Addio a Mauro Bruschi,
il grazie della figlia agli operatori sanitari:
«Trattato come uno di famiglia»

MACERATA - Aveva 65 anni e da tempo lottava contro diverse malattie, si è spento ieri all'ospedale del capoluogo
- caricamento letture

 

mauro-bruschi

Mauro Bruschi

 

Si è spento nella notte tra venerdì e sabato all’ospedale del capoluogo, dopo aver lottato per anni contro diverse patologie, Mauro Bruschi, 65enne di Macerata. Pensionato, da 25 anni si era trasferito dalla città a Piediripa. Lascia la moglie Miranda, i fratelli Renzo e Dario e la sorella Mariella, il genero Simone, il nipotino Giosuè e la figlia Chiarastella, che ha scritto una lettera per omaggiare per tutti coloro che si sono occupati del padre. «Vorrei ringraziare il personale del pronto soccorso dell’ospedale di Macerata, il reparto di Nefrologia, medici, infermieri ed oss, perché negli anni lo hanno trattato come uno di famiglia – scrive – Un ringraziamento particolare ai dottori Natali e Campogiani, per l’umanità e la disponibilità che hanno avuto nell’ultimo giorno, e alla dottoressa Cristina Gatti dell’Inrca di Ancona che ormai è diventata un’amica. Colgo l’occasione per ringraziare anche tutte le persone che in questi giorni difficili hanno dimostrato la loro vicinanza e le onoranze funebri della croce Verde, professionali e disponibili». La famiglia si riunirà nella preghiera, in forma privata, domani alle 10 nella casa funeraria in contrada Chienti a Sforzacosta.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =