indignata


Utente dal
11/5/2012


Totale commenti
1

  • Il tribunale di Camerino ora rischia grosso
    Il sindaco Conti: “Siamo soli”

    1 - Mag 11, 2012 - 10:52 Vai al commento »
    è incredibile la totale superficialità con la quale si affrontano problematiche che riguardano non una città, non un localismo, ma un grandissimo territorio che consiste nella META' della provincia. Mi indigna come i politici, coloro che dovrebbero rappresentare le esigenze e l'istanze della provincia e difenderle, esercitano il mandato loro conferito, sia che si tratti di maggiornaza sia che si tratti di opposizione. Per chiarezza informo che chiudere il Tribunale di Camerino non eliminerebbe nessuno spreco trattandosi della struttura MENO COSTOSA di Italia. Per il suo funzionamento (utenze ecc..) spende meno di €. 200.000,00 l'anno. Il sistema giustizia provinciale è in grande difficoltà proprio per la stasi del Tribunale di Macerata e non è un bel primato trattandosi di una delle provincie meno litigiose del paese e con una popolazione poco numerosa.  Le Marche hanno  la popolazione di un quartiere romano e la nostra provincia credo che non raggiunga i 200.000,00 abitanti. Credo che a chi ci amministra, ai maceratesi, ed a tutti noi in quanto cittadini della provincia di Macerata, dovrebbe interessare molto - se è vero quanto si dice circa il fatto che una giustizia funzionante è un presupposto necessario per un economia in crescita - che l'amministrazione della giustizia sia un'eccellenza della provincia in quanto i numeri non giustificano altro. Se non sbaglio a Macerata, e nella limitrofa provincia di Fermo, risiede uno dei più grandi distretti industriali del Paese, quello calzaturiero. Chiediamo agli industriali cosa ne pensano. L'accorpamento del Tribunale di Camerino e della sezione distaccata IMPEDIRA' l'amministrazione della giustizia in provincia per almeno due anni. Persino le strutture non sono adeguate e sufficienti - già non lo sono - ....ma c'è qualcuno dei commentatori che sa dove esercita la giustizia il Giudice di Pace di Macerata? Non è nemmeno dignitoso. Quanto tempo occorrerà perchè imprese del maceratese spostino la sede legale a Fermo ( se già non lo hanno fatto)...e che strategia sarebbe questa? un suicidio provinciale con il bene placito di chi ci amministra. La provincia è caratterizzata da una parte montana - pari alla metà - ed una parte, assolutamente differente per esigenze e stili di vita, che arriva al mare, la parte che è economicamente più significativa e popolosa. Ma non sarebbe più utile, PER TUTTI, PER LA REALTA' PROVINCIALE, PER LA CRESCITA E PER LA QUALITA' DEI SERVIZI, creare un TRibunale della Montagna che amministri la giustizia in un territorio omogeneo che nulla a che spartire con le esigenze per esempio di Civitanove, ed un tribunale che amministri l'altra parte della provincia quella che ha DIVERSE NECESSITA' E CHE ATTUALMENTE SOFFRE per le risposte della giustizia che hanno tempi biblici. CREDO che sia una valutazione che TUTTO il territorioorio ed i suoi amministratori debbano fare. La politica di chi ci amministra non può consistere in ripicche nemmeno quando le doglianze siano in parte fondate. Lo dice un'elettrice di destra che non può non registrare una grande delusione. Spieghino gli attuali amministratori provinciali che colpevolmente tacciono e quelli precedenti che salgono sul pulpito (considerando poi che in parte sono gli stessi) agli abitanti di Visso, alle persone anziane del territorio montano (la nostra è la provincia più anziana di Europa) ed ai giovani che vogliono vedersi riconoscere il diritto di vivere e lavorare in questo territorio, che non ritengono che la montagna sia una risorsa della provincia (come invece è) e questo solamente perchè essendo meno popolosa ha un inferiore ritorno elettorale. L'Umbria ha realizzato eccellenze sfruttando la sua montagna, così la Toscana.........le Marche ed in particolare la provincia di Macerata non ne è mai stata capace. I localismi non sono quassù....dove si rivendica solamente il diritto di esistere ma emergono laddove si ritiene che la soluzione sia accentrare, dove credono che per esistere devono diventare pesci grandi che mangiano quelli piccoli. E' evidente la piccolezza e la miseria di  tale modo di pensare ed amministrare. In TUTTA ITALIA le provincie, i loro abitanti, gli amministratori, difendono i presidi sul territorio che indiscutibilmente sono una risorsa economica, sociale che aumenta la qualità della vita....alla provincia di Macerata non interessa. E a pensare che nei siti americani la montagna maceratese sale sempre più nelle classifiche dei luoghi dove la qualità della vita è alta e perciò suggeriti per vivere a quei americani facoltosi disponibili a significativi tarsferimenti. Così è già stato per quei tedeschi ed inglesi che già  popolano le nostre campagne ed i nostri comuni montani. ma senza i servizi chi verrà più? Qual'è poi il costo sociale dell'operazione? Costringere gente, spesso anziana a grandi spostamenti spostamenti su ruota, la montagna non è servita da ferrovia la quale fra l'altro subisce tagli di servizi quotidiani....l'urbanistica di Macerata, il traffico , le strutture sono in gradi di accogliere un aumento così significativo? e l'inquinamento? ma non è schizofrenico prevedere con i programmi europei ed internazionali ingenti tagli alle emissioni entro i prossimi due anni - pena pagamento si sanzioni magari - ed approvare provvedimenti del genere. ma alla qualità dell'aria della nostra provincia, della città di Macerata non ci tiene nessuno? BoH!
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy