Daniel Carlini


Utente dal
20/1/2012


Totale commenti
5

  • Primarie: “Non toccate le regole”

    1 - Ott 6, 2012 - 17:21 Vai al commento »
    Ma siamo sicuri che, in questa delicatissima situazione in cui il Pdl e quindi tutta la destra sono completamente allo sbando, un elettore vada a votare il candidato più debole del centro sinistra per favorire l'incertezza più totale??? o gli elettori, viste le condizioni di vita sempre più precarie, magari hanno superato questo senso di condizionamento psicologico nel passare dall'altra parte!? Io penso che l'elettore prima di tutto è un cittadino e una persona e che quindi vuole assolutamente affidarsi a qualcuno che gli dia una qualche certezza sia per contenuti che solo per carisma; forse però oggi abbiamo superato la fase del solo carisma, perchè l'elettore medio in questa fase è più sensibile ai contenuti e si informa. Come carisma e voglia di fare(e cose fatte a Firenze) direi Renzi, come esperienza Bersani, ma, pesando le due cose, di cosa abbiamo bisogno oggi? Nuove idee e una nuova classe poiltica(quindi provare a cambiare le carte in tavola) o mantenere il vecchio ed esperto apparato con tutti i condizionamenti e compromessi da mantenere e con quei due volti nuovi, messi lì tanto per illudere ancora qualcuno? E' chiaro che parteggio per Renzi, come allo stesso tempo penso che Renzi dovrebbe essere più chiaro nel dire con chi vorrà costruire un eventuale nuovo governo se vincesse le primarie.
  • Manifestazione contro gli immigrati
    “No ai cortei neofascisti di Forza Nuova”

    2 - Ott 5, 2012 - 2:36 Vai al commento »
    Il fatto di Montelupone è di una gravità senza precedenti! Tanto per essere chiari, alla frase ''guardate quest'uomo'' faccio riferimento all'uomo del video di cui ho messo il link a inizio commento
    3 - Ott 5, 2012 - 2:08 Vai al commento »
    http://www.youtube.com/watch?v=6W7fFgzgl2k Mai più che attuali le parole di questo video, dopo il fatto di Montelupone e la conseguente manifestazione organizzata da Forza Nuova questo sabato a Macerata! Siamo noi per primi stranieri quando non offriamo ascolto o aiuto nemmeno a un nostro parente o vicino! Meditiamo che c'è tanto da fare nella nostra cultura ed è ora di finircela di prendercela sempre con l'immigrato di turno..se è vero che l'ignoranza è il principale responsabile dei crimini, è certo molto più facile ritrovare questa nelle persone culturalmente più povere al di là della loro origine. Di chi è la colpa?Loro, nostra, dei loro genitori, dei genitori dei loro genitori, dei loro governi, della loro storia in cui hanno subito lo sfruttamento di altri popoli..loro vogliono quello che avremmo voluto anche noi nelle loro condizioni: salvarci da una non vita, perchè è così che si chiama quando non si riesce a condurre una vita dignitosa ed è inutile scervellarci a risolvere il problema di chi è la colpa, perchè è davvero complicato definirlo per tutti, piuttosto impariamo ad impegnarci noi di più ed essere un pò più aperti e generosi. Viviamo in un tempo in cui abbiamo paura di tutto e vediamo come una minaccia ciò che anche in minima probabilità ci potrebbe mettere in pericolo...dobbiamo essere eroi anche se non con le armi in mano, come comunemente viene accostata questa figura nel nostro immaginario, e non ci aspettiamo di essere glorificati dagli altri, piuttosto siamo gli eroi di una battaglia combattuta col cuore. Guardate questo Uomo. Non vi sembra che debba avere gli stessi diritti degli altri e la libertà che invece gli è negata anche per qualche assurdo condizionamento piscologico generato da altri? E perchè noi poveri uomini continuiamo a dare addosso agli immigrati?..alla fine, se si vede dall'alto, queste sono le guerre dei poveri, perchè mettono poveri contro poveri ed è una guerra che genera solo inciviltà.
  • Appello a Broccolo:
    “Il Pd deve cambiare”

    4 - Mag 28, 2012 - 19:32 Vai al commento »
    Appoggio in pieno il documento e al di là delle polemiche poco costruttive, al di là dei personalismi, di nomi presenti in lista e non, qui si vuol dare un gesto forte per il bene dei cittadini, che è l'unica cosa che alla fine conta. Affrontare il tema del cambiamento nel PD è necessario per non dire fondamentale e senza il quale il Partito va incontro al collasso. Il PD non ha finora dimostrato nei fatti di essere diverso dagli altri partiti, sia a livello nazionale che provinciale(una che vale per tutte: l'opposizione all'abolizione delle province e alla riduzione del numero dei tribunali), e non ha attuato un rinnovamento nei ''piani alti'', dato che fa comodo avere gente come Renzi e Civati, ma solo da cornice, perchè a comandare ci sono sempre loro. Il PD è un partito di grandi risorse, ma se per favore Bersani, Franceschini e Bindi uscite dal limbo e ci fate vedere che siete ancora vivi bene, altrimenti dovete prendervi le vostre responsabilità, riconoscere di non essere capaci a stare a capo del Partito e lasciare spazio a chi ha capacità. Il Partito è di chi ne fa parte, in particolare di chi si vede ogni giorno calpestare quei diritti di cui il Partito si fa rappresentante.  Nella situazione attuale, il fallimento del PD porterebbe a una crisi politica che potrebbe aprire scenari inquietanti, visto che intorno c'è terra bruciata e qualche germoglio che rischia di non fiorire. Una nota a parte merita il movimento di Grillo, il quale non lo definirei affatto come fenomeno di antipolitica come dice Bersani, perchè è un movimento di cittadini, soprattutto giovani almeno per ora,  a cui Grillo ha dato la forza di emergere, poi si vedrà come si organizzeranno, comunque credo che ciò faccia bene per la politica; io lo guardo positivamente, perchè se ne può apprezzare soprattutto lo spirito positivo e nuove idee interessanti per degli stili di vita differenti, sebbene talvolta qualcuno esaspera certe posizioni come lo stesso Grillo o si fa portavoce di certi valori solo per comodo nelle realtà locali, ma è il rischio di un grosso movimento alle prime armi che deve fare la scrematura ed è anche il rischio della pluralità, che deve esserci anche all'interno di un Partito. Tra un pò di tempo vedremo che forma prenderà questo movimento, dato che giunge voce che vorrebbero candidarsi alle prossime elezioni, quindi qualche rappresentante lo manderanno a livello nazionale e a quel punto il movimento diventerebbe Partito. Magari avranno regole diverse dagli attuali partiti, ma arrivati a questo livello sono un Partito a tutti gli effetti. In queste amministrative ci dobbiamo rendere conto che il PD ha vinto per mancanza di avversari, ma non per particolari propri meriti: PRIMO TURNO: votanti 66.9%, astenuti: 33.1%; SECONDO TURNO: votanti: 51,4%, astenuti: 48.6%. Questi sono dati allarmanti, non dati ''incoraggianti'' come Bersani voleva far intendere smuovendo un foglietto con il numero dei comuni andati al PD. Personalmente sono un elettore del PD e dico sono, perchè vedo ancora possibilità di cambiamento, ma bisogna intervenire ora e i mie toni sono accesi non perchè ce l'abbia con la persona di Bersani e gli altri, ma ce l'ho con loro nella figura che ricoprono da politici, perchè hanno una grossa responsabilità e vengono ben pagati per ciò; inoltre nella gravità della situazione non vedo un interesse da parte loro nella tutela dei cittadini, ma piuttosto vedo la difesa del Partito come mantenimento del centro di potere. Nel concreto bisogna rinnovare la classe dirigente(secondo me quelli pronti al salto sono Renzi, Civati, Serracchiani, ma sicuramente ce ne sono molti altri), far scegliere direttamente ai cittadini i parlamentari, mettere la regola dei due mandati e poi a casa, diminuire nettamente i finanziamenti ai partiti, quindi una nuova regolamentazione che obblighi l'assoluta trasparenza per i soldi ricevuti e spesi, vietare ai partiti di poter fare investimenti, dimezzare i parlamentari e infine abbattere i privilegi(comprese le pensioni d'oro). Non sono cose così difficili da realizzare, tutti ne saremmo capaci, eppure ciò dimostra che qualcosa di inquietante c'è già..numeri alla mano di tutte le promesse fatte non ne è stata realizzata una. Se gran parte di ciò non sarà preso in considerazione e in particolare il rinnovamento, alle prossime elezioni farò un voto di protesta(spero di non dover prendere in considerazione tale ipotesi, ma la storiella che ''bisogna sempre votare anche se non si è convinti e dare il voto al meno peggio'' per me non vale più a questo punto, altrimenti chi non fa il suo dovere continuerà a non farlo). Questo discorso non è di antipolitica, perchè sono convinto dell'estremo bisogno della politica, ma, mi dispiace, non di questa. Ogni persona deve informarsi e partecipare alla vita politica con il contributo che può offrire. Non dico che tutti dobbiamo far parte di un movimento o di un partito, dico invece che al di là di ciò dobbiamo comportarci da cittadini; dalla nascita ci viene automaticamente affidato questo titolo, ma nella sostanza ci preoccupiamo a difendere spesso e volentieri solo i nostri diritti e i doveri?
  • “Chi ha manifestato a Miss Padania ha soltanto difeso la Costituzione”

    5 - Gen 20, 2012 - 12:50 Vai al commento »
    Non ero presente alla manifestazione, ma ancor di più dopo questi sviluppi, mi sarebbe piaciuto tanto esserci!! Se fosse possibile anch'io avrei avuto il desiderio di figurare tra i denunciati. Sicuramente se questa storia andrà avanti, non ci sarò soltanto io a sostenerli, ma un popolo di indignati contro questi fantocci dell'antipolitica o chi per paura di qualcun altro apre fascicoli a comando come se la sua professione valesse non più di quel foglio di carta appeso e la sua dignità ancor meno.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy