Coronavirus, una giovane marchigiana
nella megalopoli cuore dell’epidemia:
«Wuhan è isolata, siamo blindati in casa»

EMERGENZA – Alessia Bartolini, studentessa 25enne di Monte Urano, racconta a Cronache Maceratesi questi terribili giorni in Cina: «Dal 23 gennaio non abbiamo più potuto prendere mezzi pubblici e lasciare la città. Usciamo armati di mascherina e disinfettante solo per fare la spesa». A due ore d’aereo lavora anche Mirko Pelati, 33 anni di Matelica: «Qui in albergo ogni qualvolta si rientra  il personale misura la temperatura corporea con uno scanner»