Trovato morto ai bordi della strada:
folgorato dai cavi elettrici

SAN GINESIO - La vittima è un 39enne. Il corpo è stato rinvenuto in contrada Casagatti, con qualche ecchimosi e ustioni ai polsi. A fianco c'era la sua auto. A lanciare l'allarme una donna che stava facendo jogging. Il medico legale, a distanza di alcune ore dal rinvenimento, ha chiarito le cause del decesso

- caricamento letture
cadavere-san-ginesio13_censored-650x433

Il medico legale Antonio Tombolini arrivato sul posto

di Gianluca Ginella e Michele Carbonari (Foto di Fabio Falcioni)

Morto folgorato dai cavi dell’alta tensione. Questo quanto i carabinieri, con il supporto del medico legale Antonio Tombolini, hanno chiarito dopo il rinvenimento del corpo senza vita di un uomo di 39 anni, R. F., a San Ginesio.

cadavere-san-ginesio14-325x217Il corpo si trovava lungo una stradina che attraversa le campagne e che costeggia la provinciale 31, proprio al confine con Ripe San Ginesio. Lì, in località Casagatti, il 39enne era riverso a terra, prono, ad alcuni metri dalla carreggiata. Sul corpo c’erano delle ferite: aveva ustioni sulle mani e sui polsi e delle ecchimosi. A scoprire il corpo una donna che stava facendo jogging, intorno alle 8,30 di questa mattina. Sul posto, oltre alla polizia locale, è intervenuto il 118 ma l’uomo era morto da ore. Viste le condizioni del cadavere, le ustioni, le ecchimosi, i carabinieri della Compagnia di Tolentino (sul posto è andata la comandante, il maggiore Giulia Maggi) hanno isolato la zona e svolto tutti gli accertamenti necessari per capire cosa fosse successo lungo quella strada di campagna.

cadavere-san-ginesio18-650x433Intorno alle 13 è arrivato il medico legale, Antonio Tombolini. Ispezionato il corpo è emersa la causa della morte: folgorato. E in effetti lì vicino c’è un palo dell’alta tensione. Escluso dunque che si sia trattato di un gesto violento compiuto da qualcuno. Non lontano dal corpo è anche stata trovata l’auto del 39enne, una Fiat Panda.

cadavere-san-ginesio5_censored-650x433I carabinieri, escluso potesse trattarsi di un omicidio, hanno proseguito con le indagini per chiarire cosa sia successo. L’ipotesi è che possa essere stato un gesto volontario con il 39enne che si sarebbe arrampicato lungo il palo sino a toccare i cavi. Persona conosciuta, tanti i parenti che questa mattina sono andati sul posto per capire cosa fosse successo. In realtà è rimasta una intenzione perché i carabinieri hanno chiuso entrambe le strade di accesso per blindare la zona e svolgere tutti gli accertamenti, visto che nelle prime ore non era chiara la causa della morte. Un mistero che, appunto, è durato alcune ore, sino a quando il medico legale non ha ispezionato il corpo. Il medico legale avrebbe anche dato una indicazione sulla possibile ora della morte che dovrebbe risalire a ieri mattina.

(Aggiornato con servizio completo)

cadavere-san-ginesio17-650x487

 

cadavere-san-ginesio15-650x433

cadavere-san-ginesio9-1-650x433

Il maggiore Giulia Maggi, comandante della Compagnia carabinieri di Tolentino

cadavere-san-ginesio8_censored-650x433

Il luogo del ritrovamento

cadavere-san-ginesio6_censored-650x433

 

cadavere-san-ginesio4_censored-650x433

cadavere-san-ginesio3_censored-650x366

cadavere-san-ginesio_censored-1-e1707041901439-650x360

Il luogo del ritrovamento

cadavere-san-ginesio2_censored-650x488

cadavere-san-ginesio1_censored-650x488



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X