Mad


Utente dal
4/3/2012


Totale commenti
1

  • Ripreso il processo alla Maga Clara
    Tre testimoni la difendono

    1 - Mar 4, 2012 - 9:28 Vai al commento »
    Truffa e Fede. Aiutatemi a capire di cosa parliamo: per quanto io ne sappia, la signora Clara si pone come un intermediario tra Dio e l'uomo; e questo è ciò che dicono di fare anche i "rappresentanti" della Chiesa, o meglio delle Chiese, o meglio ancora delle professioni religiose. Ora se io mi affido ad una di queste persone cosa faccio, abbocco ad una truffa o faccio un atto di fede? La risposa a questa domanda è fondamentale, perchè se è una truffa direi che tutti, ed io per primo, dovremmo andare a denunciare, tanto per dirne una,ma il discorso si può estendere a tantissime altre pratiche, il parroco della nostra parrocchia che ci chiede soldi (di solito una "offerta", ma spesso anche una "tariffa") per una messa commemorativa (ossia per fare una preghiera per conto nostro a Dio - ossia per mediare tra noi e il Creatore -). Se invece è un atto di fede, ognuno di noi si prenda le sue responsabilità per la sua fede, se decide di affidarsi all'uno o all'altra o ad un altro ancora o,come capisco da qualcuno che commenta, alla sola ragione e scienza che per lui tutto spiega, perchè anche essa è una fede. Questo non significa che in altri casi, non ci siano dei truffatori da un lato e delle persone ingenue da un altro, ma dalle testimonianze di chi si è affidato alla signora Clara, non è questo il caso. E non offendete la mia intelligenza dicendo che la Chiesa ha una storia millenaria alle spalle, mentre Clara no, perchè quella storia millenaria è fatta anche di crociate, inquisizione, bancarotte, guerre, morti, oscenità di tutti i generi. Personalmente ci tengo a precisare che parlo di cose che conosco; conosco la Chiesa, conosco le religioni e conosco Maria Clara Romano, e ho fede e credo in Dio e tra coloro che si dichiarano suoi rappresentanti ho fede in Clara e non nel clero. Marco
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy