Bando regionale piste ciclabili,
Sant’Elpidio e Montecosaro
fanno squadra per la mobilità

INSIEME - Il sindaco Terrenzi: «Un percorso che va a collegare anche le abbazie di Santa Croce e Santa Maria a Piè di Chienti»
- caricamento letture

 

20160907_121338-649x1024-1-400x207

 

Comuni di Sant’Elpidio a Mare e di Montecosaro insieme per partecipare al bando di accesso ai contributi a favore dei Comuni (ed aggregazione di Comuni) per la realizzazione di interventi a sostegno della mobilità ciclistica. E’ quanto deciso dall’amministrazione comunale elpidiense e concretizzatosi, con l’ente quale Comune capofila, con una delibera di giunta dei giorni scorsi, necessaria per poi partecipare al bando. «L’idea è quella di realizzare una pista ciclo-pedonale che colleghi i due comuni per favorire la mobilità dolce ed incentivare gli spostamenti in bici non solo per gli appassionati ma anche per quanti, disponendo di un comodo percorso protetto, vogliano semplicemente fare una passeggiata in bicicletta. Con questo progetto partecipiamo ad un bando della regione Marche che va a cofinanziare al 50% la mobilità ciclopedonale su un quadro economico di 70mila euro – dice il sindaco Alessio Terrenzi – ed è un’ottima opportunità per i nostri territori e che abbiamo voluto prendere al volo come segnale per il nostro territorio. Si tratta di un progetto che è frutto di una visione d’insieme di collegamento tra comune di Montecosaro e Sant’Elpidio a Mare, con un percorso che va a collegare anche le nostre Abbazie, quella di Santa Croce e Santa Maria a Piè di Chienti. Tra l’altro, in una zona in cui insistono attività commerciali importanti. Ci sarà poi una graduatoria nell’ambito del finanziamento e vedremo come andrà. Per quanto riguarda il nostro tratto di competenza del comune elpidiense si è scelto il tratto est, anche in vista di un futuro collegamento con il comune di Porto Sant’Elpidio con il ponte della Ciclovia Adriatica». «Ringrazio il sindaco di Montecosaro Malaisi per la collaborazione – aggiunge l’Assessore Alessio Pignotti – il tecnico Bruno Valeriani e la nostra capoarea dell’ufficio tecnico Monia Illuminati che si sono prodigati fino all’ultimo, lavorando anche durante il week end pur di arrivare con tutte le carte in regola in tempo utile per la scadenza del bando. Il tratto che abbiamo scelto come nostra competenza è quello che va dal centro commerciale al ponte dell’autostrada anche come valorizzazione del lavoro che sta svolgendo l’Associazione Casette Bike sul fronte della manutenzione, pulizia e riscoperta del territorio attraverso la predisposizione di un percorso lungo Chienti che, soprattutto in questo periodo di restrizioni, ha portato sia persone in bici che a piedi a riscoprire luoghi rimasti intoccati dalla mano dell’uomo. E’ una sinergia stretta anche con loro e colgo l’occasione per ringraziare l’associazione e tutti i volontari per il gran lavoro messo in campo perché credono, come noi, nella valorizzazione del territorio e credono nella bicicletta come veicolo attraverso cui riscoprirlo».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X