Maurizio Rinaldelli

Maurizio Rinaldelli


Utente dal
2/5/2012


Totale commenti
4

  • Cinema Italia: ipotesi di rilancio
    e accuse di trattative segrete

    1 - Ott 28, 2015 - 10:44 Vai al commento »
    @letizia carducci Vedo con piacere che lo sport preferito di certi maceratesi (e non) cioè la pratica del fuoco cosiddetto “amico”, registra sempre nuove e solerti adesioni. Rispondo al tuo velenoso intervento punto per punto: 1) per tua informazione l’Associazione Nuovo Cinema, non è formata da una sola persona, ma da un gruppo di soci, con regolare statuto, consiglio direttivo e assemblee generali. Abbiamo sempre operato nella massima trasparenza e ti ricordo che l’ultima assemblea del 2014 era addirittura aperta al pubblico e alla cittadinanza. Sarò felice di inviarti la lista annuale completa dei soci, su richiesta (dopo che avrò chiesto la loro autorizzazione, per ovviare a problemi di privacy). 2) nessuno ha mai cancellato alcun intervento dalle pagine del Cine Teatro Italia (non lo faremmo mai, anche perché sono la dimostrazione della partecipazione cittadina alla vita dell’Associazione). Quello che ho fatto invece è stato rimuovere un inopportuno commento di tuo marito dal MIO PROFILO PERSONALE. Gli ho educatamente risposto che poteva dire ciò che voleva, ma non sulla mia pagina, e cancellato il post (esattamente come avresti tutto il diritto di fare tu se pubblicassi questa risposta sul tuo profilo, cosa che non faccio perché ho rispetto per gli altri, al contrario di voi). 3) vorrei ricordare a te (e a chiunque sia interessato) che a tutt’oggi 28 ottobre 2015, fin dal 22 dicembre 2006, l’unico soggetto su cui ricadono i costi di gestione sono il sottoscritto e i soci dell’Associazione, non avendo noi MAI ricevuto alcun contributo comunale per la gestione del cinema. La collettività quindi è salva. 4) non ci siamo mai nascosti dietro alcuna richiesta di contributo, ma anzi abbiamo sempre continuato con le nostre risorse a gestire il cinema nel migliore dei modi possibili fino ad oggi. Vorrei ricordare che la nostra attività si è conclusa con una settimana di eventi GRATUITI, offerti alle associazioni maceratesi e alla cittadinanza totalmente a NOSTRE SPESE, che sono stati frequentati da centinaia di giovani (e non). 5) noi non puntiamo il dito verso le associazioni sostenute dal Comune, ma verso il Comune che decide di non sostenere noi (il che mi sembra molto diverso). Quanto alla delirante ricostruzione successiva del “romanzo” degli avvenimenti recenti (in cui dai la tua migliore prova di maestrina mescolando blandizie, insulti, falsità e opinioni personali) non merita alcun commento ulteriore perché parla da sola. Aggiungo solo che il particolare dei 15 minuti di tempo “rubati” in un assemblea di ore ospitata (sempre a nostre spese) al Cinema è addirittura comico; e che la locuzione “sostegno pubblico per fortuna mai concesso” (la cui presunzione è pari solo alla sua acidità) riassume perfettamente il tuo piccolo pensiero. Infine al prossimo fantomatico gestore vogliamo dire che il lutto noi l’abbiamo già elaborato da tempo, e ci sentiamo semmai liberati dall’onere di dover sempre dimostrare l’ovvio: il nostro operato in 9 anni di attività è sotto gli occhi di tutti e ne siamo fieri, qualunque sia il finale. Cari saluti e auguri per il futuro. ps: non ti dispiacerà se mi permetto di condividere (la tua parola preferita) il tuo contributo sulla nostra bacheca di Fb, dal momento che è già pubblico e on line, a riprova che accettiamo qualsiasi critica o commento.
    2 - Ott 25, 2015 - 10:04 Vai al commento »
    A Cronache Maceratesi siete così presi da voi stessi che non riconoscete l'ironia quando la incontrate, nemmeno se ve la sbattono in faccia! La frase "Trattativa così riservata che nessuno ne sa nulla" è sarcastica, come tutto il manifesto del resto, trattandosi di un IRONICA lettera di ringraziamenti! Il senso è che nessuno ne sa nulla perché non esiste, era solo una scusa del Comune per far scadere i tempi. Quindi nessuno ha mai accusato !il Presidente Pettinari di fare trattative risevate, sapendo perfettamente che tali trattative non esistevano! Come al solito fate cattiva informazione. Saluti
  • Nella sfida fra sindaco e nudisti
    sono in gioco alti principi morali?

    3 - Lug 27, 2015 - 11:13 Vai al commento »
    Caro Sig. Liuti, leggo in ritardo il suo articolo - di ritorno da un felice vacanza in una oasi naturista in Calabria- e sono decisamente d’accordo con il senso del suo intervento. Su due cose, però, non sono completamente in sintonia con il suo pensiero e vorrei specificarle quali. La prima è di ordine storico. L’ordinanza emessa nel 2012 dal Sindaco Paolucci, ripresa ora da Acquaroli -peraltro inutile in quanto vieta una cosa già vietata su tutto il territorio italiano, a meno di esplicita autorizzazione- interviene DOPO la pluridecennale consuetudine di frequentare quella spiaggia da parte dei naturisti. E non lo fa per difendere la moralità pubblica, bensì gli interessi privati di noti imprenditori locali pregiudicati. Prima a Nord con il Natural Village -con la servitù esclusiva della spiaggia demaniale, “liberata” dai nudisti, e la costruzione di un ristorante abusivo sul mare, già sanzionato dal giudice all’epoca e mai sanato. Poi con la realizzazione del porticciolo turistico -sulla cui costruzione, con canale di accesso al mare, relativo sottopasso della ferrovia e sparizione del corso d’acqua originario, gravano molto dubbi di legittimità. Infine con la discoteca Babaloo, mega parcheggio annesso e relativo impianto di piscine diurno, ora chiusa per note vicende giudiziarie di debiti non pagati, e ormai abbandonata e già fatiscente. Per tutti questi anni i malcapitati bagnanti hanno dovuto sostenere vere battaglie, o sottostare ai loro ricatti, con i sedicenti gestori che impedivano o regolavano a loro piacimento e lucro l’accesso alla spiaggia demaniale, con il tacito accordo dei vigili urbani di Porto Potenza, più volte inutilmente chiamati ad intervenire. La seconda ragione è di ordine etico. Quando si parla di libertà personali, di quelle che non inficiano la libertà altrui intendo, la questione non è mai poco seria. Credo che una palestra di 700 metri su un totale di costa marchigiana di circa 200 km, o anche rispetto ai 7 km del litorale potentino, siano una misura accettabile da chiunque, per un sano esercizio di libertà. Cordialmente, Maurizio Rinaldelli Uncinetti. Ps: nel camping naturista cui le accennavo sopra di bambini ce n’erano, e tanti, e giocavano serenamente come su qualsiasi altra spiaggia di mezzo mondo. Però non ce n’era neanche uno -ma questo è decisamente un caso, ne sono certo- di quelli urlanti, maleducati e/o piagnoni che affollano i nostri stabilimenti balneari. Saluti M.
  • Roberto Scocco trovato morto

    4 - Gen 4, 2013 - 9:24 Vai al commento »
    un grande dolore e profondo sbigottimento per la scomparsa così tragica e improvvisa di una persona sempre sorridente; un tempo in campi avversi, era divenuto negli anni di una gentilezza rara. un abbraccio di cordoglio alla famiglia e un saluto a Roberto.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy