Luciani: «La fascia bicolore?
Sono d’accordo tutti i consiglieri,
sarà utilizzata anche da loro»

MACERATA - Il presidente del Consiglio comunale dice di essere orgoglioso «di aver dotato la città di un ulteriore simbolo istituzionale. Per tale iniziativa ho avuto il plauso, oltre che della maggioranza, anche di alcuni consiglieri di minoranza»
- caricamento letture

 

GiuntaParcaroli_FF-6-325x217

Francesco Luciani

 

«In seguito alle notizie uscite sulla stampa relative all’acquisto della fascia istituzionale e delle bandiere italiane, europee e quelle dell’Azerbaijan – queste ultime due relative a una visita dell’ambasciatore dello stato asiatico in programma prossimamente – tengo a precisare, in quanto presidente del Consiglio comunale e quale rappresentante di tutti i consiglieri eletti dalla città, che per tale iniziativa ho avuto il plauso, oltre che della maggioranza, anche di alcuni consiglieri di minoranza. La delibera di istituzione della fascia è stata approvata infatti all’unanimità sia in Commissione Affari Istituzionali che in Consiglio». Così Francesco Luciani, carabiniere e presidente del Consiglio comunale in quota Lega, torna attraverso una nota stampa sull’articolo pubblicato ieri sulle bandiere e la fascia d’ordinanza bianca e rossa (leggi).

«Come previsto per legge, ho pensato infatti di modificare il Regolamento comunale in quanto il Comune di Macerata, contrariamente a oltre mille comuni e città d’Italia – dove l’istituzione di tale simbolo è prevista da tempo – non è mai stato dotato in precedenza della fascia pur essendo capoluogo di provincia. Inoltre, come è possibile verificare consultando il Regolamento – aggiunge Luciani – ho voluto espressamente, a differenza di altri comuni, che la fascia potesse essere utilizzata non solo ed esclusivamente dal presidente del Consiglio comunale ma da tutti i consiglieri, sia di maggioranza che di opposizione, che ne fanno richiesta per impegni istituzionali al di fuori del Consiglio e in rappresentanza della cittadinanza. Sono orgoglioso, rivestendo anche al di fuori dell’assise cittadina un ruolo istituzionale, di aver dotato il Consiglio comunale e Macerata di un ulteriore simbolo istituzionale che rappresenta la città e ringrazio tutti i consiglieri comunali che hanno votato la delibera senza alcuna discussione. Per quanto riguarda i vessilli istituzionali (10 bandiere dell’Italia, 5 dell’Europa e due del Comune) questi andranno a sostituire quelli che attualmente sono presenti negli edifici comunali in quanto alcune bandiere si sono usurate nel tempo a causa degli agenti atmosferici».

«Luciani merita una fascia d’ordinanza» Il Comune la compra con 19 bandiere, tra cui due dell’Azerbaijan

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X