Picchia la madre
e le lancia un bicchiere in testa:
condannato un 26enne

MACERATA - Per il giovane un anno, quattro mesi e 20 giorni. La sentenza oggi davanti al Gup di Macerata in abbreviato
- caricamento letture
tribunale-macerata-e1576254017570-325x276

Il tribunale di Macerata

 

Cazzotti al volto, spintoni e minacce alla madre, condannato un 26enne di Macerata. L’udienza, con rito abbreviato, si è svolta stamattina davanti al Gup Domenico Potetti. Il giovane era imputato per maltrattamenti in famiglia e lesioni. Secondo l’accusa, sostenuta in aula dal pm Enrico Barbieri, il ragazzo avrebbe più volte picchiato e minacciato la madre dal 2017 al 2020, in due occasioni facendola finire anche al pronto soccorso per averle lanciato in testa un bicchiere e per averla colpita con un pugno in faccia dopo aver assunto alcol e droga. La difesa del 26enne, sostenuta dall’avvocato Domenico Biasco, ha inquadrato la vicenda in un difficile contesto sociale e familiare, sostenendo che non ci fosse alcuna condotta reiterata nel tempo, ma un solo episodio di lite degenerata e andata avanti per due giorni. Il pm aveva chiesto un anno e sei mesi di reclusione, il giudice ha deciso per una condanna a un anno, quattro mesi e 20 giorni. 

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X