Dip Seba


Utente dal
3/4/2014


Totale commenti
1

  • Seba, Banca Marche rescinde i contratti
    per giusta causa

    1 - Apr 3, 2014 - 11:05 Vai al commento »
    L'appalto passava per SEBA perchè la SEBA aveva organizzato il servizio puntando su le sinergie tra i vari istituti creditizi e tra le diverse società di trasporto e contazione. La SEBA insomma aveva trovato il modo di far risparmiare le banche organizzando e gestendo un servizio. Ma non è questo il punto. E' interessante rileggere oggi quello che appena 3 anni fa Banca marche sosteneva per assicurare futuro ad una società CONTROLLATA, preso direttamente dai comunicati stampa presenti sul sito BDM: La Banca delle Marche S.p.A. - con riferimento alle notizie degli ultimi giorni circa lo stato di agitazione del personale della SE.BA. S.p.A. - precisa di essere, attualmente, l’unica Banca della regione che continua a sostenere la propria partecipata, a cui commissiona quelle attività che fino ad oggi hanno assicurato a quest’ultima ricavi, occupazione ed il conseguente mantenimento, a favore dei dipendenti, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto “Credito”. L’attenzione di Banca Marche verso SE.BA e verso il tipo di contratto occupazionale in essa vigente, è stata ed è centrale rispetto alle pure logiche del mercato e ciò sia in rapporto agli utili, sia in rapporto ai costi della fornitura; infatti la stessa Banca ha sempre ritenuto di valutare, per il futuro dell’Azienda partecipata, quelle soluzioni che consentano di rilanciarne le sorti e di consolidarne - in modo durevole e sostenibile - il ruolo sul territorio. Questa scelta è stata ribadita il 3 marzo u.s. dal Consiglio di Amministrazione di Banca Marche che ha unanimemente confermato la volontà di perseguire una strategia la quale, (ferma la presenza nel capitale della SE.BA. degli attuali soci bancari ), consenta l’ingresso come azionista di controllo di un’ azienda leader nel settore del facility management. Il nuovo socio di maggioranza dovrà : - garantire alla SE.BA. un ruolo significativo all’interno di un piano di sviluppo, onde farne un polo per l’esercizio di tutte le attività del gruppo nell’Italia centro-meridionale; - conferire un significativo apporto di liquidità alle casse sociali della SE.BA.; - mantenere la forza lavoro oggi impiegata nella SE.BA, con applicazione ai suoi dipendenti del CCNL del Credito; - creare le condizioni affinché le Banche socie possano affidare alla “nuova” SE.BA., a condizioni più competitive delle attuali, quei contratti di “facility management” oggi affidati in outsourcing. ----------------- Saluti
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy