daniele


Utente dal
9/11/2011


Totale commenti
8

  • Bufera urbanistica, Carancini:
    “Carelli si deve dimettere”

    1 - Dic 16, 2013 - 0:36 Vai al commento »
    Egregia Signora Torresi, sono intervenuto solamente per rettificare una notizia inesatta da lei fornita ai lettori e non per fare un'inutile e sterile polemica.Comunque, per quanto concerne il presunto conflitto di interessi, non sono proprietario, direttamente o indirettamente, di alcuna area a Macerata o altrove.Quanto alle altre sue affermazioni,posso assicurarle che ho sempre votato in libertà di coscienza e che è mia abitudine documentarmi sulle questioni ove sono chiamato ad esprimermi. Le ricordo, infine, che, in democrazia, l'astensione, al pari del voto favorevole e di quello contrario, è una facoltà espressamente prevista dalla legge per tutti i componenti degli Organi elettivi. Daniele Staffolani
    2 - Dic 14, 2013 - 21:38 Vai al commento »
    Preciso alla signora Noemi Torresi che, contrariamente a quanto affermato nel commento di cui sopra, per quanto concerne l'IDEC 24 di Colleverde mi sono astenuto in Commissione e in consiglio comunale non ho partecipato alla votazione. Cordiali saluti. Daniele Staffolani 
  • La Maceratese sfata il tabù
    Angolana umiliata all’Helvia Recina

    3 - Ott 6, 2013 - 23:01 Vai al commento »
    Arcolai purtroppo è arrivato al capolinea,va messo fuori squadra per evitare danni peggiori(è il quinto rigore inutile che causa nelle ultime partite,tra campionato scorso e quello attuale),Cavaliere meglio di Orta in attesa di un vero attaccante,Turbacci ancora da brividi.Se miglioriamo questi tre aspetti(portiere valido,difensore forte,sfondatore),possiamo aspirare alle prime posizioni.Ma gli ultimi acquisti di Cicchi(Santini,Gizzi,Ionni)dov'erano?Stanno per cambiare aria?
  • Matelica-Maceratese, festival del gol
    Il derby finisce in parità

    4 - Set 29, 2013 - 18:25 Vai al commento »
    La squadra è decisamente migliorata rispetto alle ultime prestazioni, tuttavia si sente ancora la mancanza di un bomber (a proposito, perché ha giocato Orta al posto di Cavaliere, che nelle ultime partite era stato quantomeno pericoloso?). Anche la difesa necessita di almeno un difensore di spessore, dato che continua la sagra degli errori di Arcolai insieme a un Di Cicco certamente non all'altezza della categoria (si è fatto saltare come un pivello sul secondo gol). Gravissimo poi l'errore di Santini, entrato da pochi minuti e uscito per abbeverarsi, lasciando la squadra in 10 nell'azione del terzo gol del Matelica, con Jachetta completamente libero di calciare al volo.
  • Maceratese umiliata a Civitanova Rossoblù, vittoria e vetta

    5 - Set 15, 2013 - 20:54 Vai al commento »
    La Fermana ci ha dominato, la Civitanovese ci ha umiliato, prestazione veramente penosa e senza anima. Forse l'allenatore credeva ancora di giocare per la Coppa Italia, dato che ha lasciato in campo le riserve... La differenza è che la Civitanovese, invece, ha fatto giocare i titolari. Diversi giocatori non sono da serie D, quello del portiere è un ruolo delicatissimo e noi invece non ne abbiamo neppure uno. Anche oggi Arcolai si è segnalato per un ulteriore grave errore. Urgono i rinforzi (se si vuole spendere) in particolare un attaccante forte degno di questo nome, altrimenti, come dicevo domenica scorsa, prepariamoci a grosse sofferenze...
  • Maceratese-Fermana
    Pari e applausi

    6 - Set 8, 2013 - 23:23 Vai al commento »
    Probabilmente il cronista era distratto o ha visto un'altra partita. La Maceratese ha giocato una pessima partita, la fermana oggettivamente meritava di vincere, urgono assolutamente rinforzi se non vogliamo fare la fine della civitanovese dello scorso anno. Alcuni sono stati veramente pietosi (Turbacci, Ruffini, Piergallini, Ionni) e gli errori di Arcolai cominciano ad essere troppi. P.S. Non allarghiamoci troppo, gli spettatori presenti non erano più di 1500.
  • LA CITTADELLA DELLO SPORT
    Qualcuno sta veramente esagerando!

    7 - Dic 1, 2011 - 9:51 Vai al commento »
    Tengo a precisare,in qualità di Componente della Commissione Ambiente e Territorio, che,contrariamente a quanto riportato nell'articolo,nella seduta del 22/8/2011 sono stato l'unico Consigliere di Maggioranza ad astenersi sulla richiesta di integrazione della stima formulata dalla Commissione all'Agenzia del Territorio (richiesta approvata con 7 voti favorevoli e 2 astenuti,io appunto e il Consigliere Pizzichini),ritenendo congrua la stima già effettuata dalla stessa Agenzia,di gran lunga inferiore alla prima redatta a suo tempo dagli Uffici Comunali. Daniele Staffolani -Consigliere Comunale PD
  • Piccoli judoka in Consiglio
    per chiedere una palestra

    8 - Nov 9, 2011 - 23:08 Vai al commento »
    Alcune precisazioni in merito all’articolo e al successivo commento di Alessandro Savi. Quanto all’accusa rivoltami dall’assessore Blunno, tra l’altro in maniera scomposta e poco consona al ruolo ricoperto, in ordine alla mancanza di un precedente confronto sull’ordine del giorno lamentando, in particolare, di non essere in possesso della sua stesura definitiva, riepilogo brevemente i fatti. Ho presentato l’ordine del giorno nei tempi dovuti, previo confronto con il capogruppo Ricotta, apportandovi quindi una piccola integrazione proprio dopo un colloquio con lo stesso Assessore che mi chiedeva di esplicitare meglio la proposta. Ieri, poco prima del Consiglio, l’Assessore Blunno mi ha manifestato l’opportunità di modificare l’ordine del giorno, sulla base di una risposta fornitagli all’ultimo momento dall’APM che evidenziava alcune difficoltà di ordine tecnico in ordine all’introduzione della nuova tariffa. Ho fatto presente all’Assessore che ritenevo non fondate le argomentazioni dell’APM e che quindi avrei illustrato l’ordine del giorno nella sua stesura originale, così come è avvenuto. Non è certo colpa mia se la Presidenza e/o la Segreteria del Consiglio non hanno trasmesso all’Assessore Blunno l’ordine del giorno con l’integrazione sopra indicata. Lo stesso Blunno,peraltro,avrebbe potuto prenderne visione semplicemente leggendo il Resto del Carlino,che aveva pubblicato integralmente la mia proposta sulla cronaca di Macerata. Quanto alla presunta imprecazione, ho subito chiarito la mia posizione sia in Consiglio sia in separata sede, con il Consigliere Ballesi, il quale, tra l’altro, mi aveva espresso la sua solidarietà a fronte dell’ingiustificato attacco dell’Assessore Blunno. Quanto al commento di Alessandro Savi, il Consigliere Del Gobbo, che non ha certo bisogno di avvocati difensori, non ha fatto altro, dopo essersi confrontato con il capogruppo, di sostenere le ragioni contenute nell’ordine del giorno, ben illustrandone lo spirito, che era quello di dare un segnale forte nei confronti della famiglia, senza “ni” e senza “ma”,introducendo una tariffa agevolata in base al numero dei componenti il nucleo familiare. L’ordine del giorno, infatti, era teso a valorizzare la famiglia in sé, come valore intrinseco, non solo le famiglie “numerose”, come sostiene erroneamente Savi, ma, in particolare, tutte le famiglie con più di un componente, quindi anche quelle con due, tre, quattro etc. componenti. L’introduzione di criteri reddituali, come sostenuto da Blunno e dal Consigliere Blanchi con il suo emendamento, avrebbe sminuito grandemente il provvedimento, riducendolo ad un intervento di mera natura assistenziale, come hanno evidenziato anche diversi esponenti della minoranza. Ricordo al collega Savi, peraltro, che la proposta dell’Assessore Blunno, come suggeritagli dall’APM, prevedeva l’individuazione di un limite di reddito ISEE di € 7.500,00, un limite che avrebbe consentito a pochissimi nuclei di fruire delle agevolazioni tariffarie, così come è avvenuto per il fondo di solidarietà messo a disposizione dall’Amministrazione per disoccupati e cassintegrati, fondo di cui la metà della somma è rimasta nelle casse del Comune per carenza dei requisiti di reddito da parte dei soggetti interessati. Il Consigliere Del Gobbo, tra l’altro, molto giustamente ha fatto presente che i nuclei familiari numerosi sono un’entità assai esigua a livello comunale, per l’esattezza i nuclei con sei o più persone sono solamente 310 su un totale di 18.767 famiglie, pari a meno del 2% delle famiglie. E’ innegabile, in ogni caso, che la famiglia con più componenti, anche con redditi medi, in questo momento di grave crisi incontra grosse difficoltà a far quadrare i propri conti, molte di più di quante ne possa incontrare un nucleo monopersonale. L’Ordine del Giorno approvato, mira, in tal senso, a riequilibrare l’attuale iniqua articolazione della tariffa, che favorisce solo le famiglie monopersonali perché solo esse possono rientrare nella fascia di agevolazione fino a 80 mc, dato che il consumo medio pro-capite annuale, in base ai dati ISTAT, è pari a 55 mc. Evidenzio a Savi che,attualmente, un “single” con un milione di euro di reddito, rientra nell’applicazione della fascia agevolata. Si tratta di modalità profondamente ingiuste perché tutte le famiglie debbono essere poste quantomeno nelle stesse condizioni di partenza; se poi una famiglia fa un uso smodato dell’acqua è giusto che entri negli scaglioni tariffari più alti. L’Ordine del Giorno, pertanto, va proprio in direzione di quella maggiore equità sociale auspicata dal Consigliere Savi, obiettivo che il PD ha sempre perseguito con forza. L’approvazione dell’ordine del giorrno con soli tre voti contrari, pertanto, che non è avvenuta nel gelo, come riportato nell’articolo, ma dopo un ampio e articolato dibattito che ha visto numerosi e animati interventi, costituisce un segno di civiltà e un segnale estremamente importante verso l’ATO di Macerata e l’APM, per indurli all’introduzione di agevolazioni tariffarie a favore delle famiglie, così come avvenuto in altri ATO delle Marche. Daniele Staffolani Consigliere Comunale PD
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy