Professione moda giovani stilisti,
Filippo Francia sul tetto d’Italia

IL GIOVANE 22enne di San Ginesio si è aggiudicato il concorso nazionale con le sue creazioni nella sezione Maglieria e Pellicceria, in premio la medaglia del Presidente della Repubblica consegnata dal sottosegretario Lucia Borgonzoni
- caricamento letture
Francia-premiato-da-Borgonzoni-1-650x399

Francia premiato da Borgonzoni

 

di Giulia Tanoni

Filippo Francia vince il concorso nazionale Professione Moda Giovani Stilisti.  Si è conclusa, giovedì 9 luglio, l’edizione 2021 di Rmi (Ricerca Moda Innovazioni), la manifestazione di Cna Federmoda che dal 1991 offre l’opportunità ai giovani di entrare nel mondo della moda. La finale del concorso si è svolta nella cornice della limonaia di Villa Torlonia (Roma). Vincitore assoluto proprio Francia, giovane talento classe 1999 originario di San Ginesio. Nasce fin da piccolino, la sua passione per il mondo della moda, accompagnata da quella per l’arte. Fin da quando la mamma era pronta nel preparargli i vestiti per uscire, e magari qualcosa non lo convinceva completamente. «Con la fantasia mi compravo i giocattoli», dice. E infatti proprio disegnando e immaginando che Francia riusciva a soddisfare i suoi desideri, riusciva ad ottenere tutti quei giocattoli di cui un bambino si innamora in meno di un secondo e subito vuole avere. Inconsciamente stava portando la sua più grande passione, che solo più avanti sarebbe diventata una qualcosa di concreto.

1-Filippo-Francia-Premio-Sezione-Maglieria-e1626341011599-267x400

Alcune delle creazioni di Francia

Il giovane maceratese si è aggiudicato il premio Sezione Maglieria “per l’originalità negli accostamenti e l’estrema creatività dei dettagli e per aver unito nei propri capi contenuto, emozione e portabilità” e il premio Sezione Pellicceria “per aver scelto il pelo più semplice e basico e averlo trasformato in un tessuto prezioso ed elegante, per le linee ed il taglio, per il ricamo, per la ricerca e l’innovazione, per la cura del dettaglio, per la grande creatività”. Nelle sue collezioni ha voluto tener conto di tutto ciò che è il mondo ecosostenibile, ricollegandosi anche al fenomeno del riciclo. Francia ha dipinto a mano gli schizzi. Guardava ed ammirava i quadri, per poi reinterpretarli e creare sue fantasie per la collezione della maglieria. Per la sezione della pellicceria ha preso stampe che già esistevano, anche appartenenti al mondo antico, e ne ha fatta una rivisitazione, ha dato vita ad un connubio. Al ragazzo, allievo di Pianeta Formazione di Pescara, è stata consegnata dal sottosegretario al ministero della Cultura Lucia Borgonzoni, la medaglia del Presidente della Repubblica, come premio di rappresentanza del concorso, ed una licenza software Kaledo di Lectra. I 30 giovani aspiranti stilisti che hanno presentato le loro proposte creative alla fase finale del Concorso sono stati coinvolti, attraverso webinar, nel tradizionale percorso formativo, per poi giungere al momento finale dedicato alla mostra dei lavori esaminati dalla giuria e alla premiazione dei vincitori.

2-Filippo-Francia-Premio-Sezione-Pellicceria-e1626341032294-267x400

Diversi sono stati gli interventi riguardanti l’importanza e il fondamentalismo che la moda deve avere ed ha nei giovani. «Il settore moda è un asset fondamentale per il nostro Paese per i giacimenti di risorse economiche, sociali e culturali di cui è dotato – dichiara Antonio Franceschini, responsabile nazionale Cna Federmoda – Per questo con Rmi (Ricerca moda innovazione) si mette in relazione una molteplicità di attori del sistema moda per supportare al meglio il rinnovo e la trasmissione di competenze». Come dichiarato da Roberto Corbelli, direttore artistico di Rmi, sono molte le scuole italiane di moda che stanno facendo un ottimo lavoro, garantendo bagagli di competenze ineguagliabili da parte di qualsiasi altro Paese. «Cna Federmoda è fortemente impegnata affinché le politiche sul settore portino anche attenzione alla scuola e alla formazione – evidenzia Marco Landi, presidente nazionale Cna Federmoda – e per questo riteniamo fondamentale investire sui giovani, ma questo deve essere accompagnato da politiche adeguate. Serve una revisione degli Istituti tecnici. Dobbiamo rivedere la formazione dedicata al mondo della produzione riportando al centro la manifattura, preparare nuovi tecnici, pensare alla nostra tradizione artigianale dedicando attenzione alla manualità, così come è necessario intervenire sull’Università che deve essere portata a sviluppare un maggior confronto con il mondo delle Pmi con programmi di per gli studenti durante tutto il percorso di studi».

Filippo-Francia.1-650x376

I mood con i quali Filippo ha creato la collezione vincitrice

Filippo-Francia.2-650x396

0.1-Robero-Corbelli-Antonio-Franceschini-Sottsegretario-Lucia-Borgonzoni-Marco-Landi-650x433

Da sinistra, Roberto Corbelli, Antonio Franceschini, sottosegretario Lucia Borgonzoni, Marco Landi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X