facebook twitter rss

Si sveglia con i ladri in casa:
«Fermo, non ti muovere»

BELFORTE - Il furto è avvenuto questa mattina intorno alle 9,45. M. P. si è trovato davanti i due malviventi al risveglio. Presente anche un terzo complice che li attendeva su di un'auto. Il bottino si aggira sui 4mila euro. È il secondo colpo nel giro di meno di una settimana
mercoledì 14 Agosto 2019 - Ore 16:31 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
168 Condivisioni

 

La devastazione in casa

 

di Giacomo Gardini

«Fermo lì, non provare a muoverti». Questo hanno intimato alcuni malviventi a M.P., 24enne di Belforte, svegliato dai ladri mentre dormiva. È successo questa mattina a Belforte, in via Palmiro Togliatti, intorno alle 9,45, quando due uomini hanno fatto irruzione nella casa di suo nonno Albino, mentre lui stava ancora dormendo. Il valore del bottino, principalmente oro, ammonta a circa 4mila euro. A raccontare la vicenda è lo zio del ragazzo, figlio di Albino, Massimo Pasqualini, ex presidente della Belfortese: «La casa si sviluppa su più piani – spiega -. I due malviventi sono entrati dalla mansarda, per poi scendere nei due appartamenti sottostanti. Al secondo piano hanno fatto terra bruciata: hanno distrutto ogni cosa. Porte sfondate, il cassettone della serrandina spaccato, hanno agito in fretta nella smania di trovare qualcosa». Una volta terminate le scorribande, i due delinquenti sono scesi al piano terra, proprio dove stava ancora dormendo il nipote. «Il ragazzo è stato svegliato di soprassalto dai rumori che provenivano dal piano di sopra – racconta Pasqualini – e dal nostro cane che stava abbaiando. Una volta aperti gli occhi, con la vista ancora annebbiata dal sonno, si è alzato per andare a controllare. E’ in quel momento, arrivato al corridoio della camera, che se li è trovati davanti. Gli hanno intimato di restare immobile e sono subito fuggiti all’esterno dell’abitazione». Qui, c’era un terzo complice ad attenderli, in un’Audi A3 grigia. Un testimone, che passava di lì proprio in quel momento, dice di averli visti sfrecciare a tutta velocità in direzione Camporotondo. «Se non ci fosse stato mio nipote – dice l’ex presidente della Belfortese – avrebbero fatto lo stesso al piano terra. Hanno portato via oro, tra cui una catenina e un anello». «La situazione è diventata insostenibile – conclude -. Venerdì scorso un altro furto, sempre in pieno giorno, sempre qui a Belforte». Nel pomeriggio, i carabinieri della Compagnia di Tolentino procederanno al vaglio delle immagini raccolte da una telecamera installata lungo la strada, nelle vicinanze di via Togliatti. 

 

Ladri in azione, colpo a segno: rubata anche una pistola

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X