Dall’otto per mille 50mila euro
per restaurare palazzo Buonaccorsi

MACERATA - Il Comune ha ottenuto il finanziamento che servirà per i fregi delle dodici sale del piano nobile. Stipulata anche una convenzione con un'associazione di appassionati e specialisti per la promozione e valorizzazione. Contributo di circa 23mila euro all’Amat per la realizzazione della rassegna "Buon'Estate 2021"
- caricamento letture
BUONACCORSI

Palazzo Buonaccorsi

 

di Luca Patrassi

Tre delibere in sequenza firmate dalla giunta a guida Sandro Parcaroli sul fronte dei musei civici di Palazzo Buonaccorsi. La prima delibera è un contributo di circa 23mila euro all’Amat per la realizzazione della rassegna “Buon’Estate 2021” che si svolgerà nel cortile del Palazzo Buonaccorsi dal 27 giugno al 3 luglio prossimi. Dieci appuntamenti di diverso genere artistico tra i quali un concerto dell’Ensemble esecutori di metallo e sei spettacoli dedicati al pubblico dell’infanzia. Il Comune ha avuto un finanziamento di 50mila euro, nell’ambito dei progetti per la ripartizione della quota dell’otto per mille riferita ai redditi del 2019, per il restauro dei fregi delle dodici sale del piano nobile di Palazzo Buonaccorsi. L’intervento consiste nella esecuzione delle stuccature dei fori e delle fessurazioni, nella stuccatura delle lacune dell’intonachino con malta il più possibile vicina ai materiali costitutivi dei fregi, nel ritocco pittorico con terre naturali, nel recupero delle decorazioni della volta e delle pareti della sala dell’Eneide. «L’intervento di ripristino dell’impianto decorativo della sala – spiega il Comune – ha l’intento di eliminare le fessurazioni prodottesi sulla volta, quelle che più disturbano la lettura della decorazione; di sanare le criticità di ancoraggio dei marmi, di stuccare le fessure prodottesi lungo le pareti e nei sottofinestra e di eseguire il ritocco pittorico». Infine la convenzione quinquennale tra il Comune e l’associazione Amici di Palazzo Buonaccorsi, «nata da un gruppo di specialisti e appassionati nei vari settori della cultura, con particolare riguardo per l’arte contemporanea e le arti visive, promuove lo sviluppo e la promozione delle attività culturali della città e dei paesi limitrofi prendendo come riferimento primario Palazzo Buonaccorsi in quanto simbolo della storia e della cultura della città di Macerata e del suo territorio», così si legge nella presentazione della delibera che è stata approvata dall’esecutivo a guida Parcaroli, assente l’assessora alla cultura Katiuscia Cassetta. L’associazione appena citata ha «formalmente manifestato la disponibilità a collaborare con i Musei Civici Palazzo Buonaccorsi per la valorizzazione, promozione e arricchimento del patrimonio culturale della città attraverso lo svolgimento di molteplici attività».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X