facebook twitter rss

Tragedia in piscina,
muore un 33enne

DRAMMA questa mattina nell'impianto comunale di Fermo
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
268 Condivisioni

 

 

di Giorgio Fedeli

Tragedia questa mattina a Fermo, dove un giovane di 33 anni è morto mentre si trovava nella piscina comunale. Tempestivo il soccorso del personale dell’impianto da cui, contemporaneamente, è partita la richiesta di intervento al 118. E quando è scattato l’sos alla volta della centrale operativa del 118 di Ascoli, sul posto si sono precipitati i militi della Croce verde di Fermo e l’automedica della Croce azzurra Sant’Elpidio a Mare. Ma ormai per il ragazzo non c’era più nulla da fare. Insieme agli operatori sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Fermo, che si trova a poche centinaia di metri di distanza dal luogo del dramma. Resta da capire se il ragazzo si trovasse in acqua o meno, e cosa stesse facendo quando è stato colto dal malore fatale. Comunque il decesso non sarebbe da ricondurre all’attività sportiva.

Il ragazzo era in acqua con il suo assistente personale con il quale svolgeva la propria attività. Il magistrato non ha disposto nessun limite allo svolgimento delle attività natatorie in quanto gli accertamenti prontamente svolti in loco ed il differimento della salma non hanno reso necessario alcun tipo di provvedimento. Gli istruttori presenti, tutti muniti di brevetto da salvamento, sono infatti prontamente intervenuti con massaggio cardiaco in attesa dell’arrivo del personale sanitario. Le due assistenti bagnanti presenti a bordo vasca sono intervenute all’istante: una stava svolgendo regolare lezione di acquagym e si è buttata in acqua ad aiutare l’assistente del ragazzo per poi farlo uscire dalla corsia mentre l’altra prontamente è corsa a prendere il defibrillatore chiamando contemporaneamente i soccorsi del 118. Subito fatto il massaggio cardiaco predisponendo il defibrillatore per poi lasciare spazio agli operatori dell’emergenza. Presente sul posto anche un’infermiera che stava facendo la sua lezione che ha verificato il rispetto delle procedure di soccorso. Il sindaco Paolo Calcinaro ha subito annullato le conferenze stampa in programma questa mattina in Comune.

(Servizio in aggiornamento)

 

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X