Fissato il funerale di Mattia Orsi:
«La montagna ha deciso
di tenerti con lei, vai e vola in alto»

FABRIANO - Giovedì pomeriggio nella cattedrale di San Venanzio l'addio all'escursionista di 30 anni morto sabato a Montefortino durante un'arrampicata fino al Pizzo Berro. I familiari hanno chiesto di ricordarlo con offerte al Wwf Marche
- caricamento letture

mattia-Orsi-1-303x400

 

E’ fissato per giovedì, 30 settembre, alle ore 15 nella Cattedrale di San Venanzio a Fabriano l‘ultimo saluto a Mattia Orsi. «La montagna ha deciso di tenerti con lei, vai e vola in alto!» è il messaggio scelto dalla madre Monica e dai fratelli Elia, Christian e Sara con gli  altri familiari e amici per annunciare sui manifesti funebri la cerimonia di addio dell’escursionista fabrianese di 30 anni, deceduto sabato scorso a Montefortino.

Davanti agli occhi dell’amico il giovane è scivolato in un dirupo durante un’arrampicata fino al Pizzo Berro, forse per il cedimento di una roccia. L’autorità giudiziaria ha autorizzato solo oggi la riconsegna della salma per la sepoltura e dalle 8.30 di domani mattina sarà aperta la camera ardente nella Casa Funeraria ‘Infinitum’ di  via Pietro Nenni di Fabriano. Dopo le esequie Mattia riposerà per sempre al cimitero cittadino di Santa Maria.

Ha sconvolto l’intera comunità fabrianese e il mondo della montagna, la notizia della scomparsa di questo ragazzo che lavorava alla ‘Tipolitografia Fabrianese’ ed era sensibile alle tematiche ambientaliste. Mattia non era solo un esperto camminatore, un ciclista di enduro e uno scalatore, era anche appassionato di fotografia naturalistica. Per gli ideali perseguiti con il suo esempio di vita, i parenti hanno chiesto di ricordarlo non con fiori ma con offerte all’associazione Wwf Marche.  «Chi ha paura muore ogni giorno… e io ho deciso di avere coraggio» aveva scritto lo scorso 21 agosto il 30enne sui social media per raccontare la sua scalata per le vie ferrate del Corno Piccolo del Gran Sasso d’Italia, a 2655 metri di altezza. Dovevano volere bene in tanti a questo ragazzo vitale perché nei giorni della sofferenza più profonda la famiglia ha ricevuto un coro unanime di attestazioni di affetto.

 

«La Sibilla ha pianto per te»: il mondo della montagna si stringe nel ricordo di Mattia Orsi

Tragedia durante l’arrampicata: 30enne precipita e muore



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X