A casa della ex nonostante il divieto,
arrestato per l’aggressione a 2 agenti:
il 51enne patteggia 8 mesi

MACERATA - Ieri notte l'uomo si era messo a urlare sotto la sua abitazione, poi era entrato nella palazzina. Era sottoposto al divieto di avvicinarsi alla donna. Oggi si è scusato con i poliziotti nel corso del processo per direttissima

- caricamento letture
tribunale-macerata-archivio-arkiv

Il tribunale di Macerata

di Gianluca Ginella

Era andato a casa della ex compagna e prima si era messo a urlare sotto la sua abitazione, poi più tardi era entrato nella palazzina dove vive la donna e stava salendo le scale, da qui la chiamata di lei alla polizia e l’intervento degli agenti che sono poi stati aggrediti dall’uomo quando hanno cercato di farlo salire sull’auto di servizio. Arrestato, oggi l’uomo ha patteggiato 8 mesi e si è scusato nel corso del processo per direttissima al tribunale di Macerata. In manette, intorno alle 2 del mattino di ieri, è finito un peruviano di 51 anni. I fatti sono avvenuti a Macerata.

L’uomo era stato sottoposto a divieto di avvicinamento alla ex compagna per via di presunti maltrattamenti. Il 51enne, che secondo quanto ricostruito dalla polizia aveva bevuto, quella sera era stato a cena dalla ex e ad un certo punto, questo intorno alle 23, c’era stata una accesa discussione. Lei aveva chiamato la polizia ma lui nel frattempo se n’era andato. E’ tornato intorno alle 2 di notte sotto casa di lei e si è messo ad urlare. La donna ha chiamato il 112. Sul posto è attivata la polizia ma nel frattempo l’uomo si è nuovamente allontanato. Più tardi è ritornato e nuovamente la donna ha chiamato la polizia segnalando che l’ex marito stava salendo le scale della palazzina dove vive. Gli agenti sono giunti sul posto e hanno fermato l’uomo. Hanno controllato, verificato che era sottoposto al divieto di avvicinamento e lo hanno fatto uscire dalla palazzina. Quando gli hanno detto di salire in auto lui si è rifiutato. A quel punto ha iniziato a urlare e spintonare gli agenti. A uno di loro ha preso la mano torcendogli il polso, alla collega pure ha preso la mano torcendo anche a lei il polso e spintonandola cercando di allontanarsi. Gli agenti per riuscire a bloccarlo hanno avuto con lui una colluttazione e alla fine sono riusciti ad ammanettarlo. Oggi si è svolta la direttissima davanti al giudice Francesca Preziosi del tribunale di Macerata. Il 51enne, assistito dall’avvocato Aldo Rino Sichetti, si è scusato con gli agenti. Poi accusa (pm Raffaela Zuccarini), e difesa, hanno patteggiato 8 mesi. L’uomo è poi tornato libero, resta sottoposto alla misura di avvicinamento e gli sarà applicato il braccialetto elettronico.

*Il nome dell’imputato non viene messo a tutela della vittima.

Divieto di avvicinamento alla ex, trovato vicino alla casa di lei poi fa resistenza agli agenti: arrestato

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X