«Spesi 82mila euro in 6 anni
e del coordinamento per la Pace
non si hanno tracce»

MACERATA - Le precisazioni del sindaco Sandro Parcaroli dopo la raccolta fondi di Strada Comune e Potere al Popolo per l'adesione
- caricamento letture

 

SandroParcaroli_FF-6-325x217

Il sindaco Sandro Parcaroli

 

«La spesa relativa all’adesione, in questi anni, è stata enormemente superiore ai 600 euro annui. Infatti, solo dal 2011 al 2016 sono stati erogati, complessivamente, per iniziative legate all’adesione al predetto Coordinamento, più di 82mila euro che, in media, corrispondono a 13mila euro l’anno. Nel 2002 inoltre è stato costituito un Coordinamento provinciale per gli enti locali per la pace di cui non si hanno tracce da circa 20 anni». A fornire «alcune precisazioni di ordine strettamente economico rispetto a chi propone collette» è il sindaco Sandro Parcaroli che risponde così ad Alberto Cicarè, consigliere di Potere al Popolo e Strada Comune, che si è detto pronto a consegnare all’amministrazione i 600 euro necessari per l’adesione, da parte del Comune di Macerata, al Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e i diritti umani. Adesione disdetta dall’amministrazione.«Pensare che Macerata sia la città della Pace solo grazie all’adesione a un coordinamento crediamo sia poco rispettoso nei confronti della sensibilità dei nostri concittadini – precisa il primo cittadino -. Avere, ogni giorno, rispetto dell’altro e desiderare il bene della comunità non crediamo si dimostri aderendo a un coordinamento ma piuttosto con la capacità di informare, sensibilizzare e mettere in campo iniziative volte a quel fine. Sperperare denaro pubblico ha poco a che vedere con il considerarsi rispettosi dell’altro. L’adesione umana al concetto di pace non può prevedere patenti o certificati di garanzia derivanti dall’appartenenza a questa o quella associazione – ha aggiunto il sindaco Parcaroli -. Che una somma sia superflua e allo stesso tempo esigua non ci autorizza a elargire denaro pubblico senza consapevolezza. La città di Macerata, sembra anche ridondante doverlo sottolineare, è chiaramente a favore della pace senza che un’associazione sia pagata per dirlo. Ci impegneremo, sempre, per continuare a sensibilizzare sui temi del rispetto dell’altro e della solidarietà – supportando iniziative che vanno in questa direzione – senza il bisogno di conseguire patenti che lo dimostrino» ha concluso il sindaco.

«Raccolti 920 euro in meno di 48 ore, ora Macerata può rientrare nel coordinamento degli enti per la pace»

Macerata fuori dagli enti per la pace: «Risparmiare 600 euro su 100 milioni Non è un motivo valido»

Enti locali per la pace, «Al Comune mancano 600 euro? I soldi li raccogliamo noi»

Enti locali per la pace, Macerata esce dal coordinamento



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X