Antonio Prosperi

Antonio Prosperi


«impiegato bancario. appassionato di musica, cinema, filosofia. attivista politico di sinistra.»

Utente dal
3/2/2014


Totale commenti
15

  • Il Buonaccorsi svela l’arte moderna
    Tour in anteprima
    “Qui tutto è in movimento”

    1 - Dic 11, 2014 - 19:30 Vai al commento »
    Scusate, aggiungo al mio già lungo ... sproloquio solo un paio di battute, più strettamente legate alla sfera dell'arte: certo é, come dice Giorgio Rapanelli, che la tensione artistica che c'erano negli anni di Peschi, Trubbiani e gli altri oggi si é diradata in mezzo al vuoto (finto pieno!) dell'epoca che viviamo. E' vero, però, che energie creative si aggirano e si annidano tra di noi e tra le strade, i locali, delle nostre città. Rapanelli cita giustamente Lucia Tancredi! Io vorrei aggiungere tutta l'iniziativa poetica e culturale di un gruppo come ADAM, a gente come Marco Di Pasquale, Alessandro Seri. Penso anche a giovani pittori, scultori, artisti di vario genere, che, in condizioni di sereno accoglimento (e prendiamocelo il tempo di guardare 'ste cose!) sarebbere apprezzati e valorizzati. O, quantomeno, stimolati nella loro opera ... di ricerca.
    2 - Dic 11, 2014 - 19:09 Vai al commento »
    La nuova sala di arte contemporanea é indubbiamente un traguardo molto importante. E sarebbe notevole poter aggiungere Palazzo Ricci al circuito museale. A quel punto, tra la Pinacoteca di Civitanova Alta e il circuito maceratese, senza dimenticare realtà più piccole e periferiche, ma altresì artisticamente importanti, avremmo veramente un ottimo percorso di tributo alla grande arte moderna, che il nostro territorio ha saputo esprimere! Il problema sta nel non fare sempre e solo polemiche su un piano, quale quello artistico, che sta ben aldilà delle meschine beghe di chi l'arte non la fa e, a volte, neanche ne gode dell'apprezzamento e delle riflessioni che essa suscita. Detto ciò, e rendendo unicamente omaggio e tributi ai ... protagonisti veri, cioé gli Artisti (alcuni dei quali ho la gioia e il piacere di conoscere personalmente), non ci si può esimere dal rilevare che molto spesso i rappresentanti istituzionali colgono simili occasioni principalmente ... per farsi belli (é chiara la metafora semplificativa!) Certo, lo sforzo finanziario, amministrativo e organizzativo, va riconosciuto e lodato, ma chiedo come sia stato possibile che lunedì mattina dell'8 dicembre, cioé il giorno successivo, festivo, a quello dell'inaugurazione, un visitatore che venisse da fuori Macerata, trovava chiusi sia l'ascensore, sia il parcheggio coperto dei Giardini Diaz! Ma forse, spero, ho avuto ... una delle mie sporadiche, ma non infrequenti, allucinazioni!?
  • Leopardi in love
    Folla per le anteprime
    del “Giovane Favoloso”

    3 - Ott 14, 2014 - 20:46 Vai al commento »
    Leopardi é uno dei più grandi geni della storia dell'umanità. Non solo, quindi, un poeta sommo! Il mondo del pensiero se n'é pian piano reso conto. Noi solo ora ci accorgiamo di avere avuto tra i nostri conterranei un genio assoluto? I balli di corte lasciano il tempo che trovano. Comunque l'importante é la ... consapevolezza! E che non sia temporanea o passeggera!
  • Trasferimento Oculistica, un enorme disagio per i pazienti

    4 - Set 23, 2014 - 17:42 Vai al commento »
    Comunque la si pensi, la Prof. Donati é sempre un esempio di impegno civile. P.S. Anch'io sono un suo ex allievo (ITC Macerata).
  • Proposta indecente al mercato,
    poi deruba un anziano

    5 - Ago 27, 2014 - 17:48 Vai al commento »
    Dai su! Cose che capeta!
  • Popsophia presenta #oppureridi, la filosofia a misura di bambino

    6 - Ago 27, 2014 - 17:50 Vai al commento »
    A domani per Popsophia! Grazie a tutti per l'organizzazione!!!
  • Manoscritto dell’Infinito, Mignini:
    “L’ateneo ha solo cercato la verità”

    7 - Lug 29, 2014 - 15:57 Vai al commento »
    Tutta questa diatriba contribuisce a dimostrare il punto a cui siano arrivate oggi la cultura e le virtù sapienzali! E allora domando e mi domando: a cosa serve la cultura nell'epoca moderna? In positivo mi potrei rispondere: proprio a questo, a riflettere l'epoca che si sta vivendo! E son dolori, eh ..........!
  • Il caro estinto saluta
    dai manifesti a lutto

    8 - Lug 30, 2014 - 17:18 Vai al commento »
    Mi associo a Valerio di Macerata! R.I.P.
  • Il “terzo” Infinito di Leopardi, un falso annunciato

    9 - Lug 28, 2014 - 17:01 Vai al commento »
    Certo intervistarli ora sarebbe gustoso, ma continuerebbero a recitare la loro parte da Balanzone come sempre! Il fatto é che avvenimenti come questo dimostrano ancora una volta come la cultura e la dimensione intellettuale non siano, o comunque non lo possono esser in alcun modo, una dimensione e uno status autoreferenti o autoreferenziali. Ma fanno parte dell'intera natura umana, non di una parte di essa. In sostanza, il costituirsi, sentirsi in un micro-cosmo (il mondo della cultura, appunto) é una perversione indotta, non una tendenza naturale. Ciò avviene, ovviamente, per le solite dinamiche legate al potere, etc. etc. (ma quì il discorso sarebbe lunghissimo). Comunque complimenti alla Prof.ssa Donati e a Cronache Maceratese per ever posto dei dubbi sulla questione. E speriamo che il grande Poeta non si rivolti nelle tomba, come purtroppo credo avvenga per molti altri illustri defunti!
  • Gli esordi sconosciuti di Piero Cesanelli

    10 - Giu 22, 2014 - 17:43 Vai al commento »
    Grande Cesanelli. Ce ne fossero di personaggi come lui!!!
  • La biglietteria Sferisterio cambia gestione
    “Buttano via i nostri 30 anni di esperienza”

    11 - Mar 19, 2014 - 17:25 Vai al commento »
    Sono perfettamente d'accordo con Renato Coltorti. L'AMAT é un carrozzone di quelli che vorremmo tanto, a parole, ristrutturare. Dal punto di vista culturale, molto importante, ma nella pratica poi .... Noi italiani, spiace dirlo, siamo formidabili in questo tipo di ipocrisie. Comunque, e lo dicevo in parte nel mio commento, dietro la decisione si potrebbero tranquillamente intravedere i soliti meccanismi clientelari, di cui abbiamo ampia e consolidata esperienza, in tutti questi anni di storia italiana. Forse, a livello regionale (PD nordmarchigiano o altro), come dice Coltorti, qualcuno ...... E non ce ne vogliano Carancini & Co. Sono semplici e generiche riflessioni. Di questi tempi, d'altronde, se si vuole cercare di migliorare un po' le cose, é più che necessario e opportuno, no?  
    12 - Mar 18, 2014 - 16:32 Vai al commento »
    Dunque, giustamente, Gabri (per cui Gabriella, credo) suggerisce l'inopportunità di usare sempre la solita retorica del cittadino-contro. Quindi seguo senz'altro l'indicazione.  Certamente ci saranno stati dei motivi alla base della decisione: economicità del servizio, qualità aggiornate (ad es. pagamenti elettronici, prenotazioni online, etc.). E, se ho ben capito, c'é un discorso con l'Amat per l'appalto o gare d'appalto del servizio biglietteria/prenotazioni. Il punto é che 36.000 euro non mi sembrano un costo che possa trovare ulteriori riduzioni, tantomeno se si esigeranno orari di apertura maggiori di quelli attuali. Inoltre, come dice sempre Gabri, alcuni commentatori non hanno mai avuto esperienza di trattare con Sergio o i suoi parenti per una prenotazione o un biglietto, per cui non possono valutare la bontà di un servizio fornito per 30 anni. Per cui anche il solo discorso tecnico-economico non tiene molto, secondo me. E tralascio gli aspetti nepotistico-clientelari (amici di .. parenti di ..), anche perché profetizzo che se ne parlerà sicuramente al momento della nuova attribuzione. In sostanza, però, vorrei dire che, anche in questo caso, ci ingabbiamo nel vizio capitale moderno di guardare solo il lato economico delle cose (costi, efficienza etc.), formalmente necessario, ma pur sempre relativo. Io, in biglietteria di P.zza Mazzini, sono andato oppure ho telefonato migliaia di volte, nel corso degli anni, e non ho avuto mai problemi con Sergio! E non ho mai sentito di problemi, disguidi o di inefficienze. L'uso del bancomat o l'online poi sono un dettaglio. E l'Arte non sta dietro ai dettagli. Li rappresenta e basta! Infine, penso che Sergio Del Gobbo meriti un rispetto umano che trascende qualsiasi banalità materialistica. E di seguito, anche la sua famiglia! Un abbraccio a loro, ai Teatri e a tutta la cultura maceratese!           
  • Silenzi: “Morgoni, senatore per cavillo”
    E’ battaglia nel Pd

    13 - Feb 24, 2014 - 18:03 Vai al commento »
    Il bue che disse cornuto all'asino .... vi rendete conto del paradossale status in cui si trova il PD? Costretto (costretto? ovviamente un eufemismo!) a guidare il governo del Paesello e, dall'altra parte, a perpetuare lo psico-dramma, anzi i plurimi psico-drammi di uno pseudo-partito (anche perché di partiti veri, di questi tempi, mi sembra che .....). Mah, che tristezza! Sembra un teatro dell'assurdo degno dei migliori Beckett, Jarry, Jonesco! D'altronte la realtà supera sempre la fantasia!!!    
  • Lutto a Macerata
    E’ morto Claudio Cuppoletti

    14 - Feb 9, 2014 - 20:01 Vai al commento »
    Chissà come commenterebbe Claudio la sua stessa scomparsa!? Probabilmente con una delle sue proverbiali battutacce di cinica saggezza! Che bello quando passavamo da lui a prendere il suo speciale caffé d'orzo con l'anice e il cacao sopra, prima di recarci al cinema. Un pezzo della Macerata storica! Mancherà, specie con questi tempi. Però ci lascia ... il suo stile dissacratorio! 
  • La Civitas Mariae
    contro i matrimoni gay

    Anpi e Arci pronte a dare battaglia

    15 - Feb 4, 2014 - 18:50 Vai al commento »
    Vi rendete conto di quali personaggi abbia avuto Macerata come Sindaco!? Provo una certa compassione per i compagni di SEL che siedono sui banchi istituzionali. Bisogna anche riconoscere una lode a Irene Manzi per l'intervento netto e contrario. Un suo dovere d'ufficio, però di questi tempi .... Certo che per Macerata é pressoché impossibile svestirsi dei panni di Civitas Mariae! O no? Ai contemporanei (speriamo non ai posteri!) l'ardua sentenza.   
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy