«Autovelox, ennesimo agguato
dei vigili in superstrada»

BELFORTE - Denuncia dell'ex assessore provinciale Giovanni Torresi, che si appella anche al prefetto: «Chi guida deve certamente rispettare i limiti previsti, ma anche i servizi di accertamento della velocità devono avvenire nel pieno rispetto delle norme, che prevedono che i vigili urbani siano ben visibili»
- caricamento letture

 

vigile-belforte-autovelox-1-e1576604521711-650x389

Il vigile al centro della polemica, con il segnale che dovrebbe avvertire gli automobilisti subito davanti ai suoi piedi

 

Vigile sorpreso da un automobilista dietro all’autovelox, nuova denuncia pubblica dell’ex assessore provinciale ed ex sindaco di Pioraco Giovanni Battista Torresi, che da anni si batte anche sui social per il pieno rispetto delle normative, in materia di accertamento della velocità, lungo la superstrada Valdichienti.

vigile-belforte-autovelox-3-e1576604550380-650x406«Un automobilista in transito – spiega Torresi – mi ha fornito la fotografia di un agente della polizia locale di Belforte, che in una piazzola di sosta lungo la Valdichienti era di fatto nascosto dietro l’apparecchio per la rilevazione della velocità, risultando non visibile agli automobilisti. Chi guida deve certamente rispettare i limiti di velocità previsti, ma anche i servizi di accertamento della velocità tramite autovelox, devono avvenire nel pieno rispetto delle norme, che prevedono che i vigili urbani siano ben visibili». Torresi non si stanca di raccogliere testimonianze e documentazione fotografica, mettendoci la faccia, su un frequentatissimo gruppo Facebook. «Le immagini parlano chiaro – aggiunge Torresi – Lancio un appello al prefetto Iolanda Rolli affinché ci sia rispetto della normativa ed invito il presidente dell’Unione montana dei Monti Azzurri Giampiero Feliciotti a vigilare su quanto accade, visto che nella zona è stato attuato un consorzio tra le polizie locali di vari comuni, sotto l’egida dell’ente montano. Le regole devono rispettarle tutti, non solo gli automobilisti». La denuncia fotografica ha suscitato indignazione nei frequentatori dei social e spinto Torresi ad un nuovo appello pubblico alle autorità affinché intervengano.

vigile-belforte-autovelox-2-e1576604531600-650x435



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X