Approvato il bilancio Atac, FdI:
«Belvederesi ha ristrutturato l’azienda»

IL PLAUSO del partito al coordinatore provinciale e presidente dell'azienda di Civitanova: «L'ha impostata per un lungimirante futuro. Ora si tratta solo di gestire»
- caricamento letture
conferenza-bilancio-atac-belvederesi-civitanova-FDM-2-325x217

Massimo Belvederesi

 

Massimo Belvederesi, presidente Atac di Civitanova e coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia incassa un lungo plauso dal suo partito per la gestione dell’azienda pubblica di Civitanova. A dirlo sono i consiglieri regionali Elena Leonardi e Pierpaolo Borroni, Mirco Braconi (direzione nazionale) e Roberto Pantella (portavoce cittadino di Civitanova) spiegano in una nota che: «Al termine dell’incontro tenutosi a Numana per la presenza della presidente Giorgia Meloni, hanno colto a margine l’occasione per valutare l’operato del presidente Atac, nonché portavoce provinciale del partito, Massimo Belvederesi al termine del primo triennio del suo mandato come amministratore di un azienda pubblica. In questi tre anni, il presidente ha portato a termine importanti progetti, come il condotto di Fondovalle per l’allacciamento delle fognature dei comuni limitrofi al Depuratore di Civitanova, anch’esso totalmente ristrutturato ed adeguato in soli 18 mesi di lavori; rapidi se teniamo conto del periodo Covid. Si è anche provveduto alla completa riorganizzazione ed efficientamento del settore Farmacie riportando gli ultimi tre bilanci in utile ed impostando il lavoro per un continuo miglioramento della marginalità. Inaugurata anche la Farmacia Oncologica come supporto psicologico e tecnico agli stessi malati in fase di cura. E’ stato ristrutturato anche il settore trasporti, ottimizzando personale e corse. Un settore che purtroppo risente delle criticità economiche, legate purtroppo a delle tariffe fisse troppo limite rispetto al costo del servizio. Si è fatto presente alla nuova Giunta Regionale questa problematica sperando in un tavolo di confronto».

Proseguono gli esponenti di FdI: «Una menzione a parte merita il fatto di avere finalmente ottenuto con apposita convenzione trentennale per un importo di 33 milioni di euro complessivi, l’assegnazione in-house del servizio di Illuminazione pubblica con l’obiettivo di ricostruire ed efficentare tutto l’impianto ed ottenere risparmi energetici notevoli che possano contribuire ad una migliore marginalità dell’azienda. Il risparmio energetico li ha visti propositivi anche dal punto di vista del servizio “calore” sempre in capo ad Atac, che pensano di riorganizzare in pieno non appena avranno concluso l’analisi degli impianti, andando a proporre in un prossimo futuro anche in questo caso il rifacimento degli impianti e l’efficientamento degli immobili dal punto di vista enegertico (cambio degli infissi, installazione valvole a zona ecc). Rimanendo sullo stesso filone hanno messo in funzione un impianto fotovoltaico (da inaugurare a breve) che rende autonoma dal punto di vista energetico l’Acquedotto Centrale con la stazione di estrazione dai pozzi»

Per quanto riguarda il settore gas «è stata ceduta la restante parte della partecipazione Gas Marca ed incassato il relativo corrispettivo. Contestualmente nel corso degli ultimi 18 mesi compatibilmente con lo stato di emergenza si è dato il via al bando per la selezione del Partner per partecipare, una volta che il Comune la indirà, alla gara per l’assegnazione del servizio di distribuzione del Gas nel sub-ambito di Macerata». Per quanto riguarda il settore acqua, «si è sostenuto l’impatto del passaggio dalla tariffa diversificata tra gestori alla tariffa unica cosi come impostata dall’Ato3, riportando in due anni ad una diminuzione della stessa grazie agli investimenti fatti nel settore idrico, dalla stessa Atac adeguandoli agli altri gestori. A seguire sono iniziati i contatti con gli altri gestori per addivenire ad ipotesi di gestore unico del settore idrico entro il 2024 come previsto dalla normativa,

Il presidente Belvederesi, presente ha tenuto a ribadire che durante questi tre anni «è stato sostenuto dagli altri componenti del Cda soprattutto dai due ora non riconfermati che ringrazia particolarmente: Alberto Borroni e Gianni Paolucci. Pertanto per noi – concludono Leonardi, Borroni, Braconi e Pantella -, è un percorso sostanzioso e sostanziale portato avanti dal nostro esponente all’interno della partecipata del comune di Civitanova e non possiamo far altro che un plauso al nostro portavoce provinciale del partito in questo caso espresso come figura tecnica che ha saputo ristrutturare l’azienda impostandola per un lungimirante futuro. Ora si tratta solo di gestire».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X