Attacco nazifascista al convegno,
la procura apre un fascicolo

APPIGNANO - Nel corso di un incontro online dieci persone si sono collegate e hanno esposto una bandiera con la svastica, inneggiato a Hitler e mandato in loop discorsi di Mussolini
- caricamento letture
GiovanniGiorgio_ProcessoOseghale_FF-1-650x434

Il procuratore Giovanni Giorgio

 

Attacco nazifascista al convegno online, la procura apre una indagine. I fatti risalgono al 9 febbraio scorso. Quella sera l’associazione Prometeo aveva organizzato, col patrocinio del comune di Appignano, un incontro online dedicato alle Foibe. Nel corso della diretta è scattato un attacco di matrice fascista che è durato dieci minuti. «Una decina di persone sono entrate durante la diretta sul programma Zoom, e hanno mostrato una bandiera con la svastica, hanno inneggiato a Hitler, ai forni, mandato in loop delle bestemmie e discorsi di Mussolini» aveva raccontato Daniela Zepponi, responsabile della comunicazione del comune di Appignano e vicepresidente dell’associazione Red (Rete educazione digitale). Un attacco che è stato segnalato da Polizia postale e Digos alla procura. Il procuratore Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo per propaganda nazista o fascista, in violazione dell’articolo 2 della legge Mancino che sanziona gesti, azioni e slogan legati all’ideologia nazifascista. Al momento non ci sono indagati ma le indagini sono in corso per individuare i responsabile del gesto.

(Gian. Gin.)

 

Svastiche, frasi di Mussolini e bestemmie: l’attacco fascista corre in rete durante la conferenza del Comune



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X