Spaccio dietro alla stazione,
26enne finisce in manette:
trovato con 13 ovuli di eroina

MACERATA - La polizia ha fermato un giovane nigeriano nel rione Marche, dopo che era avvenuta una cessione di droga. Dopo la convalida è libero, disposto il divieto di dimora in regione
- caricamento letture
polizia-archivio

(Foto d’archivio)

 

Spaccio all’uscita del sottopassaggio della stazione di Macerata: in manette un 26enne nigeriano. Il giovane è stato fermato sabato mattina nel rione Marche. Aveva appena ceduto due ovuli ad un cliente e altri 13 ne teneva in bocca. L’operazione è della Sezione antidroga della Squadra mobile di Macerata. Gli agenti nella mattina di sabato (ma la notizia si è appresa oggi) stavano svolgendo un controllo in via Marche, nella zona del sottopasso della stazione, perché è giunta notizia alla polizia che in quel punto avvenissero cessioni di eroina da parte di nigeriani. Gli agenti hanno visto fermarsi un’auto, con a bordo un uomo, e un giovane nigeriano, il 26enne Destiny Okoiruele, salire a bordo. Poco dopo il 26enne è sceso e a quel punto i poliziotti, sospettando ci fosse stata una cessione di droga sono intervenuti e hanno fermato Okoiruele e fermato l’uomo che era in auto. Il 26enne è stato trovato con 13 ovuli di eroina nascosti in bocca, l’automobilista con due ovuli che aveva appena acquistato dal nigeriano. Okoiruele, che in tutto aveva con sé 9,75 grammi di eroina, a quel punto è stato arrestato.

Questa mattina si è svolta la convalida al tribunale di Macerata. Il 26enne, assistito dall’avvocato Michelangelo Giugni, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Okoiruele era già stato arrestato lo scorso anno a Roma, sempre per spaccio (episodio per il quale era stato condannato in primo grado a 5 mesi e 10 giorni, sentenza che è stata appellata). Il pm Francesca D’Arienzo nel corso dell’udienza davanti al giudice Francesca Preziosi ha chiesto la custodia in carcere per il 26enne. Il giudice ha deciso di disporre il divieto di dimora nelle Marche per Okoiruele. Il processo per direttissima è stato rinviato al 9 aprile.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X