Tragico schianto sulla Provinciale,
patteggia un anno e otto mesi
per la morte del designer Aliberto Sagretti

UDIENZA dal Gup al tribunale di Macerata, sotto accusa per omicidio stradale una 68enne di Penna San Giovanni. Nell'incidente di un anno fa ad Urbisaglia perse la vita il 50enne lorese che era in sella alla sua moto
- caricamento letture
incidente-provinciale-urbisaglia-2-650x488

Il tragico incidente del primo settembre 2020

 

Morte del designer Aliberto Sagretti, l’automobilista ha patteggiato per omicidio stradale. Si è svolta stamattina l’udienza davanti al Gup di Macerata Domenico Potetti, imputata Agnese Palmoni, 68enne di Penna San Giovanni, difesa dall’avvocato Monica Attili, sostituta in aula dalla collega Manuela Costantini.

aliberto-sagretti-1-325x217

Aliberto Sagretti

L’accusa era sostenuta dal pm Enrico Barbieri, mentre i familiari della vittima si erano costituiti parte civile con l’avvocato Mariachiara Antinori. Secondo l’accusa la 68enne fu la responsabile dell’incidente mortale che esattamente un anno fa, il primo settembre 2020, costò la vita al 50enne di Loro Piceno. La donna, a bordo di una Panda, si trovava sulla Provinciale 78 all’altezza di Urbisaglia. All’improvviso, sempre secondo l’accusa, svoltò a sinistra verso il vivaio Bellesi senza dare la precedenza a Sagretti, che nel frattempo stava arrivando in direzione opposta in sella alla sua moto. L’impatto fu tremendo, il 50enne, noto designer di luci apprezzato in tutta Italia e non solo, venne scaraventato a terra e morì praticamente sul colpo. Oggi in tribunale la donna ha chiesto e ottenuto il patteggiamento a un anno e otto mesi di reclusione (pena sospesa), con sei mesi di sospensione della patente.

(redazione CM)

 

«Aliberto, spirito libero e curioso: girava il mondo ma amava Loro»

Si schianta con la moto: muore designer di luci

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X