Mariano Marinelli


Utente dal
4/10/2013


Totale commenti
2

  • Rave party “autorizzati”
    alla Foce dell’Asola

    1 - Ott 7, 2013 - 0:11 Vai al commento »
    Bellissimo il commento del signor Yuri Paoletti! Non è possibile, da onesti cittadini, accettare tutto questo concentrato di ILLEGALITA' ..... Facciamo come suggerisce da Facebook il signor Flavio Acciaresi: tutte le sere che avvengono queste feste inondiamo di telefonate i CC e il sindaco. caro signor sindaco , dato che la paghiamo noi con il nostro lavoro e non possiamo riposare in certe nottate, e non vogliamo che i nostri giovani si devastino, dato che lei e' il nostro 1° cittadino , la vogliamo fare partecipe della festa in atto alla quale non e' stato invitato. la invitiamo noi. - se e' tutto il paese a farlo non puo' denunciare tutti , anzi chiamate i giornalisti e fate fare articoli su queste rotture di c. vedrete che le notizie le leggeranno anche i pretori , i questori e chi di dovere ,allora si che il sindaco   e chi di dovere si muovera' ...e alla svelta.  ( mi scusi signor Flavio ho copiato il suo commento modificandolo un po', ma mi piaceva ribadirlo e divulgarlo)
    2 - Ott 4, 2013 - 10:23 Vai al commento »
    Io proporrei alle forze dell'ordine di partecipare, in borghese, a uno di questi rave.  Non è difficile sapere quando e dove si terranno... basta avere un profilo facebook.   Anche fossero feste organizzate, la droga  e l'alcol che circola sono tanti, e non credo che l'autorizzazione serva ad autorizzare lo spaccio, o ad autorizzare la vendita di alcolici a minorenni.   MA QUANTO SIAMO IPOCRITI!!!!! perchè dobbiamo nasconderci sempre dietro un 'NON POSSIAMO FARE NIENTE?'. Questa estate ho fatto un giro con la mia famiglia nel nord Europa.  In un pub, a mia figlia di 17 anni, accompagnata da noi genitori,  non hanno servito una birra piccola perchè, ci hanno detto, se fosse arrivata la polizia, gli avrebbe ritirato la licenza! ....e come non bastasse, l'altra figlia di 15 anni, non l'hanno proprio fatta entrare..... MEDITIAMO.  Da noi le leggi ci sono, il problema è che nessuno si prende la responsabilità di farle rispettare, e intano i nostri ragazzi continuano a morire.. VERGOGNA!
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy