Minacce lungo la superstrada:
punta pistola a gas

BELFORTE - Condannato un civitanovese di 26 anni a 15 giorni (pena convertita in una multa). Oggi la sentenza. Vittima una coppia di coniugi
- caricamento letture

 

 

tribunale-macerata-2-325x247

Il tribunale di Macerata

 

Prima lampeggia all’auto di una coppia, poi con la propria vettura l’affiancata e punta una pistola a gas: queste le accuse contestate a un civitanovese di 26 anni che oggi è stato condannato a 15 giorni per minacce, pena convertita in una multa di 3.750 euro. La sentenza è stata emessa dal giudice Andrea Belli del tribunale di Macerata. Il 26enne, il 28 gennaio del 2017 mentre percorrevano la superstrada, poco prima dell’uscita di Belforte avrebbe iniziato a lampeggiare ad un’auto che lo precedeva. A bordo c’erano marito e moglie. L’altra auto si è spostata sulla corsia di destra e lui con la sua, dice l’accusa, l’avrebbe affiancata. Poi, continua l’accusa, il 26enne avrebbe puntato verso la coppia una pistola a gas di colore nero, marca Beretta Kang Nam Ak 577, priva di tappo rosso. Fatto questo, prosegue l’accusa, aveva proseguito la sua corsa in direzione di Foligno. L’imputato è difeso dall’avvocato Simone Santoro.

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X