Marco Seghetti


Utente dal
6/4/2012


Totale commenti
21

  • M5S: ecco il programma per Macerata
    Mercorelli: “Contrastare
    massoneria e Curia”

    1 - Ott 19, 2014 - 10:44 Vai al commento »
    Discutere, esporsi, cercare di cambiare, esprimere ciò in cui si crede è una cosa; buttare là quattro commenti senza capo né coda, tanto per far dire ci sono pure io, sono due cose diverse. Mi piacerebbe conoscere come i vari "commentatori" si adoperano per migliorare il migliorabile, a meno che non ritengano che ci sia niente da migliorare o di migliorabile? Si pensa che le cose cambieranno da sole, grazie a quattro commentini astiosetti?
  • “Il senso della bruttezza della giunta Pezzanesi e i platani decapitati”

    2 - Gen 21, 2014 - 9:38 Vai al commento »
    Sempre tempestivo il PD!
  • Istria e Tolentino unite dal Miracolo Isolano

    3 - Ott 24, 2013 - 21:05 Vai al commento »
    Chi ha pagato è chiaro: noi. La questione è un'altra: che intenderà l'arguto giornalista quando scrive" Molto costruttiva anche.." ?Costruttiva per chi, per quelli che si sono fatti una gita a ufo?
  • Proiezione in piazza per “L’ultima cima”

    4 - Set 5, 2013 - 11:01 Vai al commento »
    "Fede virile e ragionevole" Qualcuno mi può spiegare che significa fede ragionevole ? Se ne inventano di cotte e di crude
  • Inquinamento a Loro Piceno
    Il Comitato chiede il blocco della centrale

    5 - Mar 18, 2013 - 13:24 Vai al commento »
    Mi piacerebbe leggere un commento degli intellettuali scienziati che, negli articoli dello scorso anno, erano i sostenitori delle centrali a biogas. Da mandarli a pulire con la lingua.
  • Tolentino: lavagna interattiva per l’Istituto Venerini

    6 - Mar 12, 2013 - 12:34 Vai al commento »
    E' VERGOGNOSO!   
  • Il sindaco Pezzanesi sposa Veronica
    indossando la divisa asburgica

    7 - Dic 24, 2012 - 15:44 Vai al commento »
    Il sonno della ragione genera mostri
  • Biogas, lo scontro finale
    si combatterà sugli impianti già autorizzati

    8 - Set 17, 2012 - 21:42 Vai al commento »
    La regione Marche vincola la partecipazione ai bandi regionali nell'agroindustria e l'accesso ai finanziamenti relativi all'utilizzo di prodotti agricoli di provenienza regionale. Basta questo per avere un'idea dell'approssimazione con la quale venga gestita la faccenda. Da una parte si incentivano i prodotti di qualità e lo sviluppo agroindustriale, dall'altro si incentiva un'agricoltura di massa che sottrae terreni e risorse, in netto contrasto con le prime ipotesi. E' del tutto improprio fare paragoni con altre nazioni nelle quali le condizioni, le estensioni, le produzioni, le rese, le remunerazoni, le tipicità sono completamente diverse dalle nostre
  • La Regione ridefinisce la legge sul biogas
    Ma il Tar respinge i ricorsi dei Comuni

    9 - Set 17, 2012 - 17:58 Vai al commento »
    Al di là delle ideologie, è necessario arginare questi amministratori che,  con dabbenaggine o con malafede stanno devastando il territorio e il tessuto produttivo, favorendo la speculazione, sempre a favore dei soliti noti. Le centrali a biogas, nel contesto marchigiano, anche se sembrano favorire gli agricoltori, sono un danno per il settore primario e quello  agroindustriale.
  • Biogas, Sciapichetti: “Gravi errori dalla Regione. Ecco perchè non ho votato lo stop alle centrali”

