Andrea Cinquenove


Utente dal
1/10/2014


Totale commenti
1

  • Cosmari alla Fondazione Bandini
    “Lavoriamo con un revolver
    puntato alla nuca”

    1 - Ott 5, 2014 - 16:13 Vai al commento »
    Mamma mia “pistola puntata alla testa per cercare di far funzionare il Cosmari” in questi trent’ anni non si era mai sentito, proprio ora arrivano le eco balle come ultimo progetto innovativo, in realtà di “eco balle” in questi trent’anni i vari presidenti succeduti i politici locali e nazionali e tecnici ne ha prodotte una quantità notevole e purtroppo per noi che abitiamo a Sforzacosta mai della stessa misura, sempre più grosse. La prima , “impianto tecnologicamente avanzato mai costruito ad ora , senza nessun inquinamento , basta un po’ di vento ed il camino è a terra nonostante la figuraccia si continua ad investire e ricostruire sull’impianto che produce aria pulita, ora tutti sappiamo perché l’inceneritore è stato chiuso. Scatta subito l’emergenza per coprire il fabbisogno di energia di quella città di media grandezza che tramite il recupero di energia dal termovalorizzatore sarebbe rimasta al buio ed ecco pronto l’impianto fotovoltaico che oltre essere fatto in parte all’ombra è stato realizzato quando i rubinetti degli incentivi sono stati chiusi da tempo. Poi l’ecoballa ecologista con la produzione del compost , è qui che noi che abitiamo a Sforzacosta siamo caduti dentro il sacchetto della “monnezza” perché è questa la triste realtà. Ci siamo talmente assuefatti alla puzza che quando qualcuno ci viene a trovare e ci chiede “che è sta puzza?” e noi “niente il Cosmari” e loro “puzza sempre cosi” e noi “no, oggi ci accontentiamo” ci siamo talmente assuefatti che sentiamo solo i picchi che ci provocano i conati di vomito. Quindi basta, non fate le vittime, spero solo che presidenti del Cosmari , i politici abbiano il buon senso di valutare le balle che fino ad oggi ci hanno raccontato e rendersi conto, ma la fortuna è dalla vostra parte , che nonostante sono trent’anni che ci state maltrattando ancora non ci siamo incazzati .
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy