facebook twitter rss

“Rifiuti zero. Come? Perchè?”
Ercolini risponde a Mogliano

INCONTRO con il vincitore del Goldman Environmental Prize del 2013, quello che per molti è il premio Nobel per l’ambiente, in programma venerdì e sabato all'auditorium San Nicolò
martedì 8 Ottobre 2019 - Ore 08:11 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
38 Condivisioni

 

Rossano Ercolini

“Rifiuti zero. Come? Perché?”. Si terrà l’11 ed il 12 ottobre all’auditorium San Nicolò di Mogliano un incontro per rispondere a queste ed altre domande insieme a Rossano Ercolini, vincitore del Goldman environmental prize del 2013, quello che per molti è il premio Nobel per l’ambiente, e ad altri esperti. L’appuntamento, patrocinato dal Comune, è organizzato dall’associazione Marche a rifiuti zero, con la collaborazione con l’associazione Comuni Virtuosi ed il contributo della Nuova Salvambiente di Pollenza, del Css comitato Salva Salute di Castelraimondo, del Comitato Salute Territorio di Corridonia, delle liste civiche Mogliano 313 e Siamo Mogliano, entrambe di Mogliano, e di Italia Nostra sezione di Macerata. L’incontro è finalizzato a far conoscere le buone pratiche per la gestione dei rifiuti e soprattutto per l’ottimizzazione della spesa al fine di garantire una minor tassazione per i cittadini.

«Con Zero rifiuti o Rifiuti Zero si indica una strategia di gestione dei rifiuti che si propone di riprogettare la vita ciclica dei rifiuti – si legge in una nota diffusa dagli organizzatori – considerati non come scarti ma risorse da riutilizzare come materie prime seconde, contrapponendosi alle pratiche che prevedono necessariamente processi di incenerimento o discarica, e tendendo ad annullare o diminuire sensibilmente la quantità di rifiuti da smaltire. Il processo si basa sul modello di riutilizzo delle risorse presente in natura. Tutti siamo bravi e esperti nella raccolta dei rifiuti ma siamo ancora indietro e poco efficaci nel riciclo e riutilizzo degli stessi. Oltre ad Ercolini, presidente di Zero Waste Europe, fondazione a scala europea che coordina l’azione di una miriade di associazioni nazionali e locali, sarà presente Dalmazio Chiacchiarini, ex funzionario del Comune di Serra dei Conti, che nel 1982 iniziò la pratica della raccolta differenziata e l’applicazione della tariffa puntuale di cui molto si discute, cioè quella tassazione in cui l’importo è calcolato sulla base della quantità di rifiuti effettivamente prodotta da ogni singolo utente e non su base parametrica, con riferimento alla superficie dell’abitazione o al numero degli occupanti. Sabato mattina, l’incontro avrà come tema “Un territorio da salvare” nel quale Ercolini incontrerà oltre che i cittadini anche le associazioni del territorio e gli amministratori dei comuni maceratesi per un completo resoconto delle pratiche attuative effettivamente messe in campo in Italia e che verranno mostrate tramite la proiezione di un documentario realizzato dall’associazione dei comuni virtuosi: enti pubblici, comuni e associazioni presenteranno i loro progetti, le relative finalità e i risultati che hanno effettivamente raggiunto. Con Gianluca Fioretti, ex sindaco di Monsano e tra i fondatori dell’associazione dei comuni virtuosi, si vedrà l’applicazione concreta della filosofia dei “Rifiuti zero”, con l’elencazione dei 20 passi per giungere ad una raccolta che permetta una miglior gestione dei rifiuti».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X