Malore in bici,
l’imprenditore Sandro Paradisi muore
sotto gli occhi degli amici

TRAGEDIA - Aveva 60 anni ed era titolare dell'omonima azienda di torneria meccanica di Jesi. E' stramazzato al suolo in via Santa Caterina a Staffolo mentre stava pedalando in gruppo
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
ciclista_morto-Sandro_Paradisi1-650x488

Sandro Paradisi

 

di Talita Frezzi

Una domenica come le altre, trascorsa con il solito gruppo di ciclisti amatori a pedalare su e giù per le colline della Vallesina. Ma la corsa di stamattina si è trasformata in tragedia. Verso le 10,30 mentre il gruppo stava pedalando in via Santa Caterina, nei pressi di una cantina vinicola, uno dei ciclisti ha iniziato a stare male ed è stramazzato al suolo. Era Sandro Paradisi, noto imprenditore jesino, presidente della Paradisi srl,  azienda di torneria meccanica situata nella zona industriale Zipa. Sessant’anni, sportivo e abituato all’attività in bici, ha perso i sensi mentre pedalava, tradito da un malore, forse un infarto. I compagni hanno subito capito che era in arresto cardiaco e hanno tentato di rianimarlo, praticando il massaggio cardiaco e tutte le manovre rianimatorie, che si sono rivelate purtroppo vane. Immediato l’allarme al 118. Sul posto a sirene spiegate l’automedica del 118 di Jesi e l’ambulanza della Croce verde di Staffolo, insieme ai carabinieri della stazione locale. I sanitari hanno provato disperatamente a salvarlo, ma purtroppo non ce l’hanno fatta. Paradisi si è spento sull’asfalto di via Santa Caterina, tra lo sgomento e lo choc di quanti si trovavano insieme a lui per quella che doveva essere la solita pedalata della domenica.  La notizia della morte dell’imprenditore si è presto diffusa a Jesi, dove Paradisi era molto conosciuto e benvoluto dalla comunità.  Lascia due figlie, la moglie, la sorella Tiziana e tantissimi amici. La famiglia ha incaricato le onoranze funebri David Icof di curare tutti gli aspetti legati al funerale. La salma è stata trasferita alla sala del commiato di Ciccoli e Brunori in via don Battistoni alla Zipa, dove domani in tarda mattinata sarà aperta la camera ardente.

(ultimo aggiornamento alle 15,41)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X