«Questura e commissariato:
mancano le camere di sicurezza»
La denuncia del Siulp

MACERATA - Il segretario del sindacato Damiano Cioppettini ha chiesto un incontro al questore per parlare della situazione del capoluogo e di Civitanova
- caricamento letture

 

prefettura-questura-macerata-2-450x337

La questura di Macerata

«Spesso la notte vi è un’unica volante sul territorio, una a Macerata ed una a Civitanova Marche, ognuna con due operatori. Immaginiamo la pattuglia che rientra alle tre di notte in ufficio con due arrestati. Deve gestire la loro vigilanza e deve attivare tutta la delicata attività di polizia giudiziaria che formalizzerà l’arresto con verbali e relazioni». Sono le parole di Damiano Ciopettini, segretario del Siulp, il sindacato di polizia più rappresentativo in Italia e in Provincia, che denuncia l’assenza di una camera di sicurezza agibile sia nella questura di Macerata, che nel commissariato di Civitanova. «La camera di sicurezza è un ambiente protetto per soggetti arrestati, adeguatamente attrezzato con telecamere e interni speciali tali da garantire l’incolumità anche da atti autolesionisti, ma fondamentale a garantire la sicurezza degli operatori di polizia – spiega Ciopettini – Ad oggi le persone in stato di arresto accompagnate devono essere sorvegliate a vista dagli agenti, anche durante la notte, in attesa del processo per direttissima nelle stesse stanze in uso al personale operante». Il Siulp ha quindi richiesto un incontro urgente al questore per esprimere tutti i dubbi e perplessità a riguardo. «E’ inconcepibile altresì – aggiunge Cioppettini – che gli utenti dell’ufficio passaporti o di altri uffici, aperti al pubblico, si debbano ammassare nel cuore pulsante della questura, attraversando corridoi, crocevia di altri uffici operativi riservati al personale interno. In passato fu proposto un progetto finalizzato alla soluzione del problema, ma ad oggi nulla. Come avvenuto per l’Ufficio immigrazione, il cui trasferimento nella nuova sede sembra imminente, grazie all’impegno attivo del prefetto Iolanda Rolli e del questore Antonio Pignataro, anche queste problematiche devono essere risolte a breve. I tempi che corrono non permettono più rallentamenti o errori. La sicurezza degli operatori e della cittadinanza prima di tutto».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X