facebook twitter rss

Dentista e scrittore per bambini
stroncato da un malore

ADDIO - Tre comunità in lutto per la scomparsa nella notte del 79enne Abdulghani Makki, nato ad Aleppo. In Italia da 50 anni, ha vissuto tra Porto San Giorgio e Civitanova ed era conosciutissimo anche a Sant'Elpidio a Mare
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
143 Condivisioni

 

Abdulghani Makki

 

di Laura Boccanera

Tre comunità in lutto per la morte di Abdulghani Makki, medico di origine siriana in Italia da 50 anni. Si è spento all’improvviso nella notte nella sua casa di Porto San Giorgio, dove abitava, all’età di 79 anni. Ma Makki era molto conosciuto anche a Sant’Elpidio a Mare e a Civitanova, dove per anni ha lavorato come dentista, con studio medico in pieno centro, in via Nave. Nato ad Aleppo, giovanissimo, nel 1961 si era trasferito in Italia dove ha sempre lavorato facendosi apprezzare per la passione con cui svolgeva la sua professione. Uomo di cultura oltre che di scienza, appassionato di letteratura per l’infanzia, ha pubblicato con la casa editrice Zefiro molti albi illustrati. Uomo buono, dotato di un eloquio affascinante, dotato di una saggezza antica e millenaria che sembrava pararsi davanti quando raccontava della sua terra e parlava delle cose del mondo. Nelle sue storie per bambini aveva unito il ricordo della sua infanzia e della sua tradizione culturale a quella occidentale in una straordinaria operazione di sincretismo, pubblicando ninne nanne in arabo e attingendo a fiabe orientali. Lascia la moglie Nadia e le figlie Leila come lui medico dentista e Nura. Il sindaco di Sant’Elpidio a Mare Alessio Terrenzi ha espresso il proprio cordoglio alla famiglia: «professionista stimato, molto legato alla comunità elpidiense, non è mancato di impegnarsi anche politicamente per la collettività. Ha donato i suoi ricordi e le sue storie scrivendo libri per i più piccoli per i quali non ha mai fatto mancare un sorriso. Mi stringo a Leila e a tutta la famiglia Makki nel condividere un così grande dolore».

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X