Giungla di leggi tributarie:
incarico a due legali

MACERATA - Il Comune si è rivolto a due consulenti per via del susseguirsi di disposizioni normative in materia
- caricamento letture

burocrazia

 

di Luca Patrassi

L’affidamento di un incarico professionale è un atto abbastanza rituale, la motivazione addotta dall’amministrazione comunale è sicuramente inedita, significativa dei tempi che corriamo. In sostanza il Comune di Macerata ha affidato un incarico professionale ad uno studio legale tributario di Lecce per dare sostegno all’attività dell’Ufficio tributi. Il problema non è la carenza di organico del servizio comunale, neanche l’indiscussa preparazione degli addetti: «Il susseguirsi – si legge nella delibera – di innovazioni relative alle disposizioni normative in materia di tributi locali, sia di natura legislativa che di natura giurisprudenziale, spesso accompagnate da numerosi orientamenti interpretativi, hanno creato notevoli difficoltà operative nella gestione dei tributi locali aggravando l’attività svolta dall’ufficio tributi; nell’anno 2020, i tributi locali sono stati interessati da diversi interventi normativi». Nella delibera sono anche elencati gli elementi di novità, dai tributi immobiliari alla tassa dei rifiuti passando per la Tosap. L’incarico, per un costo onnicomprensivo di 4440 euro, assegnato agli avvocati Antonio Chiarello e Maria Suppa ha ad oggetto l’«attività di supporto attraverso la predisposizione di 10 pareri scritti su specifici casi e questioni tributarie e amministrative di interesse per l’Ente locale e attività di supporto telefonico». In sintesi: un’amministrazione pubblica, peraltro ben strutturata quanto ad articolazioni burocratiche, ricorre a un libero professionista per orientarsi nella giungla delle normative fiscali prodotte da un’amministrazione pubblica. Qualcosa non va, dalle parti di chi produce le norme?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X