 9:35 Vai al commento »
    @il vegliante Fortunatamente mi capita solo di rado di non arrivare in tempo all'inizio dei lavori del Consiglio Comunale, ma lavorando fuori non sempre si riesce a calcolare tutto. Inoltre è utile dire che non è assolutamente che ero nei corridoi quando si è votato, ne sono venuto a conoscenza al mio rientro. Infine, sulle mie posizioni in merito alla Giorgini, ritengo non sia necessario dire più nulla, avendo contribuito prima alla costituzione del Comitato quando ancora il SUAP aveva il nome della ORIM, e avendolo supportato poi nell'azione di contrasto sviluppatasi negli anni a venire. Ma al di là delle parole, avrà modo di verificarlo al momento della discussione e della votazione in Consiglio.
  • No ai parenti
    nelle società partecipate
    Un boccone amaro per il Pd

    3 - Giu 10, 2010 - 10:21 Vai al commento »
    @Jack Dire che sia un risultato portato a casa dall'opposizione, mi perdoni, ma ritengo sia un'affermazione non corretta. La maggioranza non è andata sotto, ma più precisamente si è divisa su temi che qualunque cittadino considererebbe come l'atteggiamento minimo da parte di chi governa. Chiunque esso sia. Io sono stato uno di quelli che ha contribuito a far passare i due emendamenti, sicuramente non esaustivi per metterci al riparo da condizionamenti poco chiari (Non è con l'eccesso di normativa che si risolvono problemi di trasparenza e correttezza), ma sicuramente si sta andando nel verso giusto.
  • Munafò: “Troppa improvvisazione
    sul Piano Energetico Ambientale Comunale”

    4 - Dic 4, 2009 - 15:11 Vai al commento »
    Peccato che Munafò utilizzi le proprie competenze a mo' di clava per distruggere “a prescindere”: ritengo sia essa una pratica scorretta e non utile alla città. Innanzitutto mi duole vedere che hai omesso molte parti della delibera, provando a indirizzare la lettura delle modifiche al REC, e non del PEAC, su un percorso prossimo alla catastrofe. Iniziamo allora ad analizzare quanto tu dici dall'improvvisazione! Le modifiche al REC si basano quasi totalmente su atti e percorsi individuati dalla Regione Marche. L'utilizzo del protocollo ITACA semplificato, soluzione che tu avversi come fosse il male supremo, non e' un'invenzione o un'improvvisazione di questa amministrazione, bensì è frutto dell'indirizzo dato dalla Regione (Vedesi sito della Regione, Ambiente e Territorio, Edilizia Sostenibile). Lo studio e l'individuazione del protocollo è il risultato di un lavoro commissionato al Politecnico delle Marche, presumo tuoi colleghi professori. Quindi, dov'è l'improvvisazione? Le serre solari. Il modo in cui indichi l'introduzione delle serre solari sembrerebbe sia l'unico strumento per l'utilizzo dell'energia solare nell'edilizia. Dichiarazione che più sbagliata non può essere. L'articolo delle serre solari è per l'introduzione di questa soluzione tecnica come elemento aggiuntivo tra quelli a disposizione dei tecnici, utile a raggiungere il livello minimo di efficienza energetica richiesta e non essere penalizzati nelle volumetrie se utili allo scopo. Saranno poi gli stessi tecnici ad utilizzare quel giusto mix di soluzioni presenti sul mercato per ottenere tale risultato. Dove sono allora gli speculatori? Poi passo all'inclinazione dei pannelli solari. Anche in questo caso si testimonia la speculazione elettorale che tenti di introdurre con l'intervento. La delibera si incentra soprattutto sulla richiesta di produzione minima di energia da fonti rinnovabili, senza fissare troppi paletti sulle tecnologie da utilizzare, sulle innovazioni che possono essere introdotte sul mercato nei tempi a venire e non sulla giusta inclinazione dei pannelli. Sarà la capacità dei tecnici in base alle tecniche utilizzate arrivare alla soglia minima. Potrei continuare ma penso sia più utile informare i cittadini che il Peac ha l’obiettivo di indirizzare l'edilizia maceratese verso pratiche più qualificanti e ambientaliste, senza però avere la presunzione che la stessa sia la bibbia e quindi pronta a migliorie o modifiche non sostanziali, con un atteggiamento dialogico. Infatti, nelle tre riunioni precedenti di commissione, dove Placido è stato sempre assente, è stato questo il tono e l'apertura di chi la proposta. Tanto che alcuni consiglieri di minoranza hanno proposto emendamenti, modifiche e ragionamenti proprio con l'intento di deliberare un atto utile ad uno sviluppo diverso della città.
  • Tartabini, l’ala sinistra delle primarie:
    “A Macerata serve una marcia in più”

    5 - Nov 30, 2009 - 15:04 Vai al commento »
    Caro Roberto, ti rispondo molto volentieri anche se parto dalla fine. Sulla conquista della poltroncina sai che non devo convincere nessuno, tanto meno un amico come te. C’è la storia del mio lungo e diffuso impegno tra la gente, con anni passati nella circoscrizione ed altrettanti come consigliere, avente un unico obiettivo: migliorare la qualità della vita dei cittadini maceratesi e dei loro figli, e sai a cosa mi riferisco. Se me lo permetti però, un consiglio te lo voglio dare: in tempi di elezioni tutti potrebbero essere accusati di ricercare una poltroncina se non lo si confronta con quanto fatto prima e con quali obiettivi. A prescindere che sia una persona che si affaccia all’agone politico da pochi mesi o che ne stia uscendo ora al termine di una amministrazione. E ora vengo alle risposte. Risposta 1). Vedi Roberto, in politica come nella vita, quando si sta insieme ad altri non sempre il proprio punto di vista è completamente condiviso ed accettato, ma è anche vero che molti punti da noi proposti sono stati accolti: pretendere “l’ottimo” spesso ci impedisce di ottenere “il meglio”. Rimaniamo in quel gruppetto perché ancora riteniamo possibile far pesare le nostre idee nonostante Città Viva di Maurizio Mosca ci volesse azzittire. Con metodi e finalità che non voglio neanche menzionare. Risposta 2). Con la foga di intervenire forse hai sbagliato la sequenza. In effetti la risposta alla tua prima domanda dipende dalla risposta alla seconda. Mi spiego meglio. Se quel gruppetto non ascolta a sufficienza le idee della sinistra è perché, purtroppo, la sinistra è divisa e tu sai che da sempre questo è stato, ed è, il mio cruccio: unire tutte le forze a sinistra del PD, l’unico modo per dar forza a molti contenuti che porti avanti anche tu con il tuo gruppo. Risposta 3) Era meglio, certo che era meglio compattare i partiti di sinistra, ma soprattutto è meglio compattare le tante persone di sinistra che sono stufe di queste divisioni. Non è sicuramente colpa nostra se non ci siamo riusciti. Correre da soli poteva essere un’opzione, ma sono abituato a stare con i piedi per terra, ho visto in giro tanti fuochi di paglia che ci provano da soli tanto per provarci con la conseguenza di disperdere le forze per sostenere i temi cari alla sinistra. Spero Roberto di averti risposto non in politichese, come tu mi hai chiesto. Infine, per quanto riguarda l'intervento di Munafò, voglio dire solo che omette "volontariamente" alcuni passaggi importanti. Come il fatto che la delibera di modifica al REC si basa sulla normativa emessa recentemente dalla regione, stilata proprio grazie alla consulenza dei suoi colleghi del Politecnico delle Marche. Oppure quando attacca il centro-destra di essere complice dell'amministrazione uscente. E' forse lo stesso PdL, pubblicato proprio su queste pagine, con cui dice di voler fare l'accordo per le prossime elezioni? Tutto ciò rende il suo intervento per nulla credibile, ma solo frutto della ricerca di una visibilità mediatica utile per il prossimo passaggio elettorale.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy