Movimento Cinque Stelle Macerata (Carla Messi)

Movimento Cinque Stelle Macerata (Carla Messi)


«Il gruppo degli Iscritti di Macerata al Movimento 5 Stelle è una libera associazione di cittadini che si basa sul principio della partecipazione che pone il cittadino al centro della vita amministrativa attraverso gli strumenti (informatici e non) della democrazia diretta e partecipata»

Utente dal
21/1/2013


Totale commenti
33


Sito web
http://www.macerata5stelle.it

  • Dalla casa di vetro
    alle riunioni carbonare:
    la metamorfosi dei 5Stelle

    1 - Lug 9, 2019 - 16:51 Vai al commento »
    la serata che ha descritto il giornalista Cambriani - se presente, forse distratto o, se assente, mal informato - riporta una trama che purtroppo sfugge alla realtà come all' imparzialità dei fatti accaduti. L'annuncio chiaro e forte venuto fuori dalla serata è che la visione che ha il M5S dell' Italia non è con navigazione a vista ma è con una prospettiva evolutiva del Paese a 10 anni e oltre. Non ci si sofferma su quello che è iniziato adesso, il primo mattone posato a terra dopo appena un anno di governo. Siamo al comando di una nazione che ha bisogno di invertire la rotta dopo decenni in cui l' Italia è stata colpita e offesa nei suoi gangli vitali a causa del malaffare, degli imbrogli, della corruzione, delle incompetenze e delle raccomandazioni. Un movimento giovane deve necessariamente adeguarsi a quello che gli viene richiesto e a quello che serve per migliorare; tutto in maniera chiara, pulita e snella, senza paura di nessuno, visto che non dobbiamo rispondere a nessun padrone se non a chi ci ha votato. Quindi ci si incontra e ci si confronta possibilmente tra di noi.C'è una legge che lo vieta sig. Cambriani? concludendo, il messaggio che esce fuori dalla proficua serata con Di Maio è che non ci si cura di incrementare le percentuali di gradimento nei sondaggi o lo share in tv, ma si lavora intensamente per il benessere di tutti con serietà , dedizione e attenzione particolare rivolta alle nuove generazioni, a chi è rimasto indietro e a chi chi verrà dopo di noi, con lo sguardo rivolto ai decenni a venire.
  • Incenerimento, il ministro Costa:
    «Impugnare legge Marche atto dovuto»

    2 - Ago 29, 2018 - 7:39 Vai al commento »
    intervento di Peppino Giorgini in Regione in fase discussione Legge...a dimostrazione che era evidente il problema: PDL 192 IN COMMISSIONE - POI DIVENTATA LEGGE 22/2018 Peppino GIORGINI. Grazie Presidente. Detto che siamo stati e siamo contrari, per nostra natura, per nostro Dna, a bruciare per produrre energia e non, siamo contrari a qualsiasi tipo di combustione che sia a scopo di lucro, debbo porre all’attenzione di questo Consiglio due questioni che ritengo importanti. Ne abbiamo parlato in Commissione, in realtà credo che probabilmente, per non dire sicuramente, questa legge verrà impugnata dalla Corte Costituzionale, sicuramente o probabilmente, non so cosa sia meglio dire, e spiego i motivi. La scheda Atn che ci è pervenuta in Commissione è molto chiara su questo e leggo testualmente quello che dice per far capire quello che abbiamo vissuto in Commissione e che riporto dentro quest’Aula: “La Pdl 192 ( oggi legge 22) è diretta inoltre a vietare in modo permanente nel territorio regionale qualsiasi forma di combustione dei rifiuti e dei suoi sottoprodotti. Sotto tale profilo si evidenzia il palese contrasto con l’articolo 35 del Decreto legge ‘Sblocca Italia’ (e con il conseguente D.P.C.M. 10 agosto 2016), il quale definisce gli impianti di incenerimento in questione quali 'infrastrutture ed insediamenti strategici di preminente interesse nazionale' diretti tra l’altro a limitare il conferimento dei rifiuti in discarica. Attualmente, quindi, il legislatore regionale non può vietare nel proprio territorio la combustione dei rifiuti in quanto verrebbe pregiudicato in tal modo quel 'bilanciamento di interessi' sopra descritto che la norma statale è preordinata a garantire”. Questo è il primo problema, noi sappiamo, io so, pur essendo d’accordo sul principio che è contenuto nella legge presentata dal Consigliere Bisonni, che questa legge probabilmente, non sicuramente, verrà impugnata. A questo aggiungo: “Per completezza di informazione (come dice la scheda Atn) si precisa, a tale proposito, che il Tar del Lazio, sezione prima, con una recente ordinanza del febbraio 2018 ha rinviato l’articolo 35 del suddetto decreto legge n. 133/2014 e la normativa secondaria di attuazione (D.P.C.M. 10 agosto 2016) alla Corte di Giustizia dell’UE per verificarne la conformità con il quadro normativo europeo vigente, sospendendo la sua decisione su un ricorso proposto da alcuni comitati ambientalisti contro la normativa statale richiamata”, quindi non solo è pendente un ricorso al Tar, ma il Tar si è rivolto alla Corte di Giustizia europea, quindi c’è un conflitto, un vulnus che ancora si deve dipanare. Detto questo, non possiamo non essere d’accordo sul concetto che esprime la proposta di legge perché il percorso politico che ci sarà nel Ministero dell’ambiente, che da sempre è quello nostro, sarà quello di evitare di bruciare rifiuti e ripartire dalla produzione di base, che darà i rifiuti del futuro, più del riciclo e del riuso, per quello che noi intendiamo come economia circolare. Dobbiamo imparare a considerare quanto produciamo prima di creare il danno, non dopo che lo abbiamo fatto, quindi il riuso ed il riciclo non è sovraordinato alla produzione nell’economia circolare, l’attenzione sulla produzione per creare meno rifiuti è la base di tutta l’economia circolare. Detto questo, per i concetti politici che ho espresso, voteremo a favore di questa proposta di legge anche se credo che probabilmente, come ho detto all’inizio, la legge verrà impugnata. Grazie.
    3 - Ago 28, 2018 - 19:52 Vai al commento »
    Il consigliere regionale Bisonni ha perso l'ennesima occasione per tacere, cosa che avrebbe fatto bene a fare, dal momento che la Legge da lui presentata, seppur in astratto condivisibile nel contenuto, presenta evidenti profili di incostituzionalità. Il M5stelle ha come priorità la qualità della vita dei cittadini ed il solo fatto che Bisonni metta in dubbio principi che conosce bene, e che a suo tempo condivise, mostra la caratura dell’uomo, forse in questo momento più interessato ad ottenere una futura poltrona col Pd
  • No incenerimento nelle Marche,
    l’allarme di Bisonni:
    «Il ministero vuole impugnare la legge»

    4 - Ago 27, 2018 - 23:23 Vai al commento »
    Bisonni si avventura in sentenze preventive sempre molto ardite quando si tratta di attaccare il M5S, quello, tra l'altro, che gli ha permesso di sedere in Consiglio regionale. Sono affermazioni importanti e gravi che fa , supportate da notizie ancora non chiare che si prestano facilmente alla strumentalizzazione. Il M5S vigilerà affinché prevalga la ragione ed il buonsenso.
    5 - Ago 27, 2018 - 23:17 Vai al commento »
    Bisonni si avventura in sentenze preventive sempre molto ardite quando si tratta di attaccare il M5S, quello, tra l'altro, che gli ha permesso di sedere in Consiglio regionale. Sono affermazioni importanti e gravi che fa , supportate da notizie ancora non chiare che si prestano facilmente alla strumentalizzazione.il M5S vigilerà affinché prevalga la ragione ed il buonsenso.
  • Nuovo centro commerciale,
    raccolta firme per fermarlo

    6 - Giu 24, 2018 - 22:57 Vai al commento »
    tenteremo di starci dalle 9.30 alle 12,30 e dalle 15.30 alle 19.30 sui 3 luoghi menzionati nel video: Largo Amendola (Piazza della Libertà) - Corso Cairoli (P.zza N.Sauro) - Corso Cavour
  • La Repubblica italiana
    è diventata monarchia?

    7 - Mar 26, 2018 - 14:56 Vai al commento »
    Dorma sonni tranquilli Dr.Liuti perché da quello che ha scritto sembra che lei abbia mangiato la peperonata. Le ricordiamo che 8 milioni di persone sono state ridotte in povertà dal suo amico Renzi e non possono neanche immaginare la cena della quale lei parla. La sua penna di solito raffinata ha scritto cose aberranti su un giovane leader del quale ancora non si conoscono le scelte, ed associarlo alla monarchia è irrispettoso degli 11 milioni di italiani che hanno votato il Movimento 5 stelle. Le ricordo che se ci sono stati di recente atti che ricordano la monarchia sono i provvedimenti a pioggia passati con la “fiducia” anziché col percorso democratico dal suo amichetto “pinocchietto Renzi”. Abbia per cortesia rispetto di un Movimento che quanto meno presenta in Parlamento dei non condannati, sempre a differenza del suo amichetto Renzi, ed ha candidato le migliori eccellenze di ogni territorio all’uninominale. Lei può continuare ad ironizzare fintamente, ma la prossima volta la invitiamo a sognare Denis Verdini che le potrà aprire scenari migliori o l’amico Silvio che firmò il patto del Nazzareno. Con ironia..
  • Accoglienza, soldi al Gus
    «Il sindaco faccia chiarezza
    su quanto versato dal Comune»

    8 - Mar 12, 2018 - 20:23 Vai al commento »
    per saperne di più sull'ultimo progetto Sprar vinto dal G.u.s. https://www.facebook.com/sindaco5stelle/videos/965287450287266/
  • Coltorti nella squadra di governo M5S

    9 - Mar 2, 2018 - 17:19 Vai al commento »
    Una persona di altissimo spessore umano e professionale che abbiamo il piacere di conoscere personalmente e di accompagnare nella cavalcata elettorale. Per la prima volta gli italiani hanno l'opportunità di scegliere gente capace e non i soliti professionisti della politica buoni per ogni ministero.
  • Energie rinnovabili e qualità dell’aria:
    “Macerata al top? Falso,
    consegnati dati fasulli”

    10 - Nov 7, 2017 - 16:55 Vai al commento »
    Abbiamo pubblicato il nostro secondo video per #INFORMACERATA - Salute pubblica e polveri sottili su facebook https://www.facebook.com/MovimentoCinqueStelleMacerata/videos/1714330218639044/ su Youtube https://www.youtube.com/watch?v=JsA_mRu4zf0 grazie
  • Maceratese, grillini all’attacco:
    “Carancini&Co vergognosi”

    11 - Ott 6, 2017 - 11:25 Vai al commento »
    I nostri banchetti, che saranno costanti tutte le settimane, sono atti a raccogliere le istanze dei cittadini per portarle in Consiglio comunale. Possono essere utili ai cittadini per avere risposte su dubbi che hanno. Nelle prossime settimane ci organizzeremo anche per aiutare ad iscriversi al Movimento 5 Stelle tutti coloro che desiderano farlo. Domani consegneremo anche dei simpatici volantini.
  • Comune, c’è il nuovo segretario generale
    L’ha scelto il ministero dell’Interno
    E’ sotto processo per abuso d’ufficio

    12 - Set 2, 2017 - 11:10 Vai al commento »
    il nostro comunicato integrale: Invasati dal potere, questa è l’immagine che trasmettono i nostri amministratori locali. Pochi giorni fa il Sindaco si è alterato inspiegabilmente perché la Lega Calcio non ha accettato l’iscrizione della Maceratese arrivata in netto ritardo (ma le regole non valgono per tutti?). Di questi giorni la forte presa di posizione della Prefettura che ha nominato il nuovo Segretario Comunale in quanto il Sindaco, nonostante trascorsi da molto (28 giugno 2017) i 120 giorni imposti dalla legge per sostituire il dimissionario Montaccini, ad oggi lasciava ancora nel ruolo un Dirigente, disattendendo le stringenti disposizioni dell’ Albo nazionale dei segretari comunali (Ministero dell’Interno). Considerata la “moria” dei segretari comunali in città è evidente che un problema esiste ed è probabilmente imputabile al fatto che tali segretari hanno limitata la propria autonomia da un Sindaco che dall’inizio del suo mandato decide tutto da solo, raramente supportato dai suoi stessi consiglieri (anche perché li ascolta di rado!). E’ quindi evidente che avere come segretario un Dirigente da sempre “assecondante” è molto più comodo che avere un segretario autonomo e rigoroso. Il ruolo del segretario comunale è per noi centrale in quanto risponde a persona indipendente che deve vagliare tutti gli atti comunali. Il segretario comunale dà per esempio il parere sugli emendamenti e proposte sia di minoranza che di maggioranza ed è quindi fondamentale che non sia di parte. Restiamo in attesa fiduciosa che gli amministratori spieghino ai cittadini i motivi per i quali sono così abituati ad infrangere regole importanti che la comunità si è data. Gruppo consiliare M5S Macerata
  • Macerata omaggia la vicepresidente dell’Argentina
    Cittadinanza onoraria a Gabriela Michetti,
    i 5Stelle attaccano: “Non è mai stata qui”

    13 - Lug 17, 2017 - 10:22 Vai al commento »
    un approfondimento di un esperto di America latina http://www.gennarocarotenuto.it/28228-gabriela-michetti/
    14 - Lug 17, 2017 - 7:55 Vai al commento »
    il nostro comunicato stampa integrale: Non possiamo non evidenziare che la Cittadinanza onoraria, come da tanti regolamenti/statuti comunali previsto, costituisce un riconoscimento onorifico nei confronti dei cittadini italiani o stranieri che si siano particolarmente distinti per il loro impegno morale, civile, culturale, sportivo e religioso e che abbiano instaurato rapporti con la città ed i suoi abitanti, dando lustro alla stessa e/o favorendo la conoscenza del territorio e del suo patrimonio storico, artistico, culturale ed ambientale a livello nazionale ed internazionale. Pur reputando la Signora Michetti persona rispettabile per il suo percorso personale e per le cariche assunte in Argentina, crediamo che il suo profilo non risponda ai requisiti sopra elencati. Precedenti cittadinanze onorarie riconosciute per esempio a Dante Ferretti ed al Cardinale Ersilio Tonini testimoniano che di tale riconoscimento è giustamente insignito chi ha un trascorso importante. Non può essere ovviamente sufficiente per un riconoscimento così alto una dichiarazione di amore per la città, non avendo la Signora Michetti mai vissuto la città stessa neanche per un minuto. Dare la cittadinanza onoraria significa consegnare simbolicamente le chiavi della città e francamente noi non consegneremmo mai le chiavi della città a chi prima di oggi non ci è mai stato. Potrebbe essere un riconoscimento che potremmo dare tra qualche anno dopo scambi ed arricchimenti reciproci, ma non ora. La motivazione di un così importante riconoscimento non può contenere un generico riferimento all’impegno della Vice Presidente su temi che investono il lavoro di qualunque Parlamento del mondo, ma che a quanto ci risulta, non vedono la Michetti coinvolta se non come Vice Presidente della Repubblica e Presidente del Senato. L’impegno sui temi sociali è tale, se vede in prima linea una persona, dal ruolo pubblico o professionale che ricopre; in questo caso non vi è traccia del fatto che alcuna delle iniziative citate siano state portate avanti dalla candidata alla cittadinanza. Per rinsaldare le relazioni tra due Paesi o una città ed un’altra non è necessaria una cittadinanza onoraria a un Vice Presidente che oggi c’è e domani chissà, ma sono necessari: accordi vincolanti su questioni specifiche che vanno oltre la carriera di un singolo e l’impegno comune su alcune questioni sensibili che interessano entrambi, l’azione comune su alcune questioni sensibili che interessano entrambi o che possono andare a beneficio dei cittadini da questa e quell’altra parte. E’ ovvio che la nostra contrarietà non è nei confronti della persona, degna di stima, ma ad un operazione per noi condotta più per un vezzo personale che per un reale bisogno. Crediamo altresì altamente scorretto forzare un’operazione che per prassi richiederebbe l’unanimità del consiglio comunale, tanto più se la contrarietà arriva da un gruppo consigliare che rappresenta una buona fetta di cittadini. E' evidente che il nostro dissenso alla cittadinanza onoraria non assume connotazioni politiche, ma non possiamo certo non evidenziare l’attuale situazione Argentina che vede al Governo una coalizione di destra fortemente conservatrice. Molto curioso che un’ amministrazione di centro sinistra attribuisca un’onorificenza alla componente di un governo accusato pesantemente per: -far piangere economicamente l’Argentina agevolando i più ricchi a discapito dei più deboli http://m.espresso.repubblica.it/plus/articoli/2016/06/09/news/mauricio-macri-il-presidente-italiano-fa-piangere-l-argentina-1.270765) -assumere un atteggiamento respingente verso l’immigrazione e le popolazioni indigene https://left.it/2017/02/01/argentina-la-tripla-stretta-di-macri-migranti-minori-e-mapuche/ -avere tagliato i fondi per la ricerca tanto da far partire proteste importanti http://www.repubblica.it/scienze/2017/06/29/news/argentina_contro_i_tagli_ricercatori_cantano_nuova_versione_di_despacito-169467989/ http://www.farodiroma.it/2017/01/23/argentina-drammatici-tagli-alla-ricerca-pubblica-da-parte-del-governo-macri/ -dare di fatto l’impunità ai militari della dittatura degli anni 70 http://www.osservatoriorepressione.info/argentina-torna-limpunita-militari-della-dittatura-degli-anni-70/ -reprimere con la violenza le proteste http://www.labottegadelbarbieri.org/argentina-macrismo-e-repressione/ Speriamo davvero che non siano vere le voci che dicono che i rappresentanti in consiglio comunale di quella sinistra che non c’è più non si presenteranno al consiglio comunale del 20 luglio, perché sarebbe un atto vile e di totale asservimento.
  • Campus alle Casermette:
    via libera del Consiglio

    15 - Mar 8, 2017 - 10:46 Vai al commento »
    La discussione di ieri è avvenuta in un clima disteso ed ogni consigliere ha evidenziato l'importanza di queste scuole. L'unico intervento "divisivo" è stato del Sindaco, ma ormai conoscono questa sua caratteristica di esclusione più che di inclusione. La nostra astensione è stata largamente motivata e dipende principalmente dal fatto che il M5S Macerata ritiene che con grande probabilità davanti alle scuole verrà realizzato un centro commerciale. Nelle transazioni tra comune e Cassa depositi e prestiti, infatti, una grande porzione delle Casermette prospicente le scuole resterà della Cassa depositi e prestiti Immobiliare. La Cassa depositi e prestiti è entrata nel marzo scorso (tramite il suo Fondo Strategico) nella holding della famiglia Brunelli, che controlla la società Finiper, che gestisce i grandi supermercati Iper. Questo porterà secondo noi la CDP immobiliare a scegliere di collocare in quel luogo un grande supermercato. Per questo motivo abbiamo scelto l'astensione, che a differenza di quanto afferma pittorescamente il sindaco, non è il voto degli ignavi ma l'espressione di voto di chi non è convinto pienamente di un progetto. Ci preme anche aggiungere che ci resta difficile aver fiducia di amministrazioni che nel corso degli anni hanno compiuto una serie di disastri urbanistici che rappresentano ferite al territorio che resteranno aperte per decenni (Piazza Pizzarello, Via Trento, Valleverde...). Votare delibere poco chiare nel settore urbanistico vuol dire continuare a programmare lo sviluppo della città a caso.
  • Marco Travaglio al teatro Don Bosco:
    “Siete pronti al Referenzum?”

    16 - Nov 8, 2016 - 12:18 Vai al commento »
    Doveroso un ringraziamento a tutti gli attivisti e simpatizzanti del Movimento 5 stelle Macerata che hanno reso possibile un evento così importante. Straordinaria la risposta dei maceratesi che in pochi giorni hanno prenotato tutti i biglietti disponibili. Siamo dispiaciuti per i tanti che non hanno potuto assistere allo spettacolo per la mancanza di posti disponibili, ma avranno in futuro altre occasioni per seguire eventi da noi organizzati. Il M5S, come ben sanno i cittadini, rifiuta il finanziamento ai partiti e restituisce gran parte degli stipendi di consiglieri regionali e parlamentari; questa scelta rende più difficile organizzare eventi come questo, ma rende ancora più grande la soddisfazione quando si riesce a farlo. Il nostro premier ha ingaggiato coi nostri soldi un professionista della comunicazione (Jim Messina) che pagheremo € 400mila per agevolare un voto referendario. Noi abbiamo oggi l’orgoglio di dire che un evento come quello di ieri lo abbiamo pagato grazie ai cittadini che hanno pagato il biglietto e grazie agli attivisti che hanno versato una loro quota.
  • Ambito sociale, Pd attacca M5S:
    “Vogliono riportarci a 15 anni fa”

    17 - Ott 14, 2016 - 10:08 Vai al commento »
    Accuse totalmente infondate del PD che servono forse a coprire le varie vicende poco chiare sulle piscine. Il M5S sta dimostrando sia a livello nazionale che a livello locale che risparmia cifre ingenti per dedicarle al sociale drenandole da spese partitiche senza senso, spesso frutto di marchette elettorali. Ricordiamo anche agli esponenti PD che sia i parlamentari che i consiglieri regionali del M5S restituiscono ingenti parti dei loro stipendi incentivando le piccole e medie imprese che in questo modo svolgono anche una funzione sociale. La nostra astensione (che non è un voto contro e quindi annulla le farneticazioni del PD), come detto in Consiglio, è perché si può fare molto di più sapendo comunque che il Comune dedica cifre importanti al sociale. L'impressione chiara è che il PD voglia orientare i maceratesi verso altri ragionamenti per coprire varie questioni locali scottanti. Basterebbe osservare cosa sta succedendo in ambito sociale, dopo pochissimi mesi, a Torino ed a Roma (dove i media parlano solo di errori e non di tagli). Sono state eliminate il 30/40% delle spese della "macchina amministrativa" per dedicarle al sociale. A volte è meglio tacere.
  • ParkSì, inadempienze da seppellire
    con una strampalata transazione

    18 - Set 15, 2016 - 10:26 Vai al commento »
    Il nostro parere in questo articolo di CM corredato da un video che reputiamo molto esplicativo https://www.cronachemaceratesi.it/2016/07/24/parksi-e-mobilita-m5s-allattacco-maceratafacilona-fuori-dalle-mura-la-giunta-vuole-il-vuoto/836476/ Grazie a Romolo Tamburrini per aver evidenziato la nostra chiara posizione in merito ad un'operazione con troppi misteri.
  • La chiamata alle armi del M5S:
    “I cittadini si mobilitino contro il ParkSì”
    Si va verso la delibera

    19 - Set 9, 2016 - 13:51 Vai al commento »
    per saperne e capirne d ipiù https://www.facebook.com/MovimentoCinqueStelleMacerata/videos/1141373705934701/?video_source=pages_finch_trailer
  • “Macerata che sarà”,
    il Comune chiede gli atti
    Bora: “E’ mancata l’unione con altre realtà”

    20 - Ago 10, 2016 - 10:58 Vai al commento »
    il nostro commento integrale, per correttezza: La bocciatura del progetto maceratese “Macerata che sarà” è la fotografia impietosa delle recenti amministrazioni: poca programmazione e fatta male. Ci speravamo profondamente in quei 6milioni che avrebbero potuto aiutare la città, ma non per il progetto partorito, bensì perché pensavamo che almeno 2 progetti peggiori del nostro potevano starci!. Invece No, come al solito. Il centro del progetto presentato alla Regione era il Park sì ed anche un bambino avrebbe giudicato quella operazione “non-sostenibile”. Temiamo che la “finta sostenibilità” sia stata la causa della bocciatura perché solo degli amministratori miopi possono nel 2016 parlare di sostenibilità aumentando la circolazione delle vetture private a discapito del trasporto pubblico. “Macerata che sarà” diventa oggi “e che ne sarà di Macerata?”, visto che ogni progettualità presentata in amministrazione era sempre condita dalla frase “lo faremo se, come speriamo, vinceremo il bando Iti”. Ci ritroviamo invece con migliaia di euro spesi per i consulenti e con una recente rettifica di bilancio di appena 1milione200mila euro in gran parte generata da presunti incassi da oneri di urbanizzazione di quelle meravigliose idee chiamate Piano casa e Minitematica. Loro programmano tutto malissimo, i maceratesi continuano a pagare il conto salatissimo.
  • Niente fondi per “Macerata che sarà”:
    vincono i progetti di Ancona,
    Ascoli e Pesaro-Fano

    21 - Ago 5, 2016 - 17:51 Vai al commento »
    La bocciatura del progetto maceratese “Macerata che sarà” è la fotografia impietosa delle recenti amministrazioni: poca programmazione e fatta male. Ci speravamo profondamente in quei 6milioni che avrebbero potuto aiutare la città, ma non per il progetto partorito, bensì perché pensavamo che almeno 2 progetti peggiori del nostro potevano starci!. Invece No, come al solito. Il centro del progetto presentato alla Regione era il Park sì ed anche un bambino avrebbe giudicato quella operazione “non-sostenibile”. Temiamo che la “finta sostenibilità” sia stata la causa della bocciatura perché solo degli amministratori miopi possono nel 2016 parlare di sostenibilità aumentando la circolazione delle vetture private a discapito del trasporto pubblico. “Macerata che sarà” diventa oggi “e che ne sarà di Macerata?”, visto che ogni progettualità presentata in amministrazione era sempre condita dalla frase “lo faremo se, come speriamo, vinceremo il bando Iti”. Ci ritroviamo invece con migliaia di euro spesi per i consulenti e con una recente rettifica di bilancio di appena 1milione200mila euro in gran parte generata da presunti incassi da oneri di urbanizzazione di quelle meravigliose idee chiamate Piano casa e Minitematica. Loro programmano tutto malissimo, i maceratesi continuano a pagare il conto salatissimo.
  • Un anno di Romano II, (videointervista)
    “Caro Pd, basta con i signorsì”

    22 - Giu 23, 2016 - 16:48 Vai al commento »
    leggiamo col sorriso sulle labbra l'articolo del bravo Ricci e, a distanza di qualche giorno perchè in attesa di una smentita magari anche scherzosa del nostro sindaco che però non è arrivata, ci sentiamo di dover replicare perchè far passare per "grillino" il sindaco Carancini ci sembra una doppia forzatura. Intanto il termine "grillino" va aggiornato alla realtà che ci vede come primo movimento politico in Italia e si chiama "M5S" o, più semplicemente, "5 Stelle". Pertanto , pur riconoscendo con stima, rispetto e affetto la creazione del Movimento al nostro garante Beppe Grillo, sarebbe il caso di adeguare le cronache al succedersi degli eventi. La seconda forzatura è che il sindaco Carancini, per quanto simpatico e apparentemente sempre disponibile ad ascoltare gli altri sui contenuti e non sul colore politico di chi propone argomenti seri e di buonsenso (che è prerogativa dei veri "5 stelle"), nei fatti non lo è proprio. Anzi, dimostra l'esatto contrario! Infatti, dopo un anno vissuto sugli scranni del Consiglio Comunale, possiamo affermare con certezza documentata che la posizione fortemente accentratrice ed opprimente del sindaco Carancini stride con la volontà del confronto sincero e democratico che l' assise pretende. Il sindaco Carancini è molto più vicino a Renzi che a qualsiasi altro esponente politico nazionale, fatevene una ragione. E questo è facilmente dimostrabile dai dissensi e dissapori che covano all'interno del gruppo di maggioranza ( come, di parallelo, dimostrabile anche a livello nazionale). Pertanto sig. Sindaco, Lei non è proprio "grillino" pardon... "5 stelle" e Il tempo - speriamo ancora per poco- dimostrerà se diciamo delle corbellerie o no. Buona giornata a tutti.
  • Rossano Ercolini, ‘Nobel dell’Ambiente’
    indica a Macerata la strategia
    “Zero Rifiuti e del Riciclo”

    23 - Giu 11, 2016 - 23:01 Vai al commento »
    Non è per nulla vero che il PD ha detto no agli inceneritori o, per precisione, hanno detto no all'inceneritore ma agiscono al contrario. Appena un mese fa si esaltava la Cosmari che ha acquistato un macchinario per produrre il CSS, un rifiuto compattato per essere incenerito. Il CSS verrà presumibilmente bruciato nel cementificio di Castelraimondo e Rossano Ercolini ha più volte sottolineato che i cementifici sono molto più pericolosi degli inceneritori perchè sottoposti a minori controlli. Leggete cosa dice ERCOLINI sul tanto amato cementificio-inceneritore del PD. Si sono fatti un clamoroso autogoal https://www.cronachemaceratesi.it/2016/05/16/il-guru-di-rifiuti-zero-contro-linceneritore-ne-ho-sconfitti-gia-300-sono-con-voi/807682/
  • Referendum sulle trivelle,
    le opinioni dei maceratesi

    24 - Apr 7, 2016 - 11:43 Vai al commento »
    Sabato 9 aprile alle ore 18,00 all'Hotel Claudiani di Macerata ci sarà Montanari Francesco del Comitato regionale No trivelle che spiegherà i dettagli del referendum e la situazione delle trivelle nell'Adriatico. Partecipate e sarete informati. GRAZIE
  • Concerto Gospel strapieno,
    Tartuferi: “Servono parcheggi”,
    Carancini: “Tra due mesi il ParkSì”

    25 - Dic 22, 2015 - 0:51 Vai al commento »
    "Bella iniziativa e piacevole serata che ci ha regalato il concerto Gospel, certo se non fosse stata strumentalizzata dalla politica per farsi propaganda sul non-Affare Park sì. Il nostro caro sindaco si fa bello sul palco dicendo che tra due mesi avremo un parcheggio, di fatto dimentica che il parcheggio lo abbiamo già, basta solo fare in modo che venga utilizzato e soprattutto dimentica, forse volutamente, di informare i cittadini che l'operazione costerebbe duemilioni e 200 mila €. Maceratesi, non credete che il parcheggio possa essere utilizzato senza spendere tale esorbitante cifra? Cifra che magari potrebbe essere destinata ad altro? Il sindaco non se la pone questa domanda? Perché è ostinato a voler concludere questa operazione assurda che neanche la sua maggioranza approva?". http://www.macerata5stelle.it/wp-content/uploads/2015/12/2015-12-11-presentazione.pdf
  • Il Park Sì’ non convince il M5S:
    “Ci serve davvero?”

    26 - Dic 13, 2015 - 10:34 Vai al commento »
    Ecco il video di cosa abbiamo detto nella serata, per chi non ha potuto partecipare https://www.facebook.com/MovimentoCinqueStelleMacerata/videos/988878764517530/?l=1957637938401619775 Grazie
  • L’appello di una mamma:
    “No alla sala scommesse
    di fianco alla scuola”

    27 - Nov 19, 2015 - 12:12 Vai al commento »
    Il M5s sta facendo da sempre una campagna informativa sulla ludopatia, un fenomeno sottovalutato solo perché porta nell' immediato entrate alle casse statali. Enorme è il numero delle famiglie distrutte dalla ludopatia. Pensate che il fenomeno coinvolge molte più persone di quante ne coinvolga la droga. Temiamo che la battaglia sia in questa occasione morbida perché lo "spacciatore" d' azzardo è lo Stato. Tanti sindaci in Italia hanno scelto di regolamentare in maniera stringente queste macchine che distruggono vite e futuro di tante persone e famiglie. Per questo il m5s cittadino proporrà in Consiglio Comunale un regolamento specifico. Crediamo, a prescindere, che non si possano accettare altre aperture di questo genere di attività sul nostro territorio, tanto meno davanti ad una scuola! Stiamo lavorando da alcuni giorni, con l'aiuto dei nostri rappresentanti in Parlamento, per evitare che il comune di Macerata dia il via a questa disgraziata operazione che nuoce soltanto al bene della città.
  • Park Sì o park no? Decisamente no
    (Seconda parte)

    28 - Nov 15, 2015 - 18:01 Vai al commento »
    In realtà ai tre dipendenti del parcheggio in struttura, oltretutto molto gentili e disponibili con i fruitori del ParkSì, sono addossate mansioni, competenze e responsabilità che poco hanno a che vedere con chi si limita a controllare i veicoli in sosta di superficie. Questa è la ragione per cui hanno un inquadramento retributivo superiore. Il M5s ha una posizione precisa sulla strana ed esosissima acquisizione del Park Sì, posizione che renderà pubblica con una conferenza stampa appena il Pd si metterà d'accordo sulla proposta finale. L'acquisizione della gestione anticipata del Parksi può essere interessante, ma solo a costo zero. Il primo accesso agli atti sul Parksi - addirittura il primissimo della.consiliatura - è stato del M5s Macerata ed i nostri pareri non sono mai dettati dalla frenesia ma da uno studio attento e meticoloso delle carte.
  • “Svelato” il tendone all’Helvia Recina:
    “Per il beach volley spesi 300mila euro,
    ma nessun contributo dal Comune”

    29 - Nov 6, 2015 - 17:00 Vai al commento »
    Data l'importanza della questione e per completezza di informazione riteniamo utile compiere alcune precisazioni sulle dichiarazioni riportate nel presente articolo. A fronte dell’impegno e dell'evidente sacrificio economico a cui hanno fatto fronte gli investitori, non possiamo infatti esimerci dal rilevare una gestione amministrativa della questione quantomeno criticabile ed, in alcuni punti, oscura. Nell'articolo, uno dei due investitori afferma che "la variante e tutte le modifiche al progetto iniziale sono state sottoposte all’attenzione della commissione Ambiente e territorio e approvate dal Consiglio Comunale". Sarà per l'inesperienza in ambito amministrativo da parte dell'intervistato, ma l'affermazione è inesatta, in quanto il Consiglio Comunale non ha mai potuto esprimersi su tutti i lavori che stanno interessando la zona dell'Helvia Recina, siano essi quelli per l'adeguamento funzionale dello stadio, siano essi quelli relativi alla realizzazione dell'impianto di Beach Volley. Più specificatamente, il menzionato spostamento dell'impianto è stato deliberato con atto della Giunta Comunale (e non del Consiglio) n. 177 del 06.05.2015. Tale aspetto, che potrà apparire ai più come una cosa di poco conto, assume invece una rilevanza fondamentale in quanto con quella delibera la Giunta compie un atto amministrativo che, per legge, non rientra nelle sue competenze ma proprio tra quelle del Consiglio Comunale (così come previsto dal D.Lgs. 267/2000 agli artt. 42, c.2, let. l) e 48, c.2), e dallo Statuto del Comune agli artt. 10 - competenze del consiglio - e 16 - competenze della Giunta). La ratio delle norme summenzionate che riteniamo non sia stata rispettata è che il Consiglio discute e delibera su questioni di carattere generale, mentre la Giunta delibera sulle attuazioni delle scelte di carattere generale che il Consiglio ha compiuto: lo spostamento dell'impianto sportivo da un'area ad un'altra è una questione di carattere generale su cui il Consiglio Comunale, e non la Giunta, doveva dire la sua. Questo, insieme ad altri aspetti controversi (tra cui primeggia quello inerente l'autorizzazione di un edificio in un'area destinata a parcheggio) sono stati oggetto di una nostra interrogazione presentata all'ultimo Consiglio Comunale, a cui il Sindaco ha fornito risposte che non riteniamo soddisfacenti e per cui ci riserviamo di avviare altre iniziative future.
  • Park Sì o park no? Decisamente no

    30 - Ott 17, 2015 - 18:38 Vai al commento »
    Apprezziamo le dettagliate osservazioni dell' avvocato Bommarito, pienamente in linea con quanto da noi pubblicato qualche giorno fa. Aggiungiamo che se di subentro/acquisizione si deve parlare le condizioni per fa rlo sono tutte già stabilite nei contratti, quindi da osservare rigorosamente.
  • Commissioni, eletti i presidenti
    Mosca agli Affari istituzionali
    Rogante al Bilancio

    31 - Lug 22, 2015 - 23:08 Vai al commento »
    ‪#‎INCIUCIOFATTO‬! Quanto Scritto nel Comunicato Stampa del 21 Luglio si è Puntualmente verificato: ‪#‎MaurizioMomoMOsca‬ è il presidente delle I Commissione votato dalla Maggioranza e da Forza Italia. Il sistema ha quindi rifiutato la nostra richiesta di presiedere la commissione di controllo comunale, richiesta di cambiamento e trasparenza e cosi ha insultato la maggioranza dei cittadini che hanno espresso l'opposizione con il loro voto facendo del Movimento5Stelle il secondo partito a Macerata Solo ‪#‎AnnaMenghi‬ ha votato a favore della nostra candidatura in segno di riconoscimento alla maggioranza dei cittadini che non hanno scelto Carancini. Cari Cittadini il gruppo di controllo degli atti del Consiglio è quindi presieduto da un "oppositore" votato dagli uomini di Carancini in combutta con quelli della Pantana, finti nemici alle elezioni, ne vedremo delle belle. Un grazie particolare sicuramente al Consigliere ‪#‎RIccardoSacchi‬ di Forza Italia spesosi per far eleggere il presidente votato dal PD i cui elettori di Forza Italia sicuramente sapranno riconoscere le qualità da vero oppositore alle prossime elezioni! Buon Lavoro "Presidente" Mosca Staff Comunicazione Movimento 5 Stelle
  • Commissioni consiliari,
    nominati i componenti

    32 - Lug 22, 2015 - 11:19 Vai al commento »
    Sulla stampa si è tornati a parlare di Commissioni Consiliari e salta subito agli occhi che la richiesta avanzata pubblicamente dal MoVimento 5 Stelle, quale seconda forza politica cittadina (e prima dell'opposizione), di avere la Presidenza della Prima Commissione è caduta completamente nel vuoto. La Prima Commissione Consiliare ha funzioni di controllo e spetta, per Statuto, alle opposizioni. Da sempre c'è il tacito accordo per cui la maggioranza voti il candidato designato dalle forze di opposizione. A parte il MoVimento nessuno ha avanzato alcuna richiesta per quella Presidenza ed anzi, tra i banchi dell'opposizione, alcuni si erano dimostrati solidali a sostenere la candidatura di Carla Messi. Oggi apprendiamo dalla stampa che la maggioranza in Consiglio Comunale vorrebbe forse scegliere il "suo" Presidente della Prima Commissione, visto che si fanno i nomi di tutti meno quello di Carla Messi del MoVimento 5 Stelle. Questo sarebbe un atto di malapolitica, del tutto irrituale per Macerata e per nulla rispettosa delle minoranze, quello di pretendere un Presidente della Prima Commissione Consiliare gradito (ed imposto) dalla maggioranza creerebbe un precedente politico del tutto malfatto e scorretto. Come avevamo avuto modo di ribadire nei comunicati precedenti, la richiesta della Presidenza della Prima Commissione, che il Movimento 5 Stelle ha avanzato agli altri gruppi consiliari ed ai singoli consiglieri comunali ed al Sindaco, è sempre stata chiara e coerente. Volevamo e vogliamo che si distingua bene la nostra istanza: non è la richiesta di una poltrona presidenziale, bensì un'assunzione di precisa responsabilità per l'esercizio di una vigilanza democratica. A questo punto, visto che la maggioranza, magari insieme a qualche opposizione "connivente", potrebbe rivendicare un "suo" gradimento per il Presidente della Prima Commissione il MoVimento 5 Stelle, coerentemente, si asterrà nel votare, nelle varie Commissioni, Presidente e Vice. Altrettanto sia chiaro a tutti che rifiutiamo, fin d'ora, qualsiasi vicepresidenza, quale misero contentino per averci imposto un candidato gradito alla maggioranza per la Prima Commissione.
  • Lotta alle polveri sottili
    A Macerata torna l’ecozona

    33 - Gen 24, 2014 - 21:55 Vai al commento »
    L'assessore è sicuramente in buona fede, come quando affermava un paio di anni fa "..si evidenzia come le politiche adottate dall'Amministrazione negli ultimi anni hanno determinato un sensibile miglioramento della qualità dell'aria nella nostra città. Fino ad ora ci siamo mossi nell'ambito di misure tampone, ma contestualmente stiamo lavorando ad una progettazione più di lungo periodo, volta alla diminuzione del traffico e ad una nuova concezione della mobilità... " l'Ecozona non è una misura tampone? è una progettazione della mobilità maceratese in funzione della qualità dell'aria e di vita? Come si fa ad emettere ordinanze sull'assenza di dati? Già a maggio del 2012 avevamo osservato ed ipotizzato delle soluzioni/proposte successive alla dismissione della centralina di Piazza della Vittoria, ma ad oggi non ci sono assolutamente analisi per conoscere la qualità dell'aria e purtroppo restiamo a guardare all'ennesimo "tentativo" dettato dall'assenza di programmazione.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy