Pesce senza tracciabilità,
sequestrati oltre 250 chili

CIVITANOVA - Operazione della Guardia Costiera, il prodotto ittico era sprovvisto di documentazione che ne accertasse la provenienza e sarà distrutto
- caricamento letture

 

sequestro-253-chili-pesce-guardia-costiera-6-650x488

Il pesce sequestrato

 

Sequestrati ieri dalla Guardia Costiera a Civitanova 253 chili di pescato e un esemplare di tonno rosso (la cui cattura, anche accidentale, è vietata) senza alcun documento che ne attestasse la provenienza.

sequestro-253-chili-pesce-guardia-costiera-3-325x244L’operazione nell’ambito di una complessa attività di polizia finalizzata alla repressione del commercio illegale di prodotto ittico allo stato di novellame (cosidetto sottomisura). I veterinari dell’Asur, intervenuti su richiesta dei militari di Ancona e Civitanova, hanno dichiarato il prodotto ittico non idoneo al consumo, poiché sprovvisto di qualsivoglia tracciabilità, pertanto, lo stesso sarà distrutto. Ai trasgressori, oltre al sequestro del prodotto, è stata comminata una sanzione amministrativa di 11.500 euro. Il risultato conseguito dal personale della Guardia Costiera, è frutto di una costante attività investigativa volta a debellare il commercio illegale di prodotto ittico, assicurare il rispetto delle norme in materia di rintracciabilità al fine di garantire la salvaguardia della salute pubblica e la tutela delle risorse biologiche.

 

sequestro-253-chili-pesce-guardia-costiera-4-488x650

sequestro-253-chili-pesce-guardia-costiera-5-650x488

sequestro-253-chili-pesce-guardia-costiera-1-504x650

sequestro-253-chili-pesce-guardia-costiera-2-488x650

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X