mara simonelli


Utente dal
7/10/2011


Totale commenti
17

  • Tre volte mamma ringrazia l’ospedale
    “E’ come essere in una grande famiglia”

    1 - Gen 31, 2015 - 14:43 Vai al commento »
    2 figli, 30 e 26 anni, residente a Macerata ho scelto con consapevolezza di partorire a San Severino...con il NOSTRO CARO ANGELO: professionalità indiscussa, serietà, sensibilità e ironia QB...Ho piacere nel ringraziarlo pubblicamente per quello che è e che ha fatto. Peccato che tra un po' andrà in pensione ma sono sicura che lascerà un reparto preparato e organizzato in modo tale che potrà continuare a lavorare anche con un'altra guida. Chiaramente il mio ringraziamento va anche a tutte le ostetriche, infermiere e operatori che lavorano (e lavoravano 30 anni fa) nel reparto. Unico neo, come molti fanno notare, è che non c'è un reparto di neonatale che mette un po' a rischio i bimbi nati con qualche problema...invece di chiudere l'ospedale si potrebbero potenziare i reparti che più funzionano...ma forse sono solo sogni e sognare, ogni tanto, è lecito!
  • Carancini: “Secondi in Italia
    per la differenziata
    Ridurremo le tasse grazie ai rifiuti”

    2 - Gen 31, 2015 - 14:51 Vai al commento »
    Come ho già dichiarato sono contraria a questa modalità di raccolta per la differenziazione ma favorevolissima al riciclaggio dei rifiuti. Penso si possa riciclare molto bene senza trasformare la città in una sorta di discarica a cielo aperto...e poi non vedo ancora garanzie sull'effettivo e corretto smaltimento: anche nelle scuole non ci sono contenitori coerenti con la differenziata che si fa nelle case...forse c'è qualcosa che non va!?!?!? Chiedo scusa ma anche a me questa dichiarazione sembra proprio un'opportunità cercata per la campagna elettorale e, come è ormai certo, tra il dire e il fare...
  • “A Collevario stiamo scoprendo a che altitudine possono arrivare i sacchi di rifiuti”

    3 - Gen 4, 2015 - 20:21 Vai al commento »
    Caro Lorenzo, condivido con te le "perplessità" sulla raccolta "porta a porta". Credo fermamente che ogni cittadino, a qualsia si età e su qualsiasi questione, a casa e a scuola, possa e debba essere educato: in questo caso specifico al riciclaggio dei rifiuti. Penso che da qui si dovrebbe partire e non dal depositare i sacchetti fuori dai cassonetti che rendono la città una sorta di discarica a cielo aperto sicuramente poco decorosa. Festività a parte, noto che la raccolta dei rifiuti avviene sempre o quasi in tarda mattinata. Da tantissimi anni faccio raccolta differenziata e condivido con colleghi e alunni progetti sul riciclaggio dei rifiuti. Penso proprio che, per dare risposta alle mie domande e a quelle degli alunni che frequentano la scuola nella quale lavoro, chiederò incontri con l'Amministrazione per chiarire le molte domande tra le quali, non ultima, a quali ditte viene affidato il riciclaggio dei diversi materiali...perchè anche qui qualche dubbio c'è
  • Allarme integrazione nelle scuole:
    l’ombra delle classi ghetto alle elementari

    4 - Set 14, 2014 - 21:45 Vai al commento »
    Per favorire l'integrazione il lavoro è ampio e investe tutti gli ambiti del sociale, non solo la Scuola. Si deve educare e essere educati al rispetto (reciproco) e per questo non c'è bisogno di fare riferimento alla Scuola Montessori, tutti possono fare tutto: dai genitori, ai ragazzi, ai negozianti alle istituzioni ricreative, ai politici locali e nazionali ognuno può e deve fare la sua parte. Sarebbe interessante, invece, se di metodo Montessori si vuole parlare, aprire un dibattito poichè ci sarebbe molto, ma molto da dire...
  • A Caldarola vince Luca Maria Giuseppetti

    5 - Mag 27, 2014 - 23:03 Vai al commento »
    Complimenti Luca: auguri per un lavoro proficuo a te ai tuoi collaboratori!
  • “La scuola dei Salesiani
    non interessava a nessuno”

    6 - Giu 2, 2013 - 22:13 Vai al commento »
    Grazie a Jovanotti per le parole con le quali ha descritto una scelta importante e grazie a Noemi che ha delineato uno dei problemi della Scuola pubblica, la scuola di tutti e per tutti. Molti si sono soffermati sulla forma (importante) ma personalmente, in questo caso, preferisco la sostanza.
  • Via la scuola dai Salesiani, Carancini:
    “Uno schiaffo inaccettabile alla città”

    7 - Mag 18, 2013 - 13:20 Vai al commento »
    Nel massimo rispetto per Don Bosco, gli indimenticabili docenti del passato, gli attuali insegnanti che si trovano improvvisamente senza lavoro, dell'oratorio, degli scout e della Robur, mi permetto di esprimere il mio "sdegno" anche per come viene trattata oggi la scuola PUBBLICA, la scuola di tutti e per tutti che dai vari governi e Ministri, è stata lasciata "in mutande"!Ne vogliamo parlare?
  • Dalla coca all’infarto, passando per il viagra

    8 - Mag 11, 2013 - 16:13 Vai al commento »
    Condivido pienamente le sue opinioni. Come madre e educatrice, però, aggiungo che, lavorando " a monte", parlando con i nostri figli, fratelli, amici, alunni guidandoli ad una più attenta analisi dei bisogni e dei "vuoti" che sentono dentro, potremmo aiutare i ragazzi a capirsi meglio e a cercare di colmare i "vuoti dell'anima" con esperienze positive e lontane dallo "sballo". Certo non è solo con quanto stiamo condividendo che si può sconfiggere un problema come quello della droga ma, comunque, è importante parlare e...credere che ognuno di noi, nel suo piccolo, può fare qualcosa
    9 - Mag 11, 2013 - 13:37 Vai al commento »
    Rispondo brevemente a "El dindo": le mie parole non erano contro chi usa uno pseudonimo (apprezzo il suo interessamento e la qualità dei suoi interventi che vanno oltre lo pseudonimo), era semplicemente un apprezzamento per chi, come l'Avv. Bommarito esprime, anche se vestendo la realtà con qualche passaggio "libero",esperienze vive e vissute firmandosi con nome e cognome rafforzando così i messaggi che manda. Il nodo fondamentale delle mie parole era, comunque, un altro: spostare l'attenzione dalle conseguenze alle cause per cercare di capire e di sostenere...una goccia nell'oceano...forse, ma l'oceano di gocce è fatto.
    10 - Mag 11, 2013 - 9:36 Vai al commento »
    Apprezzo l'articolo del Dott. Bommarito (che non usa pseudonimi ) sia per la delicatezza che accompagna ogni passaggio, sia, soprattutto, il dramma che narra. Il mio modesto parere è che oltre a discutere su quali sostanze vengono usate e sulle loro conseguenze, si cerchi il PERCHE' tanti ragazzi oggi cerchino di scappare dalla realtà e/o siano alla ricerca di emozioni forti: se riuscissimo a trovare il modo di parlare con loro, con tanti di loro, forse si riuscirebbe a capire e ad aiutare tanti ragazzi e tanti genitori (inutile giudicarli in modo sterile perchè ognuno di noi potrebbe trovarsi in una situazione simile)che si rendono conto troppo tardi di cosa passava per la testa del proprio figlio/figlia. Parliamone, cerchiamo occasioni per condividere problematiche vissute o conosciute, diamo l'opportunità a tanti ragazzi di fermarsi ad interrogarsi sul perchè delle proprie azioni. Utopia? No, realtà, basta pensare alla ONLUS "Con Nicola, oltre il deserto di indifferenza".
  • Consiglio comunale aperto per difendere l’ospedale

    11 - Mar 24, 2013 - 9:58 Vai al commento »
    Risiedo a Macerata, ho due figli e tutti e due, per scelta, sono nati a San Severino. Inutile dire che disapprovo la chiusura dell'Ospedale e di tutte le altre  strutture sanitarie che offrono servizi di qualità. Mi chiedo anche se, conseguentemente alla chiusura di strutture sanitarie come Tolentino o San Severino, gli Ospedali di Macerata e/o di Camerino verranno potenziati nelle strutture e/o nel personale medico. Se, come è facile ipotizzare, così non sarà ci troveremo con i letti nei cortili e assisteremo a parti per i corridoi....e non voglio immaginare altro! Amarezza profonda!
  • “Sul Cornello non abbiamo trovato gatte che ci covano”

    12 - Feb 11, 2013 - 21:58 Vai al commento »
    Gabriele, lasciato sui banchi di scuola ...qualche anno fa, non conosco bene la questione e, quindi, non  azzardo opinioni, non sono schierata politicamente e, quindi, non prendo le parti di nessuno ma apprezzo e condivido  la denuncia di un fatto che, come purtroppo molti altri, evidenzia una vergognosa manifestazione di opere iniziate con grande dispendio e mai finite. Anche a Macerata non mancano esempi, con o senza "gatte". 
  • I Vigili del Fuoco negli asili per insegnare la sicurezza in casa

    13 - Gen 21, 2013 - 23:21 Vai al commento »
    Ottima l'iniziativa ma una piccola sottolineatura poichè ritengo fondamentale dare ad ogni cosa il giusto nome: l'Asilo, da anni ormai, si chiama Scuola dell'infanzia...e non è solo una cosa formale.
  • “Recita a porte chiuse per mio figlio Diego
    a causa della protesta degli insegnanti”

    14 - Gen 12, 2013 - 21:47 Vai al commento »
    Ed eccoci, ancora una volta, a denigrare gli insegnanti, tutti, indiscriminatamente e senza conoscere persone e realtà. Spesso ho scritto sui quotidiani locali per spezzare una lancia a favore di tanti docenti che, come me,  ogni giorno, lavorano perchè credono in quello che fanno e non 4/5 ore al giorno, ma molte di più. E dei 3 mesi di vacanza...chiedetelo ad alcuni docenti che, tra esami e corsi di recupero, non sono neanche riusciti a godere di tutti i giorni di ferie. Apprezzo la forma di protesta delle insegnanti che non hanno mancato nel loro lavoro perchè mi sembra che abbiano fatto vivere ai propri alunni il momento magico del Natale: hanno escluso i genitori, per una forma di protesta contro la mancanza di finanziamenti alla Scuola, non perchè da anni non ci sono aumenti di stipendio. Mi sembra di capire che  un altro motivo della mancata "apertura" della festa è motivata dalla impossibilità di far entrare genitori e parenti nella scuola per motivi di sicurezza: ce ne accorgiamo solo adesso? Un'ultima parola sullo sciopero degli insegnanti: personalmente non aderisco quasi mai agli scioperi solo perchè sono sterili e non portano a nulla: uno degli ultimi, contro la "riforma" Gelmini, ha visto scioperare il 90% degli insegnanti(me compresa)...conseguenze? Zero! Sciopero ad oltranza? Potrebbe funzionare ma saremmo precettati! Personalmente, quando credo in qualcosa, vado fino in fondo: lo scorso anno, ad esempio, ho fatto, detto e scritto tutto quello che era possibile sul dimensionamento scolastico, compreso partecipare ad un Consiglio comunale: con me c'erano un mamma della mia classe, l'allora Presidente del Consiglio di circolo e....nessun bravo cittadino a sostenere un pugno di persone che cercavano di difendere l'organizzazione della Scuola snaturata dalle decisioni prese. In ultimo, non mi lamento assolutamente, ho uno stipendio "sicuro", non lavoro 4/5 ore al giorno ma molte di più, ma va bene così: come sempre, chiedo solo di avere i mezzi per  poter lavorare bene per poter fare il mio lavoro con dignità e fare il bene questi nostri alunni che hanno la sola "colpa" di essere bambini in un brutto periodo! Grazie per la solidarietà che, spesso, anche i genitori manifestano: se insieme si lavora e non si rema contro, qualcosa di buono per le generazioni del futuro si può ancora fare!
  • Una lettera dell’Inps mette in allarme centinaia di pensionati

    15 - Gen 9, 2013 - 22:36 Vai al commento »
    come un vecchio proverbio dice...la virtù è sempre nel mezzo: da una parte, mia suocera ha ricevuto la lettera in questione anche  se, tra l'altro, non avrebbe dovuto neanche  comunicare nulla...condivido! Sul fatto che forse non avremo la possibilità di avere una pensione...indignata mi associo...Dall'altra parte, però, vorrei far presente una realtà che, forse, pochi conoscono: un nostro caro amico è medico e lavora all'INPS con orari assurdi e lavoro onerosissimo a causa del poco personale: mi sia permesso di spezzare una lancia a favore di chi lavora perchè, in ogni categoria, c'è chi non lavora o lavora male ma c'è anche chi ci crede e lavora sodo. Sulla corruzione...altrettanto indignata mi associo.
  • Verso un unico istituto di istruzione superiore dei “Monti Azzurri”

    16 - Ott 13, 2012 - 11:01 Vai al commento »
    Politica e specialisti eccellenti...e la Scuola? Sono solo un'insegnante e mi chiedo come una realtà territoriale come quella di cui si parla possa essere ben gestita da un Dirigente SCOLASTICO che dovrebbe aver cura, anche e soprattutto, delle questioni didattiche e degli alunni iscritti. Non si può parlare di "vecchi e anacronistici campanili" ma di Scuola vera, di alunni e genitori, insegnanti e Dirigenti, di aule, materiali didattici, scelte educative, non di una Scuola che sembra essere "virtuale" letta su una carta geografica (e neanche tanto!)...e se l'eccellenza è quella dei tagli non ci dobbiamo meravigliare se, pian piano, avremo sempre meno personale, soprattutto nella Scuola e nella Sanità ma non nella politica. Quel che mi preoccupa ancor di più  è che TUTTI  siano d'accordo sull'eccellenza dei tagli, ma forse sono io che credo ancora in qualcosa che non esiste più e vedo una realtà con occhi "antichi".  Quando si parla di dimensionamento, e Macerata sta sperimentandone le conseguenze, l'immagine che si propone all'immaginario di molti è solo quella di un bel paio di forbici...anche se eccellenti! Mi chiedo, ancora una volta, chi ha a cuore i valori fondamentali dell'educazione e dell'istruzione? 
  • Il Consiglio dice “no” ad una nuova scuola media a Macerata

    17 - Ott 18, 2011 - 23:07 Vai al commento »
    Strano, ieri ho assistito al Consiglio comunale e mi sembra di aver vissuto una realtà completamente diversa. Poco capisco di politica (più capisco e meno mi piace) ma ho sentito proporre e votare due emendamenti che hanno modificato la delibera: il primo(proposto da Castiglioni) chiedeva di porre come primo punto, nella delibera, una richiesta di deroga; l'altro(proposto da Lattanzi), chiedeva di spostare due Scuole da un comprensivo ad un altro nell'ipotesi dei tre comprensivi. Questa, da quel che mi sembra di aver capito, era in subordine alla richiesta di deroga ma stamattina su diversi quotidiani e su Cronache maceratesi leggo: tre comprensivi a Macerata!!!O sono io ad avere problemi con il "politichese", o c'è qualcosa di un po' strano...chiederò chiarimenti e cercherò di capire meglio
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy