Francesco Zirilli

Francesco Zirilli


Utente dal
2/12/2013


Totale commenti
33

  • Attivato un call center per i rischi idrografici

    1 - Set 30, 2014 - 12:54 Vai al commento »
    Fatti non parole. Siete voi che dovete provvedere alla manutenzione periodica e programmata dei corsi d'acqua del reticolo idrografico. Ma può essere credibile un ente che è commissariato da più di nove anni? Il solito carrozzone italiano fatto per creare una poltrona, avere un consiglio di amministrazione, accontentare tanti sponsor. Insomma un'altra greppia dove mangiare. Saluti.
    2 - Set 29, 2014 - 18:10 Vai al commento »
    Se l'ente facesse il suo lavoro non ci sarebbe alcun bisogno di farsi chiamare dai cittadini. Un carrozzone inutile che si palleggia le responsabilità sulla gestione del reticolo idrografico, solo quando si tratta di farsi belli chiaramente, insieme ad una moltitudine di enti come Province, con gli ex Genio Civile, le Comunità Montane, o meglio Collinari, gli stessi Comuni e Regioni. Che caos. Povera Italia, ingovernata e ingovernabile.
  • “I nostri morti lasciati tra le erbacce”

    3 - Set 15, 2014 - 19:37 Vai al commento »
    Una volta c'era un custode con tanto di abitazione che pensava a queste cose. Eliminato, lavorava troppo bene! Secondo voi chi ci dovrebbe pensare? Facciamo un nome a caso. La Meridiana?
  • Concorso Asur per dirigenti amministrativi
    “Non manca invece il personale sanitario?”

    4 - Set 12, 2014 - 12:50 Vai al commento »
    All'APM di Macerata hanno fatto lo stesso per il nuovo dirigente del servizio idrico. Stesso non metodo di valutazione dei candidati, senza nessuna prova, ma solo con dei colloqui fatti da un'agenzia di Ancona, che ovviamente sarà stata ben pagata. Premesso, per pararsi bene il fondoschiena quelli dell'APM si sono fatti fare, pagandole lautamente, delle belle consulenze da alcuni legali esterni, ma non hanno un loro ufficio legale?, per inventarsi un non concorso come quello. Tutto documentabile con i bandi e le parcelle pagate che potete trovare sul loro sito della trasparenza amministrativa. Capite perché in Italia le cose non cambieranno mai? Perché il sistema dà da mangiare a tanta gente in questo modo che non si ribellerà mai a questo stato di cose, perché per quanto schifoso per loro è funzionale. Basterebbero poche regole, semplici e non aggirabili e soprattutto abbattere il concetto di posto fisso per il dipendente pubblico. Avete mai sentito di un dipendente pubblico licenziato? Eppure le PA hanno tutte conti in rosso ma continuiamo a pagare per far lavorare gente che ha poco o nulla da fare dentro gli uffici. Non è un atto di accusa contro i dipendenti pubblici, anzi vuole essere una difesa nei confronti di quelli che lavorano bene, a tutela della loro moralità e professionalità. Ma in Italia discorsi maturi e seri di questo tipo non si possono fare. Teniamoci questo stato di cose e impariamo a non lamentarci più se non abbiamo veramente il coraggio di voler cambiare le cose.
  • Concorso per 13 dirigenti, Diomedi:
    “Pertoldi difende il 50%
    dei raccomandati”

    5 - Ago 16, 2014 - 9:34 Vai al commento »
    Brava Diomedi. Dice bene. A me è successo esattamente l'opposto. Dopo anni di precariato in un ente pubblico, non essendomi mai piegato alle logiche del sistema, fedeltà e cieca obbedienza ai capi, mi hanno fatto elegantemente fuori. Come? Prima hanno provato con un concorso che mi impediva di partecipare per via dei requisiti, concorso annullato in autotutela guardacaso. Poi con uno pseudo concorso nel quale l'unico obiettivo era quello di non farmi vincere e con la commissione addomesticata a dovere, è stato fatto.
  • Evasione fiscale per 900 mila euro
    Otto medici coinvolti

    6 - Lug 31, 2014 - 9:45 Vai al commento »
    Nomi e cognomi per favore. Comunque impariamo a difenderci da soli, esigiamo la ricevuta ogni volta. Oggi sembra quasi un'offesa chiedere la ricevuta o la fattura. Una volta almeno ti facevano lo sconto senza fattura, oggi sono diventati talmente arroganti che neanche più quello ti fanno. Ma ci vuole tanto a capire che se tutti avessimo interesse a farci rilasciare la fattura, facendo in modo che tutti e dico tutti in forma magari diversa possono scaricare in tutto o in parte le spese fatte, l'evasione fiscale non esisterebbe più e staremmo tutti meglio? Negli Stati Uniti si scaricano tutte le spese, la famosa scatola delle scarpe dove a fine anno si vanno a pescare tutti gli scontrini delle spese fatte, il commercialista neanche sanno cosa sia, la dichiarazione se la fanno da soli. Regole semplici da far rispettare, no il caos che regna sovrano in Italia dappertutto, in materia fiscale in primis. Comunque nomi e cognomi, sanzioni disciplinari anche da parte degli ordini professionali e magari interdizione dalla professione. I medici non mancano, sperando che i nuovi arrivati siano più onesti di quelli sostituiti.
  • In manette dopo un furto in una villetta,
    nel furgone c’era merce per 20mila euro

    7 - Lug 25, 2014 - 9:22 Vai al commento »
    Almeno i delinquenti che non sono di casa nostra, potremmo rispedirli al mittente con biglietto di sola andata, come fanno in tutti i paesi civili, in primis quelli europei? Noi cosa facciamo, gli diamo un buffetto sulla guancia e gli lasciamo un foglio di via nel quale c'è scritto che sono obbligati a lasciare il paese entro due settimane. In due settimane sono tornati a fare quello che facevano come e più di prima. L'Italia è piena di gente onesta che viene da fuori confine e che lavora, facciamolo anche per rispetto nei loro confronti che spesso e volentieri sono accomunati ai loro connazionali ladri e malfattori.
  • La Fontescodella Spa
    cambia le carte in tavola:
    “Noi creditori del Comune”

    8 - Giu 9, 2014 - 8:41 Vai al commento »
    Grazie come sempre per la chiara e brillante esposizione. Rimane solo il rammarico di essere amministrati da persone prive di capacità, senza spina dorsale, che non conoscono il significato della parola coerenza e che si preoccupano solo di tenersi ben ancorati con il fondo schiena alla loro agognata poltrona.
  • I debiti della Fontescodella con l’Apm
    e l’incompatibilità di Pallotta:
    nuove grane sulle piscine

    9 - Mag 19, 2014 - 11:18 Vai al commento »
    Alla fine se non paga la Fontescodella S.p.A. le utenze della 'bagnarola' di viale Don Bosco, quel tantum ce lo ritroveremo noi utenti comuni sul groppone. Un normale cittadino moroso viene subito staccato dalle utenze. Anche a me piacerebbe avere qualcuno che mi paga le bollette e che neanche mi mette fretta nel rimborsarlo. Anomalia tutta italiana. Sindaco, la maiuscola è accidentale perché sono a inizio paragrafo, mi tornerebbe più simpatico, se avesse la dignità di lasciare la sua poltrona. Ne guadagnerebbe in simpatia e stima. Merce rara tra i politici al giorno d'oggi.
  • Telelaser in contrada Valle, Blunno:
    “E’ una delle strade più pericolose”

    10 - Mag 6, 2014 - 10:03 Vai al commento »
    Solo due righe. La polizia municipale potrà essere credibile nel suo operato, solo per esempio quando scompariranno da Corso Cairoli e Corso Cavour a qualsiasi ora, le macchine parcheggiate lungo le corsie di marcia e riappariranno i vigili a fare il loro lavoro. Anche questo vuol dire fare interventi mirati alla riduzione dell'incidentalità, protezione dei pedoni e sicurezza della circolazione stradale. Oops, mi scusi assessore, ho usato le sue stesse parole. Parliamo due lingue diverse o possono avere lo stesso significato? P.S. Tra l'altro si può benissimo fare cassa anche con le numerosissime multe per divieto di sosta e intralcio alla circolazione che si potrebbero fare nelle due vie summenzionate, ma poi qualche commerciante potrebbe lamentarsi e questo potrebbe non andare bene, vero? Siamo tutti cittadini e siamo tutti uguali, se lo ricordi assessore!
  • Accordo tra i tecnici dello Sferisterio e l’amministrazione

    11 - Mag 3, 2014 - 11:16 Vai al commento »
    Il pozzo senza fondo dello Sferisterio. Un blob ingordo che ingurgita soldi a fiumi rendendo pochi spiccioli. Un monumento e una stupenda cartolina di presentazione per Macerata. Ma siete mai entrati allo Sferisterio quando non c'è la stagione lirica o ci sono spettacoli? Una desolazione e l'incuria più assoluta, l'abbandono più totale. Chi lo gestisce è incapace di farlo senza fare enormi buchi di bilancio pur con tutte le sovvenzioni che prendono. Sarà ora di cambiare gestione e rotta?
  • Sopralluogo all’ex mattatoio
    “Sarà una progettazione condivisa”

    12 - Apr 30, 2014 - 11:29 Vai al commento »
    Ma l'architetto Monteverde non è quello che ci ha regalato le splendide panchine del centro? Quelle fatte apposta per farti venire le emorroidi anche in età precoce? Mannaggia, mannaggia e ancora mannaggia!
  • “Ho prestato all’Eni, come ogni due mesi, 562 euro”

    13 - Apr 9, 2014 - 13:12 Vai al commento »
    Un suggerimento su come risolvere il problema. Vale anche per la lettura del contatore dell'acqua, laddove il servizio di autolettura è disponibile. Io faccio la lettura dei contatori regolarmente almeno una volta ogni mese. Vengano poi a dirmi che fanno la stima dei consumi. Per l'acqua ancora più importante perché in base al consumo dell'acqua si pagano anche i relativi oneri di fognatura e depurazione. Provate!
  • Biogas: chiesti oltre 14 milioni
    di danni per lo stop a Corridonia

    14 - Apr 9, 2014 - 15:59 Vai al commento »
    Spero che nessuno possa veramente credere di far passare una Valutazione di Impatto Ambientale postuma. Sarebbe una duplice follia. Mi chiedo chi mai, sano di mente, potrebbe emettere una valutazione di impatto ambientale negativa su un'opera già realizzata? Andiamo bisogna proprio scomodare l'UE per farci dare ulteriormente dei matti? Hanno voluto forzare la mano, paghino come è giusto che sia, altrimenti continueremo a far passare il messaggio che le cose bene o male in un paese come l'Italia si possono sempre aggiustare. Anche postume.
    15 - Apr 9, 2014 - 13:03 Vai al commento »
    Prima conniventi con le amministrazioni pubbliche per fare le cose senza tutti i canoni di legge, adesso verginelle immacolate perché danneggiate a loro dire dalle stesse amministrazioni pubbliche con cui erano conniventi. Bisogna proprio avere una faccia come il c..o per vestire adesso i panni della parte lesa Intanto farei pagare i dirigenti delle amministrazioni pubbliche che hanno messo la loro firma su quelle autorizzazioni per compiacere qualche signorotto della politica e spero proprio che prima o poi qualcuno faccia piazza pulita dalla faccia della terra di questa vergognosa classe politica che comunque ci meritiamo Oggi a te domani a me il favore. Funziona così. Ormai questo modo di fare è come un cancro che si è radicato perfettamente nel tessuto sociale. Solo che prima o poi come succede nella vita reale, questo cancro finirà per portare la società alla sua morte.
  • Acqua maceratese tra le più care d’Italia
    Quanto ci costa la politica al bicchiere

    16 - Mar 24, 2014 - 12:28 Vai al commento »
    Ma la volete sapere una cosa ancora più interessante? L'acquedotto del Nera non è neanche concessionario del servizio idrico! Sorpresi? Io no! Nella tante anomalie italiane una cosa che la politica può fare è anche quella, a fronte di una legge chiara e precisa che a tal proposito ha anche istituito gli, inutili, AATO, di continuare a far esistere un ente, feudo di un acceso colore politico, come appunto l'acquedotto del Nera. Aggiungo. Tale ente non prende finanziamenti direttamente dall'AATO, ma deve reperirli tramite mutui e una volta spesi vengono restituiti dall'AATO, così gli utenti ci pagano sopra anche gli interessi dei mutui. Un paio di anni fa, il bando per contrarre i mutui per proseguire i lavori, base di gara 25 milioni di euro, è andato deserto. Nessuna offerta. Con questi chiari di luna cosa ci si poteva aspettare? Tra un po' ne faranno un altro. Auguro a questo ente che anche la prossima gara possa andare deserta, così soldi per fare i lavori non ce ne saranno più e forse una volta per tutte si deciderà di chiuderlo e assegnare i suoi compiti in maniera chiara e trasparente con tutti i canoni di legge, con regolare concessione e quanto altro. Probabilmente non cambierà nulla ma almeno avremo risparmiato gli emolumenti a un presidente, con relativo consiglio di amministrazione e revisori dei conti. Se non ho letto male da qualche parte, nei bilanci dei comuni soci, ogni consigliere di amministrazione, percepisce circa 1000 euro lordi mensili più rimborsi spese per, più o meno, un consiglio di amministrazione al mese, vale a dire dalle due alle tre ore al massimo di impegno. Fate voi i conti quanto deve lavorare una persona normale per guadagnare una cifra simile. Tenete conto tra l'altro che nel confronto degli emolumenti tra personale amministrativo e revisori e personale dipendente, quando parliamo di personale dipendente, parliamo di tre dipendenti, neanche tutti con contratto di lavoro a tempo indeterminato. A maggior ragione c'è una sproporzione enorme nei compensi delle due categorie. Ma parliamo di un feudo politico come lo sono d'altronde molti se non tutti gli enti pubblici dove la politica decide chi deve governarli.    
  • Prosegue la battaglia del biogas
    tra omissioni, bugie e millantati crediti

    17 - Mar 7, 2014 - 21:13 Vai al commento »
    Complimenti avvocato. Ottimo, chiaro e più che circostanziato articolo che mette in luce il malaffare della politica, la sua arroganza e totale dipendenza da pochi che si arricchiscono alle spalle della collettività. Oggi giravo per le colline dell'entroterra maceratese dove non passavo da anni, stese di impianti fotovoltaici a perdita d'occhio. Grazie alla sinistra ecologista che ci regala questi orrori, venduti come progresso per avere disponibili fonti di energia rinnovabili, a scapito della bellezza di un paesaggio unico come quello delle Marche e dell'Italia tutta, ormai perso e irrimediabilmente compromesso. Non sono un ecologista bigotto, anzi, credo nel progresso e nelle scelte innovative, purchè siano condivise e utili a tutta la collettività. Grazie presidente, al suo posto mi vergognerei, ma lei non conosce neanche cosa sia la vergogna e purtroppo neanche quelli che la circondano.
  • Auto contromano semina il panico: guidava ubriaco senza patente e assicurazione

    18 - Mar 1, 2014 - 14:19 Vai al commento »
    Stessa punizione, giusta, per tutti. Italiani e non. Con la sola distinzione che ai cittadini extracomunitari, la pena dovrebbe essere fatta scontare nei loro paesi d'origine, con grande risparmio per le casse dello stato e conseguente deterrente visto lo stato delle carceri spesso ancora più invivibile delle nostre sovraffollate, mentre per i cittadini di casa nostra, ove non sussistano aggravanti al reato commesso, servizi sociali e nessuna possibilità di tramutare la pena in sanzione amministrativa. Facciamoli lavorare e educhiamoli a comportamenti corretti alla guida.
  • Il concorso dei veleni tra polemiche e ricorsi al Tar

    19 - Feb 26, 2014 - 12:52 Vai al commento »
    E' sempre la solita storia. Assumi personale a tempo determinato, poi se sono ligi alle consegne, ossia fanno pedissequamente quello che viene loro impartito dall'alto, allora sono funzionali al sistema e a questo punto non rimane altro da fare che bandire un concorso truffa, con i nomi dei vincitori già noti in partenza. Purtroppo ci sono poche denunce a riguardo, d'altronde chi conosce queste storie aspira prima o poi a vincere un concorso pubblico. Ma se ti metti in cattiva luce, ti sei giocato già in partenza le tue poche carte. E' uno schifo ma nessuno dice nulla. E' l'Italia del menefreghismo e dei piccoli orticelli. Ognuno coltiva il proprio, basta mangiarci sopra. Basti pensare ai fantasiosi criteri di ammissione a un concorso che di volta in volta si inventano le PA per far vincere il candidato di turno. Basterebbe fare un sistema semplice che non possa prevedere scostamenti da criteri semplici e non fatti ad personam. E soprattutto commissioni anonime, di gente non legata a doppio filo con gli enti banditori. Ma siamo in Italia e le regole semplici non fanno comodo a nessuno perché poi bisognerebbe rispettarle.
  • Biogas: il Consiglio di Stato
    boccia la Via postuma

    20 - Feb 22, 2014 - 13:46 Vai al commento »
    Solo un commento. Grazie al Consiglio di Stato e adesso tutti a casa. Problema. Casta intoccabile quella dei politici e dei dirigenti pubblici. Lì sono, purtroppo per noi e lì rimarranno. Mi verrebbe solo da aggiungere, un po' di dignità dovrebbe consigliare a questi personaggi di mettersi da parte e rimanere in silenzio. Tanto i danni comunque sia li pagheremo sempre noi cittadini.
  • “Tares: tariffe rimodulate in base a criteri di equità”

    21 - Feb 17, 2014 - 10:29 Vai al commento »
    Soluzione semplice. Pagare l'utente per ogni chilo di rifiuto differenziato, vetro, plastica, alluminio, carta che comunque sono una materia prima che anche se da riciclare ha un suo valore economico. In molti paesi esteri, chiunque può portare ad esempio in vari punti di raccolta, i vuoti delle lattine di alluminio e ricevere in cambio moneta sonante. Troppo semplice forse. Ma in questo modo non troveremmo per terra neanche una velina di carta o di plastica e la percentuale di raccolta differenziata salirebbe alle stelle. Unica controindicazione. Poi gli amici dei politici, come farebbero a guadagnare sul business dei rifiuti? Meditate gente, meditate!  
  • “La Tares è aumentata nonostante le promesse del sindaco”

    22 - Feb 13, 2014 - 22:21 Vai al commento »
    Io ho pagato per tutto il 2013 con il vecchio sistema 136 euro. Oggi mi è arrivato il conguaglio che mi chiede 140 euro. Grazie per il regalo. Premetto che essendo unico residente, tra l'altro usufruisco della riduzione della tariffa dal 20 al 36%, produco forse un sacchetto di spazzatura al mese, visto che differenzio quanto più possibile. D'altronde basta solo un po' di buona volontà per riciclare e smaltire correttamente. Una visita all'isola ecologica ogni tanto e il gioco è fatto. Mi verrebbe voglia di fare un sacco unico e mettere tutto nel cassonetto. Così si incentivano solo gli utenti a non differenziare. Bravi anche senza considerare le promesse non mantenute.
  • Concorso per 13 dirigenti regionali:
    “Ecco i nomi di chi vincerà il bando”

    23 - Feb 10, 2014 - 18:43 Vai al commento »
    Nulla di nuovo. Provate a vedere cosa succede quando si parla di concorsi anche in altri enti pubblici. Spesso purtroppo i nomi dei vincitori si conoscono prima del tempo. Potrei fare vari esempi in merito ma mi astengo. La vergogna è che ci sono molti professionisti che si rendono complici di queste cose e che per pochi soldi si prestano a fare parte delle relative commissioni esaminatrici. La deontologia in questo senso la conoscono in pochi. I bandi di concorso vengono redatti dagli enti, che poi pagano una commissione spesso già istruita a riguardo. Cosi ci possiamo aspettare? L'Italia è uno dei paesi europei con i maggiori problemi di corruzione. Cosa possiamo fare? Nulla mi verrebbe da dire. Perché ormai il sistema è troppo compromesso per sperare di poter fare inversione di marcia. Le leggi ci sono, sono le stesse emanate dalla comunità europea che in altri paesi funzionano, da noi sappiamo invece come vanno le cose. E' triste dirlo ma abbiamo quello che ci meritiamo. Lo dice uno, che per quanto marcio ha visto in giro, non ha mai avuto il coraggio di denunciarlo. Pur avendo spesso e volentieri subito l'arroganza e l'ingiustizia del potere e del suo arbitrio.
  • Ripulito l’alveo del fiume
    nel tratto adiacente al ponte Pertini

    24 - Feb 4, 2014 - 17:31 Vai al commento »
    Volete anche i complimenti perché state facendo il vostro lavoro? Sognate. Siamo spremuti come limoni e abbiamo servizi da paese del terzo mondo! Ogni quattro gocce d'acqua bisogna sempre uscire col canotto. Perché non avete la stessa solerzia a metterci la faccia, quando succedono i disastri, invece che palleggiarvi la responsabilità con gli altri enti 'incompetenti'? Solo un apprezzamento. Grazie per averci risparmiato lo spreco della porchetta e dei fuochi d'artificio, come un suo non illustre predecessore!
  • Il sindaco rinuncia all’indennità
    per pagare la mensa della scuola

    25 - Feb 6, 2014 - 15:46 Vai al commento »
    Aiuto! Un alieno è sceso sulla terra! Bravo sindaco. Anzi bravissimo. Spero che il suo gesto non le scateni contro le invidie dei soliti politici assetati di denaro e di potere. Un esempio per capire che brave persone ancora esistono. Un po' di ottimismo in un mare nero.
  • Il corriere del nord finisce in cella
    Maxi sequestro di hashish: 4 chili

    26 - Feb 3, 2014 - 14:22 Vai al commento »
    Semplice. Tutti a scontare la pena nel loro paese di origine. Magari anche applicando le pene previste dal loro ordinamento giuridico. In questo caso la pena sarebbe indubbiamente più severa e il soggiorno meritato in galera, meno 'confortevole'. Pensare a che risparmio. Meno carceri, meno costi per il mantenimento di detenuti e sorveglianti. Possibile che a nessuno venga in mente una soluzione così semplice? Ultimo pensiero. Immagino la frustrazione delle forze dell'ordine quando, ormai sempre più spesso purtroppo, i delinquenti tornano troppo in fretta liberi di circolare e delinquere ancora. Per questo hanno tutta la mia comprensione. Saluti e buona giornata a tutti.
  • Velocità controllata al Telelaser
    Blunno: “Più sicurezza nelle strade”

    27 - Gen 22, 2014 - 9:52 Vai al commento »
    Ma per favore. E' solo l'ennesimo tentativo di far passare un'operazione di educazione e sensibilizzazione alla cultura stradale, fatta in realtà per fare cassa. Iniziamo a insegnare ai guidatori le regole di base. Inorridisco la mattina quando incrocio le macchine che portano a scuola i bambini, che viaggiano dentro la macchina come cani sciolti. Anche a una velocità di 30 km/h, che sono più di 8 m/s, una frenata improvvisa è in grado di proiettare una qualsiasi persona o cosa all'interno della macchina, contro i finestrini e quindi all'esterno con conseguenze inimmaginabili. Pochissimi usano le cinture, e anche se non le porti le assicurazioni tanto ti rimborsano lo stesso (assurdo!), tantissimi parlano al telefono guidando, altro comportamento pericoloso. Iniziamo a prendere le persone e a portarle dentro i centri di cura e riabilitazione dove le persone che hanno incidenti provocati da loro comportamenti scorretti, tra cui metto anche l'abuso di alcolici, permangono con lesioni devastanti spesso irrecuperabili. Pensate al costo sociale dei morti e feriti sulle strade, che potevano e possono essere evitati facendo cultura. Faccio un esempio impensabile per l'Italia. Mi trovavo in Canada per un soggiorno presso familiari. Accompagnavo a scuola i nipoti, a un banalissimo incrocio senza neanche le strisce su una strada secondaria, una macchina ci ha affiancati e ci stava superando, ma quando ci ha visti ha messo la retromarcia e ci ha fatti passare. Paese civile, non solo per questo ma per molte moltissime cose che neanche ci possiamo immaginare. Amministratori, imparate a fare cultura, sarete credibili solo se i soldi delle multe finiranno non nelle casse a fare bilancio del comune, ma verranno usati per la sicurezza stradale tra cui in primis, educazione a qualsiasi livello per giovani e adulti. Questo vorrebbe dire fare un passo avanti e mostrare buon senso. Spero che siano in molti a condividere questo mio pensiero. Saluti e buona giornata a tutti.
  • Bonifica bacino del Chienti
    Malaspina: “Risolveremo presto”

    28 - Gen 10, 2014 - 10:38 Vai al commento »
    Domanda semplice. Ma far pagare il tutto a chi ha inquinato? Bisogna sempre scaricare sugli enti pubblici, che prima avrebbero dovuto vigilare e non lo hanno fatto, poi devono risanare! Con i soldi di chi? Dei cittadini ovviamente. Notizia di qualche tempo fa. Paradosso. Chi si è reso responsabile di questo scempio, parlo ovviamente di una fabbrica della zona, è stata premiata per il suo attuale impegno nella difesa dell'ambiente. Cornuti e mazziati! Buona giornata a tutti.
  • Trasparenza, viaggio nelle partecipate
    Apm contribuisce con 140mila euro
    all’orologio sulla torre civica

    29 - Gen 9, 2014 - 9:18 Vai al commento »
    @Luca89 Si parla di qualche milione di euro di proventi dalla gestione dei parcheggi. Credo che dai bilanci sia direttamente riscontrabile tale voce. Saluti e buona giornata a tutti
    30 - Gen 8, 2014 - 17:37 Vai al commento »
    Nota per Gianfranco Cerasi. Se avessi avuto modo di spulciare anche gli anni passati, avresti avuto modo di vedere ad esempio il ricorso ricorrente ad uno studio legale, sempre lo stesso, per varie consulenze. Mi chiedo come mai non si sia fatto ricorso all'ufficio legale del comune di Macerata, visto che l'APM è una sua partecipata. Oppure come mai l'azienda non si doti di un proprio ufficio legale interno, costerebbe sicuramente molto meno. La generosità dell'APM sarà dovuta anche al fatto che ha avuto in dono dal comune di Macerata la gestione dei parcheggi, attività da quello che ho potuto sapere, notevolmente remunerativa per l'APM, a fronte del versamento di una quota modesta degli introiti derivanti per il comune stesso? Su altre cose taccio per decenza, ma a voi la curiosità di andare ancora più a fondo. Saluti e buona giornata a tutti. P.S. Avete controllato nelle bollette il famoso contributo forzoso per il fondo perdite occulte? In pratica è stato imposto, dicendo che sarebbe poi stato onere degli utenti dire se volevano o meno usufruirne chiedendo il rimborso di quanto già versato. Capito come si gestiscono i servizi in Italia? Prima ti aggiungo un onere per il servizio, sarà poi compito dell'utente accorgersene e declinare la gentile offerta. Di nuovo saluti a tutti.
    31 - Gen 8, 2014 - 11:57 Vai al commento »
    Risposta per Gianfranco Cerasi. Eccoti i link che chiedi.   https://albofornitori.apmgroup.it/esiti.aspx   http://www.apmgroup.it/apm/gareaggiudicate   http://www.apmgroup.it/apm/trasparenza   La legislazione dei lavori pubblici, nella quale è compresa anche quella per l'affidamento di servizi e forniture di beni, prevede un principio molto semplice. Viene permessa entro certi importi secondo il tipo di affidamento, la possibilità di affidare l'esecuzione di lavori, la fornitura di beni o la prestazione di servizi, seguendo i principi di trasparenza, concorrenza e (soprattutto) rotazione. Giudicate voi se il principio di rotazione viene rispettato. A quello della trasparenza ci siamo arrivati, ma non ancora del tutto, dopo anni dall'uscita del codice dei contratti, anno di grazia 2006. Ogni ente poi, utilizza un suo sistema per la pubblicazione delle informazioni relative alla trasparenza amministrativa che dovrebbe essere invece, proprio per la definizione di trasparenza, di facile e immediata lettura.   Potremmo andare avanti nel discorso per ore, parlando anche di cose poco piacevoli ma sicuramente interessanti per i cittadini che non hanno tempo e modo di occuparsi di come tali enti amministrano la cosa pubblica.   Buona giornata a tutti.
  • Trasparenza, viaggio nelle partecipate
    Sferisterio: 67mila euro
    il compenso di Micheli

    32 - Gen 3, 2014 - 20:06 Vai al commento »
    Scusate ma i soldi che anni fa vennero poi buttati nel cesso per il palcoscenico che si alzava durante la rappresentazione di Sansone e Dalila? Parliamo di 250 milioni di vecchie lire, per tre o forse quattro spettacoli e mai più utilizzati, anzi ormai buttati via perché di quell'impianto non rimane nulla. L'effetto fu molto bello, a parte l'ultima rappresentazione in cui per un problema tecnico non funzionò, ma poi più nulla. Per non parlare dei mega carri voluti più tardi dal nuovo direttore artistico di turno, che vennero messi da parte già nella stagione successiva. Altri soldi buttati via. Tanto sono soldi nostri a loro che cosa gliene può importare? Lo Sferisterio è un pozzo senza fondo, gestito in modo allegro con i soldi dei contribuenti. Bravi! Complimenti!
  • Si allarga l’inchiesta sull’urbanistica

    33 - Dic 13, 2013 - 17:39 Vai al commento »
    Ok. Apprezzo gli interventi dell'Avvocato Bommarito, non solo per i contenuti ma soprattutto per la loro pacatezza e chiarezza di esposizione. Di più. Non tutti hanno il coraggio di metterci la faccia e di esporsi in prima persona. Io per esempio appartengo alla categoria di quelli che hanno visto cose che voi umani neanche immaginereste, eppure nonostante il benservito che mi è stato dato, non ho mai avuto il coraggio di denunciarle. Il mio breve periodo di lavoro in un ente pubblico mi ha come destato dalla realtà ovattata del, quelle sono cose che si sentono solo nei telegiornali o si leggono solo sui giornali. Ho fatto solo delle circostanziate segnalazioni agli organi competenti, mai denunce scritte. Eppure non c'è mai stato nessun approfondimento delle questioni segnalate. E tutto va avanti come prima, solo per tenere in piedi l'ennesimo ente pubblico inutile alla collettività, destinato solo a rimanere in piedi per poter assegnare un piccolo feudo di potere a qualche partito politico, assegnare una poltrona di presidente al politico di turno e pagare profumatamente il relativo consiglio di amministrazione. Forse una persona come il procuratore Giorgio potrebbe farmi trovare il coraggio di uscire dall'ombra.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy