Bando del Comune,
21mila euro sul piatto
per l’apertura di tre attività

URBISAGLIA - La vice sindaca Marta Pantanetti: «I borghi dell'entroterra possono essere centro di sviluppo»
- caricamento letture

 

foto_Pantanetti

Marta Pantanetti, vice sindaca di Urbisaglia

 

Contributi a fondo perduto per incentivare l’apertura di nuove attività ad Urbisaglia: è questa la proposta dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Paolo Francesco Giubileo. Proprio per sostenere coloro che hanno voglia di investire nel borgo Bandiera arancione è stato creato un bando ad hoc. «L’Amministrazione comunale di Urbisaglia – si legge in una nota – intende favorire l’avvio di nuove attività d’impresa commerciali e artigianali nel territorio comunale. A tal fine è stato pubblicato il bando per la concessione di contributi a fondo perduto per l’apertura di massimo tre nuove attività commerciali-artigianali. È possibile presentare la domanda fino alle 13 del 22 dicembre 2021. Il Comune mette a disposizione 21mila euro ed ogni attività ne riceverà 7mila. Pertanto, il contributo sarà diviso in tre tranche: 3mila nel 2021, 2mila nel 2022 e altrettanti l’anno seguente. Inoltre, per le tre annualità l’attività commerciale sarà esente dal pagamento della Tari. Per maggiori informazioni consultare il sito www.comune.urbisaglia.mc.it o contattare l’indirizzo mail affarigenerali@comune.urbisaglia.mc.it».

«I piccoli borghi rappresentano degli importanti punti di partenza per la ripresa perché riescono a conciliare economia, ricchezza naturale e culturale – sottolinea la vice sindaca Marta Pantanetti –. Ci sono le condizioni ideali per costruire la propria attività e magari stabilirsi per la vita. Con questo bando non vogliamo dare soltanto un segnale economico, ma sottolineare che i borghi dell’entroterra possono essere centro di sviluppo, capaci di favorire la crescita di nuove attività, che a loro volta siano innovative e sostenibili. Questa visione di crescita territoriale è per noi molto importante ad Urbisaglia, un paese a vocazione turistica che abbraccia la riserva naturale dell’Abbadia di Fiastra e vanta il più grande parco archeologico delle Marche e, da anni, fa orgogliosamente parte del brand Bandiera arancione. Insieme agli altri consiglieri abbiamo affrontato la problematica dello spopolamento dei piccoli centri, in cui è sempre più difficile porre basi anche lavorative. Crediamo nel nostro territorio e vogliamo dare la possibilità alle persone anche di insediarsi in modo che il paese cresca anche in questo senso – prosegue Marta Pantanetti -. Riteniamo che questo incentivo, in un periodo storico particolare, arrivi nel momento giusto per dare uno slancio. Siamo ottimisti e fiduciosi nel nostro progetto, e vogliamo impegnarci a supportare le nostre realtà commerciali. In questo periodo abbiamo voluto sostenere le nostre attività dando loro l’opportunità di accedere gratuitamente allo spazio esterno ai locali, anticipando i provvedimenti nazionali. Inoltre, a Natale abbiamo proposto dei buoni spesa per favorire una microeconomia all’interno del Comune – conclude la vice sindaca -. Questo è il primo anno che abbiamo attivato il bando, se la formula funziona in futuro si potrà replicare. Il bando rappresenta un importante punto di partenza».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X