La viocca è la gajina che coa

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
mario-monachesi

Mario Monachesi

 

di Mario Monachesi 

In italiano chioccia, “è la gajina che coa e ‘llea (alleva) li purginelli. Quanno la vergara se ‘ccurghja che ‘na gajina se ‘ccoava”, cioė si accovacciava e smetteva di produrre uova, “pijiava un cistu co’ la paja e ce sistemava essa e oe”. Le uova posizionate erano sempre dispari, di solito 21. A dar vita, poi, ai pulcini, erano quelle che, “grazie a lu gallu, che dentro un pujà’ (pollaio) no’ mancava mai”, risultavano feconde. “Lu gallu canta ma è la gajina che fa l’ou”. “La durata de la coa era de 20 o 21 jorni. Le casate (famiglie) piu grosse mittia anche 5 viocche pe’ orda. Non è che a quilli tempi se java tanto spisso a comprà’ la carne de macellu, allora de puji più ce n’èra e mejo era. Po’ c’era quilli da portà’ a lu patró’, a lu fattó’ e quilli da regalà in che occasió’ ‘mportante. Senza contà’ quilli ce vulia pe’ lo mète e lo vatte. Dentro lu cistu do’ la viocca coava c’era chj (per scaramanzia) usava mettece checcosa de fero, un chjodu o un sordu. Li cisti duvia esse tinuti in posti calli e reguardati come la stalla, lu mestecà’ (fienile), ‘na cappanna o un magazzì’. Dopo ‘na jicina de jorni l’oe se sperava. La vergara ne pijiava unu per vorda e mistu controluce vidia se era vuju o vonu. In quillu vonu ce se ‘ntravidia checcó’ de scuro (il pulcino in formazione), in quillu vuju gnente, tutto chjaro”. Quest’ultime uova venivano buttate via.

chioccia-che-covaOgni giorno “la viocca vinia fatta calà’ pe’ ‘na menzoretta da lu cistu per falla magnà’ e faje fa’ li visogni. Mista dentro ‘na crina su lu pratu, la vergara je dacia l’orzola, lo gra’ o lo granturco. C’era chj pe’ daje più viguria, je preparava un mischjato de farine e vi’. Appena fatto rvinia fatta rmontà’ dentro lu cistu e li vona vona rmania fino a lu jornu dopo. Ogni tanto, per fa’ scallà’ l’oe sopre e sotto, le rghjrava co’ le zampe, po’ je se rmittia sopre co’ dilicatezza, senza mai spappanne una, anzi protegghjennole”. Dopo 18 giorni circa, “l’oi cuminciava a pizzà’ (rompersi), allora la vergara che era sempre in allerta e vigile, “a quilli ‘vviati je dacia ‘na ma’ roppennone essa che pizzittu, cusci’ pe’ lu purginellu, ormai prontu, era più facile vinì fori.  Come nascia vinia misti dentro un cistu o ‘na scattola co’ ‘n po’ de paja e coperti co’ ‘na pezza de lana per tenelli calli. Se era d’inverno, la sera lu cistu vinia portatu dentro casa ‘ccanto a lu camì’ ‘ppicciu. A la viocca je java de orda in orda leati sennò smittia de coà’ l’oè rmaste”. Dopo diversi giorni che erano nati tutti, piano piano uscivano con “la mamma” (chioccia) in giro per il prato. A sera, per salvaguardarli ancora un po’, venivano nuovamente riposti nei cesti all’interno di un locale sicuro. Il loro nemico maggiore era la volpe. Non a caso ogni tanto giravano per le campagne giovani mostrando pelli di volpi, affermando di averle uccise da poco e quindi di aver eliminato un pericolo per “puji, viocche e purginelli”. Pertanto chiedevano uova come compenso. Però alcuni ci marciavano, giravano con pelli vecchie, già mostrate negli anni passati. Nel dubbio, “la vergara o lu vergà’, che ou je lu stinnia sempre”.

pulcinoUn anonimo ha scritto La settimana del pulcino: “Lunedi chiusin chiusino. / Martedi bucò l’ovino. / Sbucò fuori mercoledì. / Pio, pio, pio giovedì. / venerdi fa un bel saltino. / Beccò sabato un bel granino. / La domenica mattina / aveva già la sua crestina”. Un’altra filastrocca scritta da Mario Lodi così recita: “Da tanti giorni / la chioccia cova / un mucchio d’uova. / In ogni guscio / un pulcino cresce / e un bel giorno… / lo colpisce di becco / lo spacca ed esce: / pio…pio… ci sono anch’io! / E al vecchio gallo / che li vicino / superbo sta / dice il pulcino: ciao papà”.
Di chiocce e pulcini hanno scritto i più grandi poeti, tra questi Clemente Rebora e Gianni Rodari. “A le viocche vinia miste a coà’ anche l’oe dell’oca, invece papere e vire (tacchine) de solitu coava esse. Li supistiziusi non facia cumincià a coà né de miccurdi, né de venardi, e facia in modu de fa’ nasce tutto e tutti a luna crescente”. All’epoca erano in voga anche diversi modi di dire, ad una persona triste e in disparte veniva detto: “Che te s’è morta la viocca su l’oe?”. Oppure: “Che fai suscì ‘bbioccatu?”. A chi invece non andava bene l’orologio, la frase rivolta era: “Mittilu sotto la viocca”.

viocca



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X