«Loculi e nuove concessioni,
spese ingenti per le famiglie:
l’amministrazione rinvii»

POLITICA - Il gruppo Petriolo Domani interviene sulla riorganizzazione cimiteriale: «Il presidente del Consiglio Draghi ha detto che nel 2021 i saldi non si chiedono, si danno, questo vale ancora di più in un paese colpito dal sisma come il nostro»
- caricamento letture
domenico-luciani-e1600430488685-325x227

Domenico Luciani, capogruppo di Petriolo Domani

 

Riorganizzazione del cimitero e nuove concessioni dei loculi a Petriolo. Si inserisce nel dibattito il gruppo consiliare Petriolo Domani. «Riteniamo del tutto inopportuno in questo momento così particolare chiedere somme così ingenti ai cittadini costringendoli a fare scelte anche dolorose. Come già affermato dal Presidente del Consiglio Draghi, “nel 2021 i soldi non si chiedono.. si danno”. Proporre di rinnovare le concessioni cimiteriali a spese dei cittadini crediamo non sia prioritario oggi.  Ciò a maggior ragione per i Comuni colpiti dagli eventi sismici del 2016 come Petriolo». Questo il commento del gruppo di cui fa parte anche l’ex sindaco Domenico Luciani.

«A fronte del pagamento di cifre importanti- spiegano i componenti del gruppo – , che in alcuni casi con più loculi possono arrivare ad alcune migliaia di euro per singola famiglia, dà la possibilità di “agevolare” la permanenza del defunto nel loculo o di prolungare il periodo di concessione per i loculi ad oggi non occupati. Con la retrocessione volontaria l’Amministrazione Comunale dà la possibilità al cittadino di retrocedere volontariamente i loculi cimiteriali che presentano sepolture con più di cinquanta anni o la cui concessione sia antecedente all’anno 1980, ma ancora attiva, e si impegna a sostenere le spese per le necessarie conseguenti operazioni cimiteriali. Molti cittadini, comprensibilmente contrariati, si sono rivolti a noi per lamentarsi di quanto stava accadendo e per chiederci informazioni maggiori al riguardo».

Petriolo Domani chiarisce di non essere in astratto contrari ad iniziative del genere «ma non condividiamo affatto le modalità e i tempi delle procedure avviate dall’attuale amministrazione comunale e nutriamo dubbi sulla loro correttezza e legittimità».

I dubbi sono sulla mancanza di un regolamento comunale e sulle motivazioni del provvedimento: «“una carenza strutturale dovuta all’esaurimento di aree ancora disponibili per edificazioni funerarie pubbliche, private e inumazioni”. Non ci risulta che ciò corrisponda alla realtà del nostro civico cimitero. Infatti, sono diverse le aree ancora disponibili all’edificazione all’interno dell’area già occupata dallo stralcio funzionale del progetto di ampliamento dell’area cimiteriale realizzato solo pochi anni fa nel corso del mandato dell’Amministrazione Mancini.  Chiediamo quindi, poiché non abbiamo informazione in tal  senso, se sia stata già effettuata una valutazione ed una analisi puntuale e ponderata degli spazi a disposizione sulla base delle necessità del nostro comune».

Petriolo Domani suggerisce all’amministrazione di sospendere la procedura: «E’ bene rinviarle a tempi migliori con modalità differenti solo dopo aver dipanato la matassa legislativa attraverso la definizione di un regolamento comunale cimiteriale che preveda anche misure per venire incontro alle famiglie economicamente meno abbienti, come molti cittadini auspicano. In tal senso ci stiamo informando con un legale di fiducia proprio al fine di chiarire ogni aspetto tecnico e normativo, di modo tale che se necessarie si potranno avere le giuste argomentazioni prima di fare qualsiasi scelta. invitiamo i cittadini interessati ad informarsi autonomamente, a reperire i contratti concessori in essere in modo da verificarne le condizioni e i termini e a non affrettarsi a corrispondere alcunché al Comune prima del termine indicato del 30 giugno, con la speranza che nel frattempo venga fatta chiarezza o ci sia un ripensamento dell’Amministrazione comunale su questa complessa e incresciosa situazione che francamente riteniamo doveva essere evitata, almeno in questo momento così particolare».

Polemica dei loculi a Petriolo «Il Comune chiede il rinnovo ma non è il periodo giusto»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X