    10 - Set 17, 2012 - 18:22 Vai al commento »
    Fare il paragone tra il contesto produttivo  tedesco e quello della regione marche è una bestialità, sotto tutti i punti di vista, detto ciò, il resto si commenta da solo.
    11 - Set 14, 2012 - 19:52 Vai al commento »
    Caro claudiob, io parlo a ragion veduta, non per nulla da venticinque anni opero nel settore agroalimentare, è un fatto che il reperimento delle materie agricole si è fatto molto difficile, in alcuni casi, come in quello specifico che ho riportato, anche per l'avvento del biogas, come già era successo per i contributi dati ad alcune colture. E' evidente che se le poche centrali presenti danneggiano poche realtà, molte ne danneggeranno molte, prima di fare lo scienziato e dare fiato alla bocca, si documenti anche presso le realtà industriali che trasformano vegetali. 
    12 - Set 14, 2012 - 13:02 Vai al commento »
    Proprio adesso, torno da un colloquio con un allevatore di vacche da latte, che è messo alle corde, insieme ad altri del settore agroindustriale, dal prezzo crescente e dalla scarsità dei prodotti da destinare al proprio allevamento: insilati, granella, foraggi a causa della concorrenza praticata dalle colture destinate alle centrali già in funzione. Perchè non è vero che le centrali funzionano con i rifiuti, ma essendo praticamente un grande stomaco di bovino, hanno bisogno di essere alimentate allo stesso modo. Il bello che questo succede in una regione che ha sempre sbandierato una politica di salvaguardia e valorizzazione dei propri prodotti agricoli. Ma è possibile che ci dobbiamo sempre far amministrare dai soliti acchiappa galline!
  • Nuovo appello di Bruni a Pezzanesi: “La ciclabile non va smantellata!”

    13 - Ago 27, 2012 - 12:26 Vai al commento »
    Tra dare fiato alla bocca e dire cose sensate c’è l’analisi dei fatti. Tanto per dirne una: in via Matteotti i tempi di percorrenza sono stati, sono e saranno sempre gli stessi,  perché le strade che portano al centro da est afferiscono alla rotonda di Palazzo Europa; le macchine, anche se divise su due strade saranno sempre le stesse, le code saranno due più corte, anziché una lunga, ma i tempi di smaltimento rimarranno gli stessi, solo  il misero di spirito che aspetta  e vede davanti a se dieci macchine, anziché venti, può pensare di impiegare meno tempo. Come detto nell’apposita riunione non ci sono margini per ripristinare il doppio senso in via Matteotti a meno di  togliere i parcheggi. Osservando: la maggior parte degli automobilisti di via Matteotti percorrono tratti di circa un chilometro, lo so perché incrocio le persone quando partono, le vedo in fila, la supero e, quando io  sono a destinazione, le vedo come anime in pena a cercare un parcheggio; queste persone intralciano chi ha necessità di utilizzare la macchina per percorrere tratti più lunghi. Mi pare tacito che  passando davanti ai negozi in bici c’è maggior opportunità di fermarsi, vuoi per la pizza, per la lampadina, per i sacchetti dell’aspirapolvere, il transito veloce in macchina penalizza la sosta nei negozi di passaggio. Osservando e riflettendo è possibile arrivare a conclusioni sensate, non facciamo come chi,  solo per abitudine, si avvelena fumando, nonostante sia noto e scritto inequivocabilmente  “il fumo uccide”.   Ai devoti parrocchiani che, per la messa,  assaltano la chiesa con le loro auto: i cinquecento metri di strada fateli  magari a piedi e mettete l’euro, che alla fine avreste speso di movimentazione, nella saccoccia del chierichetto; lo so che vi fa brutto, che vi sembra di tornare indietro, in fondo, i vostri genitori in chiesa ci andavano con il somaro o giù di lì, ma non è questo il progresso.  
  • Torna a riunirsi giovedì
    il consiglio comunale di Tolentino

    14 - Lug 24, 2012 - 12:31 Vai al commento »
    Secondo me lo spirito del signor nico è un altro, non è un egoista: val bene morire con un cancro e aver fatto lavorare qualche persona in più, peraltro, persona che già sarà morta di cancro a sua volta. E' perfetta la prima riga scritta dal signor Rizado. 
  • Pista ciclabile a Tolentino
    Si cambia di nuovo

    15 - Lug 19, 2012 - 18:21 Vai al commento »
    Scusate la pedanteria, ma a me sembra un dialogo tra sordi. Le piste ciclabili  servono per favorire la mobilità cittadina, senza dover utilizzare il mezzo a motore. Per fare spesa, per andare alla posta, per andare in farmacia, per raggiungere il centro senza problemi di parcheggio, per andare a scuola. Detto ciò chi paventa una pista ciclabile alle Grazie o c'è o ci fa. Vedo dei ragazzini che giustamente vanno a scuola in bici, mentre i genitori di altri fanno bella mostra di SUV intasando la strada. Quanti di voi farebbero attraversare ad un ragazzino Tolentino in bici senza ciclabile. E' un fatto di cultura e di intelligenza, mi rendo conto che non è possibile pretendere certe cose da tutti. 
    16 - Lug 19, 2012 - 12:51 Vai al commento »
    Commentare questa vicenda con i termini apprpriati, purtroppo, pubblicamente non si può. Fa picere, comunque, che il principale problema da affrontare, se non l'unico, di questa amministrazione sia lo smantellamento della ciclabile, evidentemente, non servono risorse per altri interventi, porchettate comprese. Quando arrivai a Tolentino, tutti si lamentavano che la vecchia amministrazione aveva portato la città sull'orlo del baratro, adesso, finalmente, si fa un passo avanti. Ora finalmente ce ne possiamo andare al bar sotto casa con il SUV o attravesare la strada per andare alla messa con la fuoriserie, la fame, il cancro, l'infarto arriveranno basta aspettare.
  • “Una città grande come Macerata invenduta”
    Drammatica la crisi dell’edilizia

    17 - Lug 17, 2012 - 16:35 Vai al commento »
    Non è pensabile cementificare tutto, sottrarre territorio ai cittadini in nome di una categoria che ha fatto fin troppi scempi, se ci sono 5000 abitazioni invendute e altrettante in via di ultimazione una persona intelligente penserebbe che non c’è più bisogno di costruire oltre. I costruttori devono riconvertirsi e adeguarsi come hanno fatto altre categorie, non possono pensare di soffocarci in nome del loro benessere.
  • Cassa integrazione per 75 dipendenti
    della Conceria del Chienti

    18 - Lug 17, 2012 - 17:28 Vai al commento »
    Poveri cassa integrati si, chi respira l’aria appestata no?
  • Valleverde, la grande incompiuta

    19 - Lug 11, 2012 - 12:28 Vai al commento »
    Apprezzabile  inchiesta e condivisibili riflessioni. Gli unici che si arricchiscono da queste pseudo attività di sviluppo sono quasi sempre i burocrati, i politici e i loro accoliti. Basti pensare a quante attività utili alla collettività si sarebbero potute realizzare con le risorse colposamente sperperate. I problemi sono due: perché le giuste rivendicazioni sono solo postume e perché i lestofanti non sono mai chiamati, superata la prova dei fatti, alle proprie responsabilità, anzi, se possibile vengono gratificati?  Come al solito c'è chi s'indigna, chi scrive, chi se ne frega, comunque c'è sempre chi sorride e gongola per gli affari fatti, alla faccia degli altri. Di soluzioni non ce ne sono molte.
  • “Pista ciclabile: una soluzione, non un problema”

    20 - Mag 1, 2012 - 21:16 Vai al commento »
    Dott. Bruni, Lei  se la prende per la faccenda della ciclabile: è stata fatta una riunione di presentazione, nella quale eravamo forse in  15 persone, è stato chiesto un parere e i più se ne sono fregati, sono state, in parte, accolte le istanze di commercianti (buono a sapersi che si vendono meno film a noleggio a causa della pista ciclabile), e,  adesso, le  menti illuminate di cittadini modello, alcune addirittura impegnate a lanciare allarmi di pidocchi nelle scuole, pontificano sulla pericolosità, inutilità, dannosità dell’opera. Che  dire delle iniziative proposte, come gli incontri con : Ingroia, Lucarelli,  Mancuso e tanti altri alle quali abbiamo partecipato in quattro gatti, al contrario, della manifestazione sulla moda dei bambini  che ha visto una piazza gremita all’inverosimile? Lei parla  a  gente il cui unico interesse è fare bella figura alla messa domenicale, alla quale si va vestiti di tutto punto e rigorosamente in macchina, a gente lontana anni luce dalle città più evolute, dove si va al lavoro, magari, con i pattini, a gente alla quale un candidato sindaco si presenta con la frase “vivo da ,sempre, a Tolentino”, quasi fosse un vanto non essere mai “uscito di casa”. Non era meglio assecondare passivamente le istanze , come fanno alcuni suoi colleghi, guadagnando consensi tra i cittadini, invece di tentare di svegliare una popolazione di mediocrità infinita?
  • Prosegue a Tolentino la raccolta di firme
    proposta da W Tolentino – Udc contro la pista ciclabile

    21 - Mag 2, 2012 - 15:15 Vai al commento »
    Delle menti che possono partorire una cosa simile: "Alcuni esempi: ipotizzare un cambio di circolazione direzione monti – mare di via Roma e corso Garibaldi in modo da far entrare al centro storico coloro che arrivano dalla montagna" (programma elettorale W Tolentino), non tanto per l'azione in se, quanto per lo scopo, non credo siano menti alle quali poter dare credito.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy