Covid, muore Enrico Obletter
coach della nazionale di softball
A Macerata vinse tre Coppe Campioni

LUTTO - Aveva 62 anni, da qualche giorno era in ospedale a Pescara colpito dal coronavirus. E' stato il tecnico più vincente d'Italia. A Macerata era di casa tra il 1998 e il 2007. Il ricordo dell'ex presidente Giuliano Centioni: «Ha segnato la storia del nostro club e del softball italiano. Un autentico sergente di ferro»
- caricamento letture

 

obletter

Enrico Obletter

 

di Mauro Giustozzi

Il softball perde l’allenatore più vincente della sua storia. Che a Macerata regalò, nell’epopea del massimo splendore del ‘batti e corri’ cittadino ben 4 Scudetti e 3 Coppe Campioni. Si è spento all’età di 62 anni, portato via anche lui dal covid, Enrico Obletter coach anche della Nazionale azzurra che aveva preso in mano nel 2017 e in due anni portato le azzurre sul tetto d’Europa vincendo nel 2019 il torneo continentale e qualificandosi anche per le Olimpiadi di Tokyo. Da qualche giorno Obletter era in ospedale a Pescara colpito dal coronavirus. Le sue condizioni sono progressivamente e rapidamente peggiorate fino al triste annuncio del decesso. La sua è stata una carriera di un vincente a tutto campo, il più vincente di tutti nel softball e con le squadre di club italiane, sia in campo nazionale (9 Scudetti e 3 Coppe Italia), sia in campo europeo (5 Coppe dei Campioni), fra Macerata, Caserta e Bussolengo. Una squadra quella maceratese assoluta protagonista in questa disciplina: i trionfi cominciarono nel 1998 con il primo scudetto, cui ne seguì un secondo insieme alla prima Coppa dei Campioni l’anno dopo nel 1999. Il 2000 e il 2001 videro Macerata trionfare ancora in entrambe le competizioni; vinse il suo ultimo campionato italiano nel 2004, dopo il quale riuscì a salire sul tetto d’Europa altre due volte. Il 2007, che sembrava ancora più promettente, riservò invece un amaro finale di stagione col ritorno di Obletter in panchina ma con la sconfitta nell’ultimo atto della Coppa Campioni contro Forlì. La maggioranza però di questi trionfi portano la firma dell’allenatore di origini australiane che a Macerata era di casa tra il 1998 e il 2007 ultimo anno della sua presenza in panchina. Tra arrivi, partenze e ritorni Obletter segnò quell’epoca in cui altri nomi scolpiti nella pietra di questo sport segnarono tanti successi prestigiosi e ravvicinati.

mosca_obletter_3248

Enrico Obletter con Maurizio Mosca, main sponsor del Macerata Softball pluricampione

Dal deus ex machina del ‘batti e corri’ maceratese Franco Cippitelli al presidentissimo Giuliano Centioni (che vanta ancora la più lunga permanenza al vertice della società) fino a Marta Gambella ed ad una nidiata di campionesse irripetibili che portarono in alto non solo Macerata sportiva ma pure la Nazionale italiana. A comunicare per prima la triste notizia poche ore fa è stato il sito ufficiale della Fibs. «Il mondo del softball italiano piange oggi la scomparsa del suo rappresentante più emblematico: -ha scritto la Federazione baseball e softball- il covid, in pochi giorni, ha portato via Enrico Obletter, creatore, mente e cuore, del progetto che, in tre anni, ha collocato l’Italia nell’elite assoluta mondiale, con la conquista del titolo europeo e della qualificazione per i Giochi di Tokyo».

Ircer_Centioni__FF-3-e1568536263941-325x277

Giuliano Centioni

Chi lo ricorda e lo ha conosciuto in prima persona è Giuliano Centioni che di quell’epoca fu il presidente di un club che ebbe come sponsor i vari Vismap, Salvatelli e Mosca. «E’ stato l’allenatore più vincente della mia società –ricorda l’ex presidente- un tecnico molto attento ai particolari, determinato, anche permaloso, un autentico sergente di ferro. Quante battaglia abbiamo fatto assieme sui diamanti italiani ed europei in un periodo in cui eravamo la società guida del movimento e tra le più forti al mondo. Ho un bellissimo ricordo di Enrico Obletter che ha segnato la storia del nostro club e del softball italiano e questa notizia addolora me come tutti coloro che lo hanno conosciuto in quell’epoca splendente del softball maceratese».

Anche l’attuale dirigenza del Macerata softball l’ha voluto omaggiare con una nota in cui si sottolinea come «tutto il Macerata softball lo ricorda per i tanti titoli vinti con la nostra squadra. Il nostro pensiero in questo terribile momento va a Giovanna Palermi, compagna di vita e di tante formidabili avventure sportive».

maurizio-mosca-ricordo

Il ricordo di Maurizio Mosca, pochi minuti fa sui social



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X