Telecamere puntate sulle scuole,
striscione di protesta
«Clima orwelliano»

MACERATA - Gioventù maceratese critica la scelta dell'amministrazione: «Da studenti non possiamo tollerare l'ennesima criminalizzazione dei giovani ad opera del potere pubblico: noi siamo il futuro di questa nazione»
- caricamento letture
striscione_gioventu_macerata-2-325x244

Lo striscione esposto davanti al liceo classico “Leopardi”

“Scuole Sicure? 1984” recita così lo striscione affisso nella notte dai ragazzi di Gioventù Maceratese all’esterno del Liceo Classico Leopardi a Macerata. Il movimento critica così l’iniziativa del Comune di Macerata che ha annunciato l’installazione di quattro nuove telecamere in luoghi frequentati da studenti al costo di 16 mila euro.

«L’operazione – scrive Gioventù maceratese- servirebbe a contrastare fenomeni di spaccio studentesco ed evitare assembramenti in periodo di emergenza sanitaria. Da studenti non possiamo tollerare l’ennesima criminalizzazione dei giovani ad opera del potere pubblico: noi siamo il futuro di questa Nazione, non potenziali delinquenti da monitorare. striscione_gioventu_macerata-3-325x244Viviamo in un clima orwelliano, le scuole non vengono regolarmente frequentate da studenti da un anno, la socialità è distrutta, i disagi giovanili crescono: la risposta della politica è osservarci dalla lente del Grande Fratello. Auspichiamo – conclude la nota- un ravvedimento da parte delle istituzioni locali. Soldi pubblici vanno spesi per la nostra formazione, per migliorare i trasporti pubblici, per ristrutturare campi da Basket, per costruire strutture per attività fisica all’aperto. La droga è un male che viene debellato esclusivamente attraverso la responsabilizzazione dei giovani ed attraverso l’intima consapevolezza che noi siamo il futuro di Macerata e d’Italia».

Scuole sicure, quattro nuove telecamere puntate sui luoghi sensibili

striscione_gioventu_macerata-1-650x488



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X