facebook twitter rss

Minacce di morte a ex consigliere,
proiettile dentro una busta

COLMURANO - Andrea Seri, imprenditore, aveva denunciato con dei post l'operato della passata amministrazione: «Avevo anche chiesto documentazione su manufatti realizzati vicino al palazzetto che ora sono sotto la lente della procura»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
23 Condivisioni

 

 

Andrea Seri

Ex consigliere comunale di Colmurano denuncia: «minacciato di morte con un proiettile, segnalavo ciò che non andava nel governo del Comune, avevo anche chiesto la documentazione sulla realizzazione dei manufatti di fianco al palazzetto dello sport, ora sotto la lente di ingrandimento della procura». A dirlo è Andrea Seri, imprenditore, titolare della Cosmo Seri srl. Nel maggio del 2019, come all’epoca ha denunciato ai carabinieri, ha ricevuto delle minacce via posta. L’imprenditore ai carabinieri ha riferito di aver trovato un foglio bianco, accartocciato. Lo ha aperto e dentro c’era una cartuccia da caccia blu, di marca Winchester, calibro 12. Sul foglio c’era scritto: «Fatti li c… tua».

L’imprenditore ai carabinieri aveva segnalato che in precedenza, su Facebook e via Whatsapp ai suoi contatti telefonici, aveva pubblicato numerosi post riguardanti l’attività politica della maggioranza che all’epoca guidava il Comune (in seguito, proprio a maggio, c’erano poi state le elezioni). La procura di Macerata per quanto riguarda il palazzetto, ha indagato 5 persone. Vengono contestate delle presunte irregolarità legate alla mancanza di permessi per realizzare spogliatoi e cucina. Per quanto riguarda gli spogliatoi viene contestato il fatto che ne sarebbe stato disposto l’utilizzo senza il rilascio del certificato di collaudo. Invece, per il prefabbricato che ospita la cucina, l’intervento sarebbe stato realizzato in zona sismica senza aver denunciato l’inizio dei lavori e senza aver ottenuto l’attestazione di avvenuto deposito e autorizzazione scritta dall’Ufficio tecnico regionale competente.

(redazione CM)

Sequestri al Palazzetto dello sport, cinque indagati per abusi edilizi

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X