gianfabio giorgioni


Utente dal
23/8/2011


Totale commenti
3

  • Mauro Riccioni nuovo sindaco di Gagliole

    1 - Mag 27, 2013 - 18:30 Vai al commento »
    auguro un buon lavoro al Sindaco neoeletto.
    2 - Mag 27, 2013 - 18:29 Vai al commento »
    Gentile redazione, in effetti mi sono congratulato con il neo Sindaco, ma mi permetto di segnalarvi che nella foto è ritratto il Sindaco Riccioni con un suo membro della lista Fonsi e non il sottoscritto. Per il rispetto che devo alla vostra testata vi suggerisco di modificare la didascalia. grazie Gianfabio Giorgioni
  • “Piccoli comuni: la demagogia e la realtà”

    3 - Ago 25, 2011 - 1:23 Vai al commento »
    Oltre alle sensazioni più o meno condivisibili, posto un estratto di un articolo di Fortunato Laurendi pubblicato su La Gazzetta degli Enti locali del 24 agosto 2011, così, giusto per dare notizie da fonti fino a prova contraria autorevoli, a chi volesse approfondire l'argomento per farsi o rifarsi, o perchè no mantenere l'opinione che crede. Manovra bis, dubbi sugli enti Il Servizio Bilancio del Senato considera sovrastimati i risparmi derivanti dalla soppressione delle province e dall'accorpamento dei comuni. Intanto l'Anci scrive ai segretari di partito: un incontro urgente per individuare correzioni I tecnici del Servizio Bilancio del Senato esprimono dubbi sugli effetti finanziari derivanti dalla soppressione delle province e dall'accorpamento dei comuni con popolazione inferiore a 1.000 abitanti previsti in manovra e chiedono comunque al Governo di fornire una stima sui possibili risparmi. “Gli effetti finanziari positivi” della soppressione delle province, spiegano i tecnici, “potrebbero in parte essere compensati dal manifestarsi di possibili profili onerosi, in particolare, nella fase di transizione. In tale fase - si legge ancora nel dossier - eventuali criticità finanziare potrebbero sorgere relativamente a una serie di adempimenti di natura straordinaria e connessi alla gestione del passaggio delle funzioni, delle risorse umane, strumentali e finanziarie delle province soppresse ai nuovi enti destinatari”. I tecnici riteng ono quindi “opportuno che “il governo fornisca una stima sia pur di massima, dei possibili effetti finanziari derivanti dalla norma in esame” pur riconoscendo “la difficoltà di determinare a priori i possibili risparmi connessi”. Inoltre, secondo i tecnici, “sempre nella fase di transizione occorre disporre in merito agli atti e alle operazioni di carattere economico eventualmente pendenti, nonché agli adempimenti necessari a regolare il nuovo assetto amministrativo dei territori interessati”. Il Servizio Bilancio del Senato chiede inoltre “ulteriori chiarimenti” sulla “previsione del trasferimento alle regioni del personale per effetto della soppressione delle province, evidenziando in particolare se da tale trasferimento possano derivare oneri aggiuntivi a carico della finanza pubblica per effetto di un diverso inquadramento economico-giuridico di detto personale”. Stessi rilievi sulle misure che riguardano i comuni: i tecnici segnalano che i risparmi “potrebbero essere compensati dai possibili oneri derivanti dalla costituzione di una nuova istituzione, quali le unioni municipali, dotate di propri organi e deputate a esercitare le funzioni amministrative dei comuni contermini”. Inoltre si segnala che per i comuni con più di 5.000 abitanti, “le possibili riduzioni di spesa, derivanti dalla riduzione del numero dei consiglieri e degli assessori, potrebbero non essere realizzabili, tenuto conto dei vincoli posti dalle regole in materia di patto di stabilità interno e della possibilità dei citati enti di incrementare in misura corrispondente le rimanenti spese appostate in bilancio”....
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy