facebook twitter rss

Quinta G, una classe indivisibile:
dopo vent’anni ancora insieme

MACERATA - Diplomati al Galilei nel 1999 hanno contnuato a vedersi spesso negli anni, per il calcetto, le gite e le cene. L'ultima in ricordo della prof recentemente scomparsa Mariella Malatini
lunedì 7 Ottobre 2019 - Ore 11:46 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
287 Condivisioni

Era il luglio del 1999 quando 23 giovani maceratesi si affacciavano alla vita adulta. Ma i 5 anni appena trascorsi insieme al liceo scientifico “Galilei” di Macerata sarebbero restati per sempre dentro di loro. La magia che si era creata li avrebbe uniti con un filo invisibile ma indissolubile. «La serata di sabato – raccontano i protagonisti dell’incontro a distanza di venti anni – è stato un bel momento per ritrovarsi ma in verità non ci siamo mai persi di vista. Anche prima dell’avvento dei social e dei mezzi tecnologici che oggi favoriscono le comunicazioni di gruppo, nel corso degli anni, noi “Classe 1980” abbiamo continuato a frequentarci. Per 12 edizioni continuative dal 1999 al 2011 è andato in scena il “Memorial 5°G” in cui dopo il pretesto di una sfida a calcetto tra i maschietti della classe ci si sedeva a tavola tutti insieme per una cena. La sfida ci aveva preso così tanto che per ben 3 edizioni la location è stata trasferita all’estero. Facendo cosi rivivere le emozioni adolescenziali delle gite scolastiche. Memorabili le trasferte in successione del 2007 a Praga, del 2008 a Dublino e del 2009 a Madrid. Qualche infortunio di troppo e motivi di lavoro che hanno allontanato qualcuno di noi dalle Marche, non hanno permesso di far continuare le partite, ma le cene…quelle si.»

L’affiatato gruppo si è ritrivato stavolta davanti alla scalinata del “Galileo Galilei”, dove si è stappata la prima bottiglia in ricordo dei vecchi tempi. Poi la location per il ventennale è stata scelta non a caso nella stessa casa in cui nel marzo del 1999 si era svolta la festa dei “100 giorni”. Dopo cena è stata la volta della visione delle foto e del racconto degli aneddoti fino a tarda notti, proprio come facevano da ragazzi. Un brindisi speciale è andato in onore della professoressa Mariella Malatini, recentemente scomparsa:  «Perché siamo sicuri che se siamo qui oggi ancora uniti, in parte lo dobbiamo anche a lei, e che una cena in suo onore è stato il modo migliore per ricordarla e che a lei sarebbe piaciuto così».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X