Giangianni Scopringanni


Utente dal
10/7/2014


Totale commenti
6

  • Oltre 250 guzzisti al motoraduno
    in memoria di Primo Moretti

    1 - Set 22, 2014 - 13:48 Vai al commento »
    La Guzzi non è solo una moto ma è coscienza storica, una filosofia di vita e per alcuni una malattia. La Moto Guzzi è una storia tutta italiana che ogni italiano appunto dovrebbe conoscere ed apprezzare.
  • Fumavano marijuana,
    nei guai quattro giovanissimi

    2 - Set 8, 2014 - 20:51 Vai al commento »
    Caro Mario Rossi, mi dispiace deluderti ma non faccio uso di stupefacenti, forse sei rimasto in un'altra epoca e lo posso capire ma conoscendo i giovani di oggi ti posso assicurare che uno spinello il sabato sera è forse il minore dei mali! nessuno li ha difesi, il discorso è stato focalizzato sulla non importanza della notizia e sullo spreco di preziose risorse. Ripeto.....forse per la gente come te è più semplice togliere il sassolino dalla scarpa piuttosto che evitare la montagna che ti si agretola addosso!
    3 - Set 8, 2014 - 17:47 Vai al commento »
    Nella notte tra sabato e domenica in una zona di campagna limitrofa alla città di Macerata sono stati eseguiti dei furti, come avviene ormai con cadenza semestrale da circa 2-3 anni, furti con scasso e violenza nei confronti degli inquilini. Gli abitanti della zona sono snervati e impauriti, non vivono più, un tempo organizzarono anche delle ronde notturne, le forze dell'ordine rispondono che non possono farci nulla ed è così che la zona è reputata come un bancomat dai ladri. Questo non è uno scherzo ma solo un'esempio di quello che succedeva nel maceratese mentre le forze dell'ordine erano intente a stanare quei pericolosi delinquenti. Tra appostamento, perquisizione, conduzione in questura e prassi di rito, una volante con almeno due uomini da noi pagata era a perdere tempo con questi ragazzini mentre a nemmeno 10 km succedeva altro. Sicuramente sarà più facile e meno pericoloso prendersela con i ragazzini piuttosto che con bande di ladri professionisti. Forse è scomodo prendersela con le bande di rumeni; albanesi; tunisini armati che spacciano chili di roba che uccide.......capisco; tutti vogliamo tornare a casa dopo il turno di lavoro ma purtroppo il vostro lavoro lo avete scelto e credo che sprecare i soldi dei contribuenti per queste stronzate sia da vigliacchi. E poi ...... CM ....senza parole, potevate mettere anche foto e dati anagrafici di questi criminali, così magari avevamo la certezza di aver rovinato loro la vita per sempre.
  • Dramma lungo i binari alla Pieve,
    34enne si getta sotto un treno

    4 - Lug 14, 2014 - 17:13 Vai al commento »
    R.I.P. non sò perchè l'hai fatto ma sò che ci mancherai !
  • Nube di fumo dalla Orim,
    apprensione dei passanti

    5 - Lug 10, 2014 - 18:14 Vai al commento »
    E comunque.....passo quasi ogni giorno di fronte alla ORIM e tra fumi, vapori e puzze varie difficilmente riesco a assaporare il dolce profumo dei Tigli ! poi nei giorni in cui la Macero Maceratese riceve i rifiuti organici, l'acre si mischia divinamente con la puzza di cacca e l'aria diventa irrespirabile. Visto che un tantino me ne intendo di queste faccende, non venitemi a dire che queste cose sono normali e non creano disturbi alla salute di chi in quell'aria ci vive ogni giorno. Il problema non sono le aziende che cercano di condurre i loro affari al meglio ma la pianificazione territoriale che ha consentito la coesistenza di tali attività con le abitazione.
    6 - Lug 10, 2014 - 18:06 Vai al commento »
    Bushmanster Firearms......datte nà calmata cocco! questo è un "luogo" civile dove ci si scambia opinioni e informazioni, se il tuo mondo ideale è fatto di prepotenza e sopraffazione allora bisogna che ti trasferisci in qualche altro paese, esistono altri "luoghi" in cui chi non ha abbastanza cervello o abbastanza idee a cui dare voce, lascia parlare le armi!!! solo che poi da leone ti trasformerai presto in coniglietto....... Detto questo vedi di rispettare gli altri e cerca di stare a posto tuo che è meglio
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy