facebook twitter rss

Malore in bici,
l’imprenditore Sandro Paradisi muore
sotto gli occhi degli amici

TRAGEDIA - Aveva 60 anni ed era titolare dell'omonima azienda di torneria meccanica di Jesi. E' stramazzato al suolo in via Santa Caterina a Staffolo mentre stava pedalando in gruppo
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
56 Condivisioni

Sandro Paradisi

 

di Talita Frezzi

Una domenica come le altre, trascorsa con il solito gruppo di ciclisti amatori a pedalare su e giù per le colline della Vallesina. Ma la corsa di stamattina si è trasformata in tragedia. Verso le 10,30 mentre il gruppo stava pedalando in via Santa Caterina, nei pressi di una cantina vinicola, uno dei ciclisti ha iniziato a stare male ed è stramazzato al suolo. Era Sandro Paradisi, noto imprenditore jesino, presidente della Paradisi srl,  azienda di torneria meccanica situata nella zona industriale Zipa. Sessant’anni, sportivo e abituato all’attività in bici, ha perso i sensi mentre pedalava, tradito da un malore, forse un infarto. I compagni hanno subito capito che era in arresto cardiaco e hanno tentato di rianimarlo, praticando il massaggio cardiaco e tutte le manovre rianimatorie, che si sono rivelate purtroppo vane. Immediato l’allarme al 118. Sul posto a sirene spiegate l’automedica del 118 di Jesi e l’ambulanza della Croce verde di Staffolo, insieme ai carabinieri della stazione locale. I sanitari hanno provato disperatamente a salvarlo, ma purtroppo non ce l’hanno fatta. Paradisi si è spento sull’asfalto di via Santa Caterina, tra lo sgomento e lo choc di quanti si trovavano insieme a lui per quella che doveva essere la solita pedalata della domenica.  La notizia della morte dell’imprenditore si è presto diffusa a Jesi, dove Paradisi era molto conosciuto e benvoluto dalla comunità.  Lascia due figlie, la moglie, la sorella Tiziana e tantissimi amici. La famiglia ha incaricato le onoranze funebri David Icof di curare tutti gli aspetti legati al funerale. La salma è stata trasferita alla sala del commiato di Ciccoli e Brunori in via don Battistoni alla Zipa, dove domani in tarda mattinata sarà aperta la camera ardente.

(ultimo aggiornamento alle 15,41)

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X