Alessandro Quarchioni

Alessandro Quarchioni


Utente dal
30/1/2011


Totale commenti
10

  • Incentivi per adottare cani,
    «Sono vietati da legge regionale»

    1 - Mar 23, 2018 - 8:18 Vai al commento »
    Ecco perché ci si mobilita per non far uscire i cani dai canili. https://www.cronachemaceratesi.it/2018/02/25/comune-e-meridiana-la-gestione-del-canile-nel-mirino-storia-di-un-rapporto-opaco/1071285/ https://www.cronachemaceratesi.it/2018/03/04/vittori-la-gestione-del-canile-di-meridiana-e-argo-e-cristallina/1074248/
    2 - Mar 22, 2018 - 23:11 Vai al commento »
    Non capisco qual'è la differenza se dopo 1 anno che al cane è stato dato da mangiare, sono state date le cure dovute, ha ricevuto un'adeguato trattamento sanitario e tutto questo è certificato dal controllo di un addetto comunale, il proprietario con 200 euro compra le crocchette o fa spesa per la sua famiglia oppure ci si mette la benzina. Trasformeremo 200,00 euro in assistenza veterinaria convenzionata o fornitura di alimenti, ma mai nessuno adotterà "un cane". Questa è l'Italia delle leggi fatte dai burocrati, ora capisco perché i canili sono pieni.
  • “Ipermercato? Caso montato
    Volevano un centro commerciale”

    3 - Mar 8, 2016 - 12:27 Vai al commento »
    Quanto sostiene Roberto Maurizi: “dalla riunione con i commercianti un consigliere di maggioranza presente all'incontro affermò che non c'era alcun progetto (negozio o altra struttura commerciale) ma che veniva solo messa in vendita l'area e qualunque soggetto potrebbe partecipare” è tutto vero ma evidentemente Tonino Nardi non lo ha ancora capito perché nella sua replica sostiene: “per la prima volta esce allo scoperto e dichiara pubblicamente che l'amministrazione sta predisponendo il bando per "VENDERE" l'area”. E’ inoltre vero, come sostiene Tonino Nardi che “Il progetto proposto dall'amministrazione Ramadori …….. fu discusso e ridiscusso più volte ma mai approvato”. Classico esempio di una politica inconcludente che fa i progetti, discute, discute e ridiscute e poi alla fine …… ha solo perso tempo. C’è un piccolo particolare: il vostro progetto – aborto che non ha portato da nessuna parte è stato PAGATO CON I SOLDI DEI MOGLIANESI. A Daniele Ercoli rispondo in forma privata perché in questa vicenda ci sono posti di lavoro da tutelare e non mi sembra il caso di parlarne pubblicamente.
  • Quarchioni: “La Ginnastica Mogliano sputa nel piatto dove mangia da 30 anni”

    4 - Mar 22, 2013 - 15:19 Vai al commento »
    Ciao Corrado faccio uno strappo alla norma che mi sono imposto cioè di non rispondere più per chiederti: ma che fai il formale? Certo che siamo amici, anche perchè, per quel che mi riguarda, la politica, lavoro o gli interessi in genere non influiscono sulle amicizie, in quanto è assolutamente legittimo avere idee diverse o addirittura contrapposte. Ti dico che per ristrutturare quella palestra, stiamo facendo un progetto che si aggira intorno ai 300.000,00 €, poi chissà dove arriverà in fase di realizzazione lavori. Comunque diversi interventi, a cui non rispondo, mi confermano quello che ho sempre creduto: il problema non sono i giovani, non sono le famiglie, non è il sociale, l'unico problema sono i soldi. E' per questo motivo che l'Asd Ginnastica Mogliano ha avuto pessimi rapporti con tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute in questo trentennio.
    5 - Mar 21, 2013 - 22:51 Vai al commento »
    @Tonino Contigiani Scusami ma non immaginavo che un Assessore competente non potesse esprimere opinioni attinenti al settore che guida e rappresenta e non mi risulta che esistano norme che lo vietano. Capisco che le mie dimissioni ti farebbero gioco e quindi raccolgo la tua proposta come una simpatica provocazione. Se io sono un pessimo amministratore, dato che in consiglio molte delle mie proposte sono state approvate all'unanimità, per la proprietà transitiva, anche voi dell'opposizione siete dei pessimi consiglieri. Comunque non volevo intervenire, ma non ci sono riuscito. Quindi passo e chiudo!
    6 - Mar 21, 2013 - 20:01 Vai al commento »
    L’Amministrazione comunale, fin dall’inizio del proprio mandato, ha sempre riconosciuto all’Asd Ginnastica Mogliano il lavoro svolto in favore dei giovani e non ha mai chiesto neanche 1,00 € per questo tipo di attività. I 500,00 € annui richiesti erano relativi l’attività serale in favore degli adulti che l’Asd Ginnastica Mogliano non ha mai voluto pagare e, per questo motivo, ha scatenato una guerra che dura da tre anni. Ribadisco che l’Asd Ginnastica Mogliano, in questi anni, è stata privilegiata rispetto a chi non svolge attività in favore dei giovani, come previsto nel Regolamento e che, l’atteggiamento tenuto dall’Amministrazione comunale nei confronti della stessa non è stato assolutamente vessatorio e persecutorio come lamentato, ed inoltre, ritengo sia giusto e doveroso che gli Amministratori effettuino dei controlli a tutte le strutture comunali ed alle attività che vengono svolte al loro interno; oppure si deve nascondere qualcosa? Rimando al mittente le accuse che mi sono state rivolte dalla sig.ra Matricardi, basate su “accordi presi”, naturalmente in modo verbale, e “toni spregevoli” che non ho mai usato, anzi ribadisco la mia totale stima alle famiglie che aiutano l’associazione e fanno sacrifici economici per far fare sport ai loro figli. Chi diffonde “ancora voci, le più disparate, proposte verbali ogni giorno diverse ed estrema confusione” siete voi che, non più tardi di oggi, sulla stampa locale, sostenete: “Strani progetti, incertezze, attacchi continui e ripetuti dell’amministrazione alla società fanno supporre ovvi intendimenti.”, mi auguro abbiate elementi a supporto di queste gratuite ed infondate insinuazioni. In ogni decisione ed azione di questa Amministrazione comunale ci sono sempre state la massima onestà intellettuale, la massima trasparenza ed equità di trattamento, nonché il rispetto delle normative vigenti. In una sola situazione siamo in difetto: non abbiamo ancora inviato alla Procura della Repubblica il Vs. fascicolo relativo alle autocertificazioni, affinché venga verificata la loro veridicità in quanto, per il quieto vivere e per non fare del male ai nostri concittadini, siamo in attesa di Vs. documentazione richiesta e notificata il 17/09/2012. Infine a testimonianza della Vs. scarsa serietà, vi ricordo che in questi mesi, cioè dal settembre 2012 ad oggi, avete utilizzato la palestra di via Adriani, privi della relativa autorizzazione, in quanto l’Amministrazione comunale non ha mai espresso proprio parere favorevole alla Vs. richiesta di utilizzo della struttura, perché ancora in attesa della documentazione di cui sopra e, malgrado si fosse consapevoli dell’irregolarità non vi è stato mai mandato nessun tipo di controllo ed applicata alcuna sanzione. Alla faccia del comportamento ostruzionistico, vessatorio, persecutorio e capzioso che ci rimproverate.  
    7 - Mar 20, 2013 - 21:54 Vai al commento »
    Alla fine dell'articolo avevo lanciato una proposta su cui ragionare, che però non è stata pubblicata, per agevolare quelle famiglie che purtroppo oggi non si possono permettere di fare praticare uno sport ai loro figli: "L’Amministrazione comunale è favorevole ad incontrare l’Asd Ginnastica Mogliano per trovare una ragionevole soluzione alla vicenda, anzi per il futuro, come suggerito dal Consigliere Patrizio Astolfi, propongo di non far pagare all’associazione nessun canone di locazione, a condizione che la stessa chieda ai propri iscritti di pagare solo le spese realmente sostenute (in modo che di questa agevolazione ne possano beneficiare le famiglie e non, come accade in diverse realtà, i dirigenti, i tecnici, i giocatori o gli atleti che vengono pagati); in questo modo si riuscirebbe davvero a creare un “servizio sociale”, parola spesso impropriamente usata, a favore della cittadinanza."
  • Nasce il sindacato dei lavoratori delle lavanderie self service

    8 - Ago 3, 2012 - 15:46 Vai al commento »
    Per poter operare, le lavanderie self-service sono tenute all’obbligo di iscrizione al Registro delle Imprese e autorizzazione del Comune dove viene esercitata l’attività. L'attività consiste in uno spazio allestito con lavatrici ed essiccatoi utilizzati direttamente dai clienti, acquistando appostiti gettoni e, se sprovvisti, anche i detergenti; il meccanismo è simile a quello degli autolavaggi self-service. In molti casi, verificati, riscontrati e documentati, questa attività si discosta dal modello sopra descritto: nelle lavanderie self-service infatti è presente spesso un addetto che fornisce assistenza alla clientela, propone servizi di stireria, di ritiro e consegna capi a domicilio ed altri tipi di servizi, come la giacenza e custodia dei capi ingombranti. Tutte queste attività sono tra quelle per le quali sono previsti dei titoli abilitativi e la presenza del responsabile tecnico. Ciò, dunque, oltre che una forma di concorrenza sleale per le tintolavanderie artigiane, rappresenta un esercizio abusivo di attività. A nome e per conto della mia tintolavanderia artiginana e di molte altre, chiedo alla Federazione Lavoratori Somministrati Autonomi Atipici (FELSA) della CISL Marche ed al Comitato di coordinamento appena nominato solo ed esclusivamente "IL RISPETTO DELLE REGOLE E DELLE NORMATIVE VIGENTI". Grazie 
  • Hockey su prato: il nuovo impianto sorgerà a Potenza Picena

    9 - Mar 28, 2012 - 1:37 Vai al commento »
    Voglio puntualizzare che nel tavolo istituzionale non si è raggiunto alcun tipo di accordo, come è stato erroneamente scritto, anche perchè non c'era alcun accordo da prendere. Si è preso ufficialmente atto dell'impegno, da parte del Comune di Potenza Picena e della locale società di hockey, di portare a termine il progetto avviato da diversi anni per la costruzione del nuovo impianto, prima dell'inizio della prossima stagione sportiva.
  • Le doppiette di Montesi e Ulissi
    lanciano Camerino e Lorese

    10 - Gen 12, 2012 - 16:57 Vai al commento »
    Che nostalgia vederti fotografato allo stadio Dino Ferretti con la maglia della Moglianese. Grande Maicol
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